Svelato il coinvolgimento dello zinco nello sviluppo della malattia polmonare ostruttiva

malattia polmonare ostruttiva

La malattia polmonare ostruttiva è un termine collettivo per indicare le malattie respiratorie refrattarie con infiammazione cronica delle vie aeree e un’eccessiva ritenzione di muco che è accompagnata da ostruzione delle vie aeree. Esse includono la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) che si manifesta con bronchite cronica o enfisema polmonare e fibrosi cistica (CF), una malattia ereditaria intrattabile caratterizzata da ritenzione di muco e infezione batterica cronica.

Una delle cause principali della BPCO è il fumo di sigaretta e il tasso di mortalità globale a causa della malattia ora la colloca al terzo posto. In Giappone, il numero di pazienti con BPCO di età superiore a 40 anni è stimato in circa 5,3 milioni di persone, il che la rende una malattia familiare con un alto tasso di mortalità. L’insorgenza e la progressione della malattia è causata dalle proteine ​​trasportatrici che consentono agli ioni di permeare i canali ionici nelle cellule. Si ritiene che la BPCO coinvolga l’iperattivazione del canale degli ioni epiteliali di sodio (Na + ) (ENaC). La CF è una malattia genetica che si verifica frequentemente nei paesi occidentali ed è causata dalla mutazione genetica di un canale di ioni cloruro (Cl  ) chiamato regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica (CFTR).

Un’ eccessiva produzione di geni che producono muco (come il MUC5AC) nei polmoni è nota da tempo per essere importante nello sviluppo di malattie come la BPCO e la FC. Tuttavia, non è chiaro il motivo per cui un’eccessiva produzione di questi geni del muco si verifica in queste malattie polmonari, in particolare perché hanno cause così diverse, cioè, tabacco ed ereditarietà.

( Vedi anche:Nuovo potenziale trattamento combatte la BPCO ed altre malattie polmonari).

In questo rivoluzionario lavoro, i ricercatori dell’Università di Kumamoto, in Giappone, hanno chiarito che le anormalità dei canali ionici ENaC e CFTR riducono la capacità del corpo di fornire ioni di zinco (Zn2 + ) alle cellule epiteliali polmonari. (Uno dei fattori di trasporto dello ione zinco, ZIP2, è un meccanismo importante per il corretto funzionamento dello splicing dell’mRNA.) Inoltre, i ricercatori hanno anche rivelato che le cellule epiteliali polmonari della BPCO e della CF presentano anomalie nella legatura dell’mRNA, che, di conseguenza, causa sovrapproduzione di geni del muco. In altre parole, le malattie sviluppate a causa di una sovrapproduzione di muco erano, a loro volta, causate da un insufficiente apporto di zinco alle cellule epiteliali polmonari.

In generale, lo zinco è un elemento molto importante, non solo per il polmone, ma anche per tutto il corpo. Fino ad ora, l’importanza dello zinco nei polmoni era compresa solo da un aspetto nutrizionale. I ricercatori ritengono che questa scoperta sia la prima al mondo a chiarire in che modo lo zinco è coinvolto nell’insorgenza delle malattie polmonari, nonché i suoi effetti sulla regolazione dell’mRNA.

Questi risultati dimostrano che esiste un’anomalia nel meccanismo di trasporto dello zinco stesso nelle malattie polmonari ostruttive. Suggerisce anche che il trattamento per queste malattie non può essere eseguito solo con integratori di zinco. È inoltre necessario un approccio terapeutico che tenga in considerazione i meccanismi di trasporto.

Fonte: EBioMedicine