Home Salute Cervello e sistema nervoso THC (Cannabis) ha qualità neuroprotettive

THC (Cannabis) ha qualità neuroprotettive

Un’ampia ricerca scientifica è stata condotta sulle proprietà terapeutiche della marijuana, negli ultimi dieci anni. La Cannabis medica è spesso utilizzata da chi soffre di malattie croniche, tra cui il cancro e disturbi da stress post-traumatico, per combattere il dolore, insonnia, mancanza di appetito e altri sintomi.

Ora Il Prof. Yosef Sarne  dell’Università di Tel Aviv  presso il Centro per la biologia delle malattie da dipendenza della Facoltà Sackler di medicina, sostiene che il farmaco ha anche qualità neuroprotettive. Egli ha scoperto che dosi estremamente basse  di THC – il componente psicoattivo della marijuana – proteggono il cervello dai danni cognitivi a lungo termine a seguito di ipossia da lesioni (mancanza di ossigeno), convulsioni, o farmaci tossici. Il danno cerebrale può avere conseguenze che vanno da deficit cognitivi lievi a gravi danni neurologici.

Precedenti studi sono stati focalizzati su dosi elevate di THC in breve lasso di tempo – circa 30 minuti – prima o dopo l’infortunio. L’attuale ricerca del Prof. Sarne, pubblicata sulla riviste Behavioural Brain Research e Experimental Brain Research , dimostra che anche dosi molto basse di THC – circa 1.000 a 10.000 volte inferiore a quella di una tradizionale sigaretta di marijuana – somministrate in un  arco di tempo  da 1 a 7 giorni prima o 1-3 giorni dopo la lesione, può promuovere processi biochimici che proteggono le cellule del cervello e  preservare le funzioni cognitive nel corso del tempo.

“Questo trattamento potrebbe essere applicabile a molti casi di lesioni cerebrali ed essere più sicuro nel tempo” ha affermato il Prof. Sarne.

Condizionamento del cervello

Durante l’esecuzione di esperimenti sulla biologia della cannabis, il Prof. Sarne ei suoi colleghi ricercatori hanno scoperto che basse dosi del farmaco hanno avuto un grande impatto sulla segnalazione cellulare, prevenendo la morte delle cellule e la promozione di fattori di crescita. Questa scoperta ha portato ad una serie di esperimenti volti a verificare la capacità neuroprotettiva di THC in risposta a varie lesioni cerebrali.

In laboratorio, i ricercatori hanno iniettato topi con una singola dose bassa di THC prima o dopo l’esposizione  a trauma cerebrale. Il  gruppo di controllo era costituito da topi che  subito dopo le  lesioni cerebrali non hanno ricevuto il trattamento con THC. Quando i topi sono stati esaminati 3-7 settimane dopo il trauma iniziale, i destinatari del trattamento con THC  hanno dimostrato risultati migliori nei test comportamentali di misurazione dell’apprendimento e della memoria. Inoltre, studi biochimici hanno mostrato quantità accresciuta di sostanze chimiche neuroprotettive nel gruppo di trattamento, rispetto al gruppo di controllo.

“L’uso di THC può prevenire danni cognitivi  che derivano  dalla lesione cerebrale,  a lungo termine, concludono i ricercatori. Una spiegazione di questo effetto è pre-e post-condizionamento, per cui il farmaco provoca piccoli danni  al cervello per costruire la resistenza e far scattare le misure di protezione a fronte di un infortunio molto più grave”, ha spiegato  il Prof. Sarne. Il basso dosaggio di THC è fondamentale per avviare questo processo, senza causare troppi danni iniziali.

Uso preventiva e di lunga durata

Secondo il Prof. Sarne, ci sono diversi vantaggi pratici derivanti da questo trattamento. A causa del lungo tempo di trattamento  terapeutico, questo farmaco può essere utilizzato non solo per trattare lesioni dopo il trauma, ma anche per prevenire lesioni che possono verificarsi nel futuro. Ad esempio, macchine cuore-polmone  utilizzate in chirurgia a cuore aperto, comportano il rischio di interrompere l’afflusso di sangue al cervello e il farmaco può essere consegnato in anticipo come misura preventiva. Inoltre, il basso dosaggio rende il farmaco sicuro per uso regolare in pazienti a rischio costante di lesioni cerebrali, quali epilettici o persone ad alto rischio di infarto.

Prof. Sarne sta lavorando in collaborazione con il Prof. Edith Hochhauser del Rabin Medical Center per testare la capacità di basse dosi di THC per evitare danni al cuore. I risultati preliminari indicano che troveranno lo stesso fenomeno protettivo in relazione a ischemia cardiaca, in cui il muscolo cardiaco riceve flusso sanguigno insufficiente.

Fonte  Experimental Brain Research2012; 221 (4): 437 DOI: 10.1007/s00221-012-3186-5

 


ULTIMI ARTICOLI

Nuovo dispositivo aiuterà a monitorare la glicemia senza punture dolorose

Immagine: Public Domain. Milioni di persone con diabete devono pungersi le dita ogni giorno per misurare i livelli di glucosio nel sangu. Queste punture sono...

Interessante terapia del cancro completamente nuova: la rete della morte

Immagine: Public Domain. David Ng, leader del gruppo presso l'Istituto Max Planck per la ricerca sui polimeri, insieme al suo team si sta avvicinando ad...

I microbi marini unicellulari potrebbero abbattere i virus

Immagine: una micrografia elettronica a scansione di una colonia di rosette choanoflagellate. I ricercatori stanno studiando se questi organismi unicellulari potrebbero nutrirsi di virus...

Identificato potenziale nuovo bersaglio farmacologico per pericolose infezioni da E.coli

Immagine: Public Domain. Escherichia coli sono batteri che molte persone associano a intossicazione alimentare lieve, ma alcuni tipi di E.coli possono essere fatali. I microbiologi della UNSW...

Come il cervello può ricablare se stesso dopo che ne è stato rimosso metà

Nuove scansioni hanno mostrato come il cervello delle persone a cui è stato rimosso un emisfero durante l'infanzia continua a funzionare. Una risonanza magnetica per...