Possiamo battere i super batteri resistenti agli antibiotici?

antibiotico resistenza,super batteri

Immagine: streptococco di gruppo A.

Hai mal di gola? Il medico può prescriverti penicillina o amoxicillina e, con un colpo di penna, ti aiuta a risolvere rapidamente il problema, ma aiuta anche i super batteri a diventare resistenti agli antibiotici.

È tempo di sviluppare alternative agli antibiotici per le piccole infezioni, secondo un nuovo documento degli scienziati del Georgia Institute of Technology e di farlo rapidamente. È stato ampiamente riportato che i batteri si evolveranno per rendere gli antibiotici per lo più inefficaci entro la metà del secolo e le attuali strategie per compensare le carenze previste non hanno funzionato.

Un possibile problema è che le strategie di sviluppo dei farmaci si sono concentrate sulla sostituzione degli antibiotici nelle infezioni estreme, come la sepsi, in cui ogni minuto senza un farmaco efficace aumenta il rischio di morte. Ma il processo evolutivo che porta avanti la resistenza agli antibiotici non accade altrettanto spesso in quelle grandi infezioni, quanto nella moltitudine delle piccole infezioni, come sinusite, tonsillite, bronchite e infezioni della vescica, secondo i ricercatori del Georgia Tech.

“Le prescrizioni di antibiotici contro quei piccoli disturbi rappresentano circa il 90 per cento dell’uso di antibiotici e quindi sono probabilmente il principale motore dell’evoluzione della resistenza dei batteri”, ha detto Sam Brown, Professore associato alla Scuola di Scienze Biologiche del Georgia Tech. I batteri che sopravvivono a queste tante piccole battaglie contro gli antibiotici crescono in forza e numeri per diventare eserciti formidabili nelle grandi infezioni, come quelle che colpiscono dopo l’intervento chirurgico.

( Vedi ancheNel 2050 i super batteri uccideranno più del cancro).

“Potrebbe avere più senso somministrare gli antibiotici meno spesso e preservare la loro efficacia per quando sono davvero necessari e sviluppare trattamenti alternativi per le piccole infezioni”, ha detto il ricercatore.

Brown, specializzato nell’evoluzione dei microbi e nella virulenza batterica e il primo autore dello studio Kristofer Wollein Waldetoft, un medico e assistente di ricerca post-dottorato nel laboratorio di Brown, hanno pubblicato un saggio che dettaglia il loro suggerimento per riorientare lo sviluppo di farmaci antibatterici il 28 dicembre , 2017, nella rivista PLOS Biology .

Antibiotici duplicati

L’evoluzione della resistenza agli antibiotici può essere del tutto bifronte.

“Se tu o tuo figlio andate dal medico con un’infezione delle vie respiratorie superiori, spesso prendete amoxicillina, che è un antibiotico a spettro relativamente ampio”, ha detto Brown. “Quindi, questo antibiotico uccide non solo lo streptococco, ma anche molti altri batteri, anche in luoghi come il tratto digestivo,con un impatto abbastanza ampio”.

L’ E. coli è diffuso nell’intestino umano e alcuni ceppi secernono enzimi che ostacolano gli antibiotici, mentre altri ceppi no. Un antibiotico ad ampio spettro può uccidere più batteri vulnerabili e meno pericolosi, lasciando propagare i batteri più pericolosi e robusti.

“Prendi un antibiotico per guarire il mal di gola e finisci per avere batteri intestinali che sono diventati super-resistenti”, ha detto Brown.

Troppo spesso, i superbatteri si sono fatti strada negli ospedali nell’intestino di qualcuno, dove si erano evoluti con un’alta resistenza attraverso anni di trattamento occasionale con antibiotici per piccole infezioni. Quindi quei batteri hanno infettato i pazienti con un sistema immunitario debole.

“Gli sviluppatori di farmaci che stanno affrontando una diminuzione dell’effetto antibiotico nei confronti dei batteri evoluti hanno cercato molteplici trattamenti alternativi. L’attenzione si è spesso concentrata sulla ricerca di una nuova classe di farmaci che funzionino altrettanto bene o meglio degli antibiotici”, ha detto Brown.

Wollein Waldetoft ha trovato un documento di ricerca sulla rivista medica Lancet Infectious Diseases che ha esaminato uno studio dopo l’altro su tali trattamenti alternativi contro infezioni gravi e mortali.

” L’articolo era una specie di scorecard, una scheda di valutazione quasi uniformemente negativa”, ha detto Brown. “Queste terapie alternative, come i farmaci fagici o anti-virulenza o le batteriocine, non hanno raggiunto lo stesso livello di efficacia degli antibiotici esistenti”.

Ma l’attenzione sui nuovi trattamenti per le infezioni estreme ha infastidito i ricercatori perché l’arena principale in cui si verifica la grande parte dell’evoluzione della resistenza è in piccole infezioni. “Ci siamo sentiti come se ci fosse una disconnessione in corso”, ha detto Brown.

I ricercatori hanno proposto un approccio diverso: “Non usare antibiotici per il mal di gola e riservali per le condizioni veramente gravi“. Lo sviluppo di terapie non antibiotiche per mal di gola, infezioni della vescica e bronchite potrebbe rivelarsi più semplice e incoraggiare così gli investimenti e la ricerca farmaceutica.

Ad esempio, un particolare tipo di streptococco, streptococco di gruppo A, è responsabile della stragrande maggioranza delle infezioni batteriche delle vie respiratorie superiori e le persone spesso sono portatrici del batterio.

I batteri dello streptococco secernono composti che favoriscono l’infiammazione e la diffusione batterica. Se un farmaco anti-virulenza potesse combattere le secrezioni, il farmaco potrebbe riportare lo streptococco a essere presente nel corpo, ma non attivo.

Brown ha avvertito che l’infezione da streptococco può portare a malattie cardiache reumatiche, una condizione mortale che è molto rara nel mondo industrializzato, ma ha ancora un costo in altre parti del mondo. “Una farmaco meno potente può essere abbastanza buono se non hai problemi gravi di mal di gola nella tua storia clinica”, ha specificato il ricercatore.

A volte, basta attendere che il sistema immunitario del corpo si prenda cura dei batteri virulenti. Lo sviluppo di un trattamento spray con batteriofagi, virus che attaccano i batteri, potrebbe essere la chiave.

Avere abbastanza alternative agli antibiotici per la moltitudine di piccole infezioni da trattare, potrebbero contribuire a preservare l’efficacia degli antibiotici più a lungo per le infezioni molto meno comuni, ma molto più pericolose.

Fonte: PLOS Biology


Altri articoli su antibiotico resistenza, super batteri