Smettere di fumare potrebbe portare a grandi cambiamenti nei batteri intestinali

batteri intestinali

Smettere di fumare porta a grandi cambiamenti nei batteri intestinali, secondo una nuova ricerca. 

Il piccolo studio pilota, che sarà presentato durante le sessioni scientifiche dell’American Heart Association a Filadelfia, segue la ricerca passata che mostra un legame tra batteri nell’intestino e salute cardiovascolare. Quel lavoro passato ha dimostrato che il fumo è associato a una diminuzione della diversità dei tipi di batteri benefici che vivono nell’intestino.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato 26 persone che stavano cercando di smettere di fumare e hanno analizzato i campioni di feci all’inizio dello studio e di nuovo due settimane e 12 settimane dopo.

“Abbiamo concluso che smettere di fumare modifica il microbiota intestinale“, ha detto l’autore principale dello studio, il Dott. Marcus Sublette.

Vedi anche, La metà dei farmaci in uso danneggia i batteri intestinali.

“È già stato stabilito che il fumo cambia il microbioma intestinale. Ciò che stiamo aggiungendo in questo studio è che smettere di fumare continuerà a cambiare il microbioma intestinale”, ha aggiunto il ricercatore.

Lo studio ha mostrato che miglioramenti nella diversità batterica erano associati a riduzioni della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa sistolica e dei livelli di proteina C reattiva, che aumentano in risposta all’infiammazione. Inoltre, c’è stato anche un aumento dell’emoglobina.

“Tutti questi cambiamenti sono marcatori indiretti di salute potenzialmente migliore”, ha detto Sublette, un membro di cardiologia presso l’Università del Wisconsin, Madison. ” E confermano l’ipotesi che il microbioma intestinale migliora la salute cardiovascolare”.

I ricercatori hanno anche scoperto che le persone che smettevano di fumare avevano diminuzioni di alcuni batteri chiamati firmicutes e aumenti di altri chiamati batterioidi che studi precedenti hanno dimostrato che potrebbero ridurre il rischio di diabete e obesità.

“Lo studio è stato limitato dalle dimensioni ridotte dei paziente e dal focus relativamente ristretto”, ha affermato Sublette che ha intenzione di fare ricerche future in cui i topi vengono nutriti con batteri viventi prelevato dall’uomo.

“Se trasferiamo il microbiota sia di un fumatore in corso che di una persona che smette di fumare a un topo sterile, come può cambiare la rogressione della sua malattia aterosclerotica?”

Il Dott. Stanley Hazen, Direttore del Center for Microbiome & Human Health della Cleveland Clinic, ha dichiarato che i risultati dello studio “suggeriscono la necessità di avere una visione globale del proprio metabolismo, compresa la comunità microbica intestinale”.

Hazen, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha affermato che “un cambiamento nella nostra esposizione ambientale influisce sull’ospite in molti modi diversi, compresi i cambiamenti nella comunità microbica intestinale. Quali cambiamenti si verificano dopo aver smesso di fumare è una domanda interessante che deve essere ancora completamente determinata”.

Fonte, Circulation


Altri articoli su batteri intestinali