Studio internazionale dimostra che le statine possono combattere il cancro al polmone

cancro al polmone,statine

Studio internazionale dimostra che le statine possono combattere il cancro al polmone.

In un recente studio, i ricercatori del Cancer Treatment Centers of America® (CTCA) al Western Regional Medical Center (Western), in collaborazione con colleghi internazionali, hanno scoperto che le statine potrebbero essere un trattamento efficace contro il carcinoma polmonare a piccole cellule metastatico (SCLC).

Lo studio, condotto su 876 pazienti SCLC in fase avanzata, pubblicato oggi in PLoS One, ha dimostrato che le statine, una classe di farmaci utilizzati principalmente per abbassare il colesterolo nei pazienti a rischio di malattie cardiache, sembrano fornire un aumento globale della sopravvivenza nei pazienti affetti da carcinoma polmonare a piccole cellule metastatico.

” Il tumore polmonare a piccole cellule è uno dei tipi più aggressivi di cancro, ma in quasi tre decenni, nessuna nuova classe di trattamenti sono stati adottati come nuovi parametri di riferimento per la terapia standard”, ha detto il Dottor Glen Weiss, oncologo e Direttore di Ricerca Clinica e medicina presso il CTCA® alla Western, in Arizona, oltre che autore senior dello studio. “Il nostro studio ha dimostrato che le statine sembrano fornire un aumento statisticamente significativo della sopravvivenza nei pazienti con carcinoma metastatico SCLC”.

Lo studio è stato condotto In collaborazione con il Dr. Weiss e con il Dr. Zoltan Lohinai, specializzato in oncologia toracica presso il National Koranyi Institute of Pulmonology e ricercatore all’Università di Budapest. Questa partnership internazionale ha ampliato il pool di dati di informazioni sui pazienti. Con 51,6 casi ogni 100.000 persone, l’Ungheria ha il tasso di cancro al polmone più alto del mondo, mentre gli Stati Uniti sono all’ottavo posto con il 38,4 per 100.000.

Ogni anno, il cancro del polmone uccide più di 158.000 americani – più del cancro al seno, colon e della prostata messi insieme. Quasi 1,8 milioni di persone in tutto il mondo sono diagnosticate con cancro del polmone, ogni anno.

“Lo scopo del nostro studio è stato quello di confermare se l’uso di farmaci non tumorali potrebbe essere associato con un beneficio di sopravvivenza per i malati di cancro”, ha detto il Dr. Lohinai.

Per la ricerca, sono stati esaminati pazienti SCLC in fase avanzata a cui sono state prescritei statine, aspirina, clomipramina o inibitori della ricaptazione della serotonina (antidepressivi), e doxazosina o prazosina (farmaci per la pressione alta).

Significativamente, le analisi sembravano non mostrare alcun beneficio statistico per i malati di cancro SCLC che hanno assunto uno dei farmaci indicati, fatta eccezione per le statine.

Un altro risultato di questo studio è che la radioterapia sembrava essere un predittore indipendente di sopravvivenza.

“I nostri dati hanno dimostrato che la radioterapia sembra essere un predittore indipendente di sopravvivenza nella fase 4 SCLC, confermando i risultati di altri studi prospettici e retrospettivi”, ha detto il Dottor Weiss, che guida il programma di ricerca clinica alla  Western.

Fonte: http://www.sciencenewsline.com/news/2016010620010010.html

Altri articoli su cancro al polmone, statine