Taglieri da cucina infettati con batteri resistenti ai farmaci

Taglieri da cucina, in casa e in ospedale, possono essere fonti di batteri resistenti ai farmaci, secondo uno studio condotto da ricercatori della University Hospital di Basilea in Svizzera e pubblicato sulla rivista Infection Control and Hospital Epidemiology a marzo. 

Nel corso di 16 mesi, i ricercatori hanno raccolto e testato 154 taglieri da cucina utilizzati in ospedale e 144 taglieri utilizzati in abitazioni private in Francia, Germania e Svizzera.  I ricercatori hanno scoperto un ceppo farmaco-resistenti di batteri E.coli  su cinque dei taglieri da case private e su 10 dei taglieri dell’ospedale. Metà dei guanti ospedalieri utilizzati, sono anche risultati positivi. ” I batteri possono diffondersi facilmente da una di queste fonti, nell’ ambiente o nel cibo dei pazienti “, hanno spiegato i ricercatori.

Crescente preoccupazione per la salute

Commentando lo studio, Lance B. Prezzo della George Washington University (che non è stato coinvolto nello studio) ha detto: “Questi E. coli sono resistenti ad alcuni degli ultimi farmaci utilizzati per il loro trattamento. L’emergere di batteri resistenti ai farmaci è una crescente preoccupazione per la salute pubblica. Gli scienziati attribuiscono crescenti tassi di resistenza ai farmaci sia all’ eccessivo uso di antibiotici da parte di medici e pazienti (anche per i trattamenti di condizioni virali, come raffreddori, che non rispondono ad antibiotici ) che alla loro diffusione attraverso strumenti ad uso comune, come il tagliere da cucina.

Prendere le dovute precauzioni in casa

James R. Johnson dell’ Health Care System Minneapolis VA (che non era coinvolto nello studio), ha  trovato i risultati dello studio, molto preoccupanti. I taglieri vengono regolarmente utilizzati per elaborare la carne, la principale fonte di E. coli . “Se altri alimenti vanno su questi taglieri, prima  che vengono puliti o anche dopo che sono stati puliti, se la pulizia non è al 100 per cento efficace, si ottiene una contaminazione che determina un rischio ancora più elevato di trasmissione tra gli esseri umani  “, ha detto Johnson. Anche se i batteri resistenti ai farmaci sono tra gli agenti infettivi di maggior preoccupazione, i taglieri possono essere un vettore tradizionale dei batteri. I ricercatori hanno sottolineato che tutti i cuochi di casa e addetti ai servizi alimentari devono lavarsi le mani accuratamente dopo la manipolazione non solo della carne, ma anche dopo aver usato i taglieri. Inoltre, i taglieri utilizzati per la carne cruda o pollame, non dovrebbero mai essere utilizzati per altri alimenti.  Acqua calda e detersivo dovrebbero essere sufficienti, ma una soluzione di candeggina o altri disinfettanti, potrebbe essere auspicabile per la pulizia dei taglieri”.