HomeSaluteCervello e sistema nervosoSM: una molecola favorisce la produzione di mielina

SM: una molecola favorisce la produzione di mielina

Una molecola immunologica chiamata fractalchina può aumentare la produzione di cellule cerebrali che producono mielina, un fattore chiave in malattie come la sclerosi multipla (SM), secondo una recente ricerca dell’Università dell’Alberta.

La mielina è uno strato isolante attorno ai nervi che viene gradualmente consumato dall’infiammazione nella sclerosi multipla e malattie simili. Senza questo strato, gli impulsi nervosi che viaggiano attraverso il corpo sono rallentati, causando problemi neurologici.

Sebbene esistano terapie che gestiscono i sintomi o tentano di rallentare la progressione delle malattie neurodegenerative, trattamenti efficaci richiederebbero il ripristino della mielina persa. Trovare metodi per accelerare il processo di mielinizzazione è un passo cruciale nel trattamento.

- Advertisement -

Anastassia Voronova, assistente Prof.ssa presso il Dipartimento di genetica medica e cattedra di biologia delle cellule staminali neurali, spiega che le cellule staminali neurali producono una varietà di cellule cerebrali, inclusi gli oligodendrociti, un tipo di cellula nel sistema nervoso centrale e nel sistema nervoso periferico. Gli oligodendrociti sono le uniche cellule cerebrali che producono mielina.

“Durante lo sviluppo, queste cellule staminali neurali costruiscono il cervello. Nel cervello adulto, parte del motivo per cui esistono è quello di ricostituire le cellule danneggiate o perse, inclusi gli oligodendrociti”, ha detto Voronova, che è anche membro del Neuroscience and Mental Health Institute. “Tuttavia, specialmente negli esseri umani, la sostituzione degli oligodendrociti è molto inefficiente. L’obiettivo del mio laboratorio è identificare molecole in grado di “svegliare” quelle cellule staminali neurali che tutti noi abbiamo nel nostro cervello per ricostituire quegli oligodendrociti”.

Lo studio di Voronova ha dimostrato che la fractalchina, una molecola che in precedenza si pensava avesse un ruolo solo nel sistema immunitario, stimolava notevolmente la trasformazione delle cellule staminali neurali in oligodendrociti. “La molecola fractalchina e il recettore lavorano insieme per suscitare una cascata di segnali all’interno della cellula”, ha detto Voronova. Penso che stiamo appena iniziando ad apprezzare l’intero spettro di ciò che questi oligodendrociti possono fare“.

Vedi anche:SM: infezioni nell’adolescenza aumentano il rischio

- Advertisement -

Il team di Voronova sta ora studiando la capacità di rimielinizzazione della fractalchina in un modello murino di SM. Voronova prevede anche di esaminare se la fractalchina potrebbe influenzare la mielinizzazione in altri disturbi neurodegenerativi. Ha aggiunto che la natura immunologica della fractalchina potrebbe anche essere importante per lo sviluppo futuro di farmaci, poiché la SM e i disturbi neurodegenerativi hanno una forte componente immunitaria. “La mielina è diminuita in una varietà di disturbi neurodegenerativi, il che rende l’idea di migliorare la produzione di oligodendrociti e quindi la riparazione della mielina, così eccitante”.

Il lavoro è stato finanziato dal Natural Sciences and Engineering Research Council of Canada, una sovvenzione del team della European Research Area Network finanziata attraverso i Canadian Institutes of Health Research, dal programma Canada Research Chairs e da una sovvenzione operativa della MS Society of Canada. La prima autrice dello studio Adrianne Eve Scovil Watson è stata sostenuta con borse di studio universitarie dalla MS Society of Canada e dalla Stollery Children’s Hospital Foundation attraverso il Women and Children’s Health Research Institute.

Lo studio è stato pubblicato su Stem Cell Reports.

Spiegano gli autori:

“Le cellule precursori neurali e degli oligodendrociti (NPC e OPC) nella zona subventricolare (SVZ) del cervello contribuiscono all’oligodendrogenesi per tutta la vita, in parte a causa della regolazione diretta da parte delle chemochine. Il ruolo della chemochina fractalchina è ben consolidato nella microglia; tuttavia, l’effetto della fractalchina sulle cellule precursori di SVZ è sconosciuto. Mostriamo che NPC e OPC SVZ murini esprimono il recettore della fractalkine (CX3CR1) e si legano alla fractalchina. La frattalkina esogena migliora direttamente la genesi di OPC e oligodendrociti da NPC SVZ in vitro. L’infusione di fractalchina nel ventricolo laterale di topi adulti traccianti il ​​lignaggio NPC porta ad un aumento dell’OPC neonato e della formazione di oligodendrociti in vivo. Mostriamo anche che le OPC secernono fractalchine e che l’inibizione della segnalazione endogena di fractalchine riduce la formazione di oligodendrociti in vitro. Infine, mostriamo che la segnalazione di fractalchina regola l’oligodendrogenesi nelle fette cerebellari ex vivo. In sintesi, dimostriamo un nuovo ruolo per la segnalazione fractalchina nella regolazione della genesi degli oligodendrociti dalle cellule precursori del SNC postnatale“.

astratto grafico

Figura miniatura fx1

Fonte:Stem Cell Reports

 

ULTIMI ARTICOLI

SM: una molecola favorisce la produzione di mielina

Una molecola immunologica chiamata fractalchina può aumentare la produzione di cellule cerebrali che producono mielina, un fattore chiave in malattie come la sclerosi multipla...

Morbo di Crhon: nuova luce sulle origini

(Morbo di Crhon-Immagine:Micrografia ad alto ingrandimento della malattia di Crohn. Biopsia dell'esofago. H&E macchia. Credito: Nephron/Wikipedia). Molte malattie hanno la loro origine nel primo sviluppo umano e il...

SM: infezioni nell’adolescenza aumentano il rischio

(SM-Immagine Credit Public Domain). L'esperienza di infezioni gravi durante l'adolescenza, ma non durante l'infanzia, è legata a un aumento del rischio di sviluppare la sclerosi...

Alzheimer: proteine batteriche promuovono la neurodegenerazione

(Alzheimer-Immagine: i curli batterici promuovono l'aggregazione dell'α-sinucleina che porta allo stress mitocondriale e alla neurodegenerazione. Credito: Università di Hong Kong). Prove crescenti indicano che il...

Alzheimer: l’effetto degli omega 3 sulla memoria

(Alzheimer-Immagine Omega 3 Credit Public Domain). Uno studio unico sulla malattia di Alzheimer esamina l'effetto degli acidi grassi omega-3 sulla malattia, con test di memoria...