Stimolazione del nervo vago: nuovo promettente trattamento della malattia di Crohn

0
19

La stimolazione del nervo può rappresentare una nuova opzione terapeutica per i pazienti con malattia di Crohn (CD), secondo uno studio pubblicato online il 18 aprile nel Journal of Internal Medicine.

Il trattamento farmacologico della malattia di Crohn, una malattia infiammatoria intestinale (IBD), con anti-fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa) è vantaggioso, ma ha effetti collaterali che spesso costringono i pazienti ad interrompere il trattamento.

( Vedi anche:Nuovo test del sangue potrebbe facilitare la diagnosi della malattia di Crohn).

Bruno Bonaz e colleghi della University Hospital di Grenoble in Francia, hanno dimostrato il potenziale di una terapia non farmacologica che ha come obiettivo TNF attraverso un percorso fisiologico, per il trattamento della malattia di Crohn..

I ricercatori hanno dimostrato che c’è una correlazione inversa tra il tono vagale e il livello di TNF nel plasma di pazienti con la condizione.

In un modello di ratto di colite e in uno studio pilota che ha coinvolto sette pazienti con malattia di Crohn moderata, la stimolazione del nervo vago ha dimostrato effetti antinfiammatori. Dopo tre mesi di stimolazione del nervo vago, due di questi pazienti non sono riusciti a migliorare, ma cinque erano in una profonda remissione dopo sei mesi di follow-up, con il ripristino del tono vagale. Non ci sono stati effetti collaterali importanti.

La stimolazione del nervo vago fornisce una nuova opzione terapeutica per il trattamento della malattia di Crohn“, scrivono gli autori.

Fonte: Medicalxpress