Malaria: alcuni brodi tradizionali hanno proprietà antimalariche

malaria

Alcuni tradizionali brodi vegetali e di carne possono interrompere il ciclo vitale del parassita malarico più letale, il Plasmodium falciparum, secondo i risultati dei test di laboratorio, in quello che si pensa sia il primo studio del suo genere, pubblicato negli Archives of Disease in Childhood.

“Dato che la malaria rappresenta un rischio per metà della popolazione mondiale e che la resistenza ai farmaci usati per curarla continua ad emergere, potrebbero esserci altre risorse naturali che vale la pena sfruttare per combattere questo flagello”, affermano i ricercatori.

Alla luce dello sviluppo dell’ Artemesina antimalarica che proviene dal qinghao, utilizzato nella medicina tradizionale cinese a base di erbe per curare la febbre, i ricercatori volevano verificare se anche altri rimedi “naturali” potevano avere proprietà antimalariche.

Hanno chiesto agli alunni di una scuola elementare di Londra di portare campioni di brodi di zuppa fatti in casa, le cui ricette erano state tramandate attraverso le generazioni per il trattamento della febbre.

Vedi anche, Gli scienziati identificano il tallone d’Achille della malaria.

I bambini provenivano da diverse origini etniche, provenienti da tutta Europa, Nord Africa e Medio Oriente.

Dei 60 brodi analizzati, alcuni erano troppo densi per essere filtrati e alcuni contenevano troppo olio, lasciandone 56 disponibili per il test.

Numerosi diversi parassiti della famiglia Plasmodium sono responsabili della malaria quando trasmessi attraverso il morso di una zanzara infetta, ma P. falciparum è il più mortale.

Gli estratti filtrati di ciascuno dei 56 brodi sono stati incubati per 72 ore con diverse colture di P falciparum per vedere se uno qualsiasi dei brodi poteva essere in grado di fermare la crescita di parassiti sessualmente immaturi che causano la malattia, oltre a bloccare la maturazione sessuale, lo stadio a cui il parassita può infettare la zanzara.

Cinque dei brodi sono stati in grado di frenare la crescita del parassita sessualmente immaturo di oltre il 50%. In due di questi, l’attività inibitoria era paragonabile a quella di un principale farmaco antimalarico, la diidroartemisinina.

Altri quattro brodi sono stati efficaci per oltre il 50% nel bloccare la maturazione sessuale, interrompendo potenzialmente la trasmissione della malaria.

Le ricette di ciascuno dei brodi, a base di pollo, vegetali o manzo, variavano, senza un ingrediente particolare comune a quelli con la più forte attività antimalarica.

“I principi attivi nei brodi studiati devono ancora essere identificati e testati negli studi clinici”, avvertono i ricercatori.

E continuano dicendo: “L’utilità di qualsiasi brodo trovato per avere attività antimalarica dipenderà, ovviamente, in modo significativo dalla standardizzazione della preparazione della zuppa e, in definitiva, dall’identificazione dell’ingrediente attivo  e successive prove precliniche “.

Ma aggiungono: “Questo viaggio, rispecchiando quello dell’artemisinina dell’erba Qinghao, può ancora rivelare un’altra fonte di un potente trattamento anti-infettivo”.

Fonte, Medicalxpress


Altri articoli su malaria