Ictus: ‘evoluzione esplosiva’ di tecniche per ripristinare il flusso di sangue al cervello

cervello,ictus

Gli ultimi decenni hanno visto una “evoluzione esplosiva” di tecniche per ripristinare il flusso di sangue nelle aree del cervello danneggiate da ictus o arterie intasate, secondo uno studio condotto da neurologi e neurochirurghi della Loyola Medicine.

Storicamente, l’introduzione di microscopi operativi ha permesso ai chirurghi di eseguire delicati interventi di microchirurgia per riparare le arterie intasate e rimuovere i coaguli di sangue che causano l’ictus. Più recentemente, i medici hanno iniziato a utilizzare tecniche endovascolari minimamente invasive.

( Vedi anche:Nuova strategia per la prevenzione e diagnosi di tumori, ictus e malattie delle arterie periferiche).

“Gli ultimi 50-60 anni hanno assistito a un’evoluzione esplosiva di tecniche volte a ripristinare il flusso sanguigno in regioni cerebrali compromesse” dice l’autore senior Camilo R. Gomez.

Lo studio è stato pubblicato il 9 Nov 2017 in MedLink Neurology .

Le tecniche endovascolari non richiedono un invasivo intervento chirurgico aperto. Lo specialista utilizza cateteri (tubi sottili) che vengono guidati attraverso i vasi sanguigni al cervello. Dalla punta del catetere, il medico distribuisce stent o altri dispositivi per ripristinare il flusso di sangue.  Queste tecniche endovascolari hanno “amplificato le dimensioni dell’assistenza per molti pazienti le cui opzioni terapeutiche erano precedentemente limitate”, hanno scritto gli autori della Loyola.

Insufficienza vascolare cerebrale (insufficiente flusso di sangue al cervello) aumenta il rischio di ictus ed è una delle principali cause di morte neurologica e disabilità in tutto il mondo. È in genere causata da aterosclerosi (accumulo di grassi, colesterolo e altre sostanze che ostruiscono le arterie che forniscono sangue al cervello).

Le tecniche e le procedure utilizzate per migliorare il flusso di sangue al cervello sono simili a quelle utilizzate nelle procedure cardiache. Includono chirurgia di bypass, angioplastica con palloncino e stenting. Uno degli ultimi dispositivi è chiamato stent retriever (noto anche come stentriever). Il dispositivo è un tubo a maglie autoespandibile collegato a un filo. Il dispositivo viene guidato attraverso i vasi sanguigni verso un coagulo che blocca il flusso di sangue a una parte del cervello. Il dispositivo spinge il coagulo di sangue contro la parete del vaso sanguigno, ripristinando immediatamente il flusso sanguigno. Lo stent retriever viene quindi utilizzato per afferrare il coagulo, che viene estratto quando il medico rimuove il catetere.

Il Dr. Gomez ha iniziato a eseguire procedure neuroendovascolari più di 20 anni fa, quando questo tipo di ricerca era ancora alle prime armi. Durante quel periodo c’è stato un enorme miglioramento sia nei dispositivi che delle tecniche. “Le probabilità che un ictus abbia un buon risultato sono due o tre volte migliori rispetto a 10-15 anni fa”, ha detto il Dr. Gomez.

Le moderne tecniche endovascolari possono, in effetti, fermare un ictus nella sua fase iniziale rimuovendo i coaguli. Ha detto il neurochirurgo di Loyola Joseph C. Serrone, uno dei coautori dell’articolo: “Sette studi clinici hanno dimostrato che le tecniche endovascolari ripristinano una funzione significativa in questi pazienti”.

“Negli ultimi due decenni, ci sono stati enormi progressi nel modo in cui vengono trattati gli ictus ischemici” ha aggiunto il neurochirurgo della Loyola, Matthew R. Reynolds anche coautore dell’articolo.”Con l’avvento della trombectomia meccanica (rimozione dei coaguli di sangue) e delle tecniche minimamente invasive, i pazienti che altrimenti sarebbero permanentemente disabili a causa dell’ ictus possono spesso condurre una vita normale e produttiva. È davvero un momento eccitante per un neurochirurgo endovascolare”.

Il Dr. Gomez ha aggiunto che altre procedure chirurgiche ed endovascolari descritte nell’ articolo possono prevenire gli ictus ripristinando il flusso sanguigno nei vasi bloccati cronicamente. I Drs. Serrone e Reynolds, che hanno una formazione e una competenza specialistiche, sono stati recentemente reclutati per unirsi al programma di chirurgia neuroendovascolare della Loyola.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su cervello, ictus