Nuovo trattamento per l’ictus riduce il danno cerebrale

ictus

Immagine: (ictus): gli esosomi, indicati come piccoli gruppi rossi, sono assorbiti dai neuroni, mostrati come estensioni di cellule verdi che circondano un nucleo blu. Credito: Università della Georgia.

Un team di ricercatori del Regenerative Bioscience Center della University of Georgia e ArunA Biomedical, una start-up UGA, ha sviluppato un nuovo trattamento per l’ictus che riduce il danno cerebrale e accelera le naturali tendenze di guarigione del cervello nei modelli animali.

La ricerca è stata pubblicata dalla rivista Translational Stroke Research.

Il gruppo di ricerca guidato dal Prof.Steven Stice della UGA e Nasrul Hoda della Augusta University ha creato un trattamento chiamato AB126 utilizzando vescicole extracellulari (EV), strutture piene di liquido conosciute come esosomi, che sono generate da cellule staminali neurali umane.

( Vedi anche:Ictus:evoluzione esplosiva di tecniche per ripristinare il flusso di sangue al cervello).

Completamente in grado di mimetizzarsi all’interno del flusso sanguigno, questo tipo di terapia EV rigenerativa sembra essere più promettente nel superare i limiti di molte terapie cellulari – con la capacità degli esosomi di trasportare e somministrare dosi multiple – nonché la capacità di immagazzinare e somministrare il trattamento. Di piccole dimensioni, la minuscola forma tubolare di un esosoma consente alla terapia EV di superare barriere che le cellule non possono superare.

“Questa è una prova veramente eccitante, perché gli esosomi sono dotati di una caratteristica che è la segretezza e sono invisibili anche alle difese del corpo”, ha spiegtao Stice della Georgia Research Alliance Eminent Scholar e DW Brooks Distinguished Professor presso il College of Agricultural and Environmental Sciences. “Quando sono confezionati con prodotti terapeutici, questi trattamenti possono effettivamente cambiare la progressione cellulare e migliorare il recupero funzionale“.

In seguito alla somministrazione di AB126, i ricercatori hanno utilizzato le scansioni MRI per misurare i tassi di atrofia cerebrale in modelli di ictus preclinici, corrispondenti all’età , che hanno mostrato una riduzione del 35% circa delle dimensioni del danno e una riduzione del 50% della perdita del tessuto cerebrale – qualcosa non osservato accuratamente in precedenti studi sul trattamento con exosome per l’ ictus.

I risultati dello studio sono stati replicati da Franklin West, Professore associato di animal and dairy science e da altri membri RBC su un modello di ictus suino, l’unico del suo genere negli Stati Uniti.

“Sulla base di questi risultati pre-clinici, ArunA Biomedical prevede di iniziare gli studi sull’uomo nel 2019”, ha affermato Stice che è anche Direttore scientifico dell’ ArunA Biomedical.

“Fino ad ora, avevamo pochissime pro<ve specifiche sul trattamento con exosomi neurali e sulla loro capacità di migliorare la funzione motoria”, ha aggiunto Stice. “Solo pochi giorni dopo l’ictus, abbiamo osservato una migliore mobilità, un migliore equilibrio e benefici comportamentali misurabili nei modelli animali trattati”.

La Georgia continua a superare la media nazionale dei decessi per ictus che è la terza causa di morte negli Stati Uniti, con oltre 140.000 americani che muoiono ogni anno, secondo il Centers for Disease Control and Prevention.

Oggi,  ArunA soddisfa la domanda clinica iniziale con la produzione di esosomi AB126. La società ha in programma di espandere questa iniziativa oltre l’ictus per gli studi preclinici sull’ epilessia, lesioni traumatiche del cervello e del midollo spinale, entro quest’anno.

Fonte: Translational Stroke Research

Altri articoli su ictus