HomeSaluteCervello e sistema nervosoSM: dieta ricca di isoflavoni riduce la gravità della malattia

SM: dieta ricca di isoflavoni riduce la gravità della malattia

(SM-Immagine Credit Public Domain).

“Le diete ricche di isoflavoni migliorano la salute dell’intestino e riducono la gravità della sclerosi multipla (SM)”, suggerisce un nuovo studio sui topi.

Nello studio, i topi con SM alimentati con una dieta ricca di isoflavoni, un composto a base vegetale, hanno sviluppato batteri intestinali diversi e abbondanti, in particolare batteri che digeriscono gli isoflavoni, che hanno prodotto composti che riducono l’infiammazione nel cervello e nel midollo spinale.

- Advertisement -

“Il nostro nuovo studio fornisce la prova che la combinazione di isoflavoni alimentari e questi batteri intestinali che metabolizzano gli isoflavoni può servire come potenziale trattamento per la SM”, ha detto Ashutosh Mangalam, PhD, Professore associato presso l’Università dell’Iowa e autore principale dello studio.

Lo studio, “La dieta a base di isoflavoni migliora l’encefalomielite autoimmune sperimentale attraverso la modulazione dei batteri intestinali impoveriti nei pazienti con sclerosi multipla“, è stato pubblicato sulla rivista Science Advances. Il microbiota intestinale – il numero totale di batteri, virus, parassiti e funghi nell’intestino – è associato a salute e malattia. La ricerca suggerisce che i batteri intestinali diversi e abbondanti sono protettivi contro infezioni e malattie e che alimenti e modelli dietetici specifici influenzano la loro gamma e abbondanza.

Gli isoflavoni sono composti a base vegetale che assomigliano agli estrogeni. Sono abbondanti nei legumi come soia e ceci e hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.

La prevalenza della SM è significativamente più bassa in paesi come Cina e Giappone, dove i cittadini mangiano elevate quantità di isoflavoni, rispetto ai paesi occidentali dove il consumo di isoflavoni è inferiore. Inoltre, studi precedenti hanno dimostrato che le persone con SM hanno profili di batteri intestinali diversi rispetto alle persone sane. Nello specifico, le persone con SM hanno quantità maggiori di alcuni batteri, mentre altri, come i batteri che digeriscono gli isoflavoni, sono diminuite.

Ora, un team guidato da ricercatori dell’Università dell’Iowa ha cercato di determinare se il consumo di una dieta ricca di isoflavoni potrebbe prevenire l’infiammazione del cervello e del midollo spinale e potenzialmente ridurre la gravità della SM.

- Advertisement -

I topi con SM sono stati nutriti con una dieta ricca di isoflavoni o priva di isoflavoni per sei settimane, quindi iniettati con glicoproteina oligodendrocitaria mielinica (MOG) per indurre l’infiammazione del cervello e del midollo spinale, una condizione chiamata encefalomielite autoimmune sperimentale (EAE) che imita la SM negli esseri umani.

I ricercatori hanno valutato l’infiammazione misurando il numero di cellule immunitarie e le proteine ​​infiammatorie nel cervello e nel midollo spinale. Hanno anche valutato la diversità e il numero di batteri intestinali.

I topi alimentati con una dieta priva di isoflavoni avevano una malattia più grave, con un numero maggiore di cellule infiammatorie rispetto ai topi alimentati con diete ricche di isoflavoni.

Questi risultati sono stati confermati in altri modelli animali di SM. “In diversi modelli di infiammazione autoimmune nel SNC [sistema nervoso centrale, cervello e midollo spinale], i nostri risultati dimostrano che la presenza di isoflavoni nella dieta riduce significativamente la gravità della malattia da EAE”, hanno scritto i ricercatori.

I topi alimentati con la dieta priva di isoflavoni avevano anche meno tipi e quantità di batteri rispetto a quelli alimentati con una dieta ricca di isoflavoni. In particolare, i batteri che digeriscono gli isoflavoni –  Adlercreutzia e Parabacteroides distasonis  – erano abbondanti nei topi nutriti con diete ricche di isoflavoni, ma carenti in quelli alimentati con diete prive di isoflavoni.

Vedi anche:SM: utile intervenire sulle cellule immunitarie?

“In particolare, entrambi i generi [ Adlercreutzia e Parabacteroides distasonis ] sono risultati arricchiti in individui sani, ma impoveriti nei pazienti con SM”, hanno scritto i ricercatori.

Al contrario, Akkermansia muciniphila  – una specie di batteri che si trova comunemente nelle persone con SM rispetto alle persone sane – era più abbondante nei topi nutriti con diete prive di isoflavoni rispetto a quelli alimentati con diete ricche di isoflavoni.

Inoltre, i batteri che digeriscono gli isoflavoni hanno prodotto S-equol, un composto che proteggeva i topi dall’EAE, ma il percorso coinvolto non era chiaro.

Segnaliamo che una dieta a base di isoflavoni fornisce protezione contro le malattie, che dipendono dalla presenza di batteri che metabolizzano gli isoflavoni e dal loro equolo metabolita”, hanno scritto i ricercatori. “Questo pone le basi per studi futuri che indagheranno sui percorsi cellulari e molecolari responsabili della soppressione dell’EAE indotta da equolo”.

Poiché la dieta influenza i batteri intestinali, è fondamentale prendere in considerazione questa relazione quando si sviluppano strategie o terapie dietetiche che coinvolgono i batteri intestinali per le persone con SM e altri disturbi.

“In definitiva, questi studi informeranno il nostro uso di terapie basate sulla dieta e sul microbioma intestinale come complemento alle terapie convenzionali che modificano la malattia… per il trattamento della SM e di altre malattie”, ha concluso il team.

Fonte:Multiplesclerosisnewstoday

ULTIMI ARTICOLI

SM: dieta ricca di isoflavoni riduce la gravità della malattia

(SM-Immagine Credit Public Domain). "Le diete ricche di isoflavoni migliorano la salute dell'intestino e riducono la gravità della sclerosi multipla (SM)", suggerisce un nuovo studio sui topi. Nello...

Leucemia mieloide acuta:efficace Ficlatuzumab e chemio

Ficlatuzumab terapeutico sperimentale in combinazione con la chemioterapia ha mostrato segni di efficacia clinica nei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante/refrattaria. (Leucemia mieloide acuta-Immagine Credit...

Degenerazione maculare: svolta nella ricerca

(Degenerazione maculare-Immagine Credit Public Domain). Un team di scienziati dell'Università di Manchester ha scoperto che la forma più comune di degenerazione maculare negli adulti è...

Saltare la colazione può portare alla perdita di nutrienti chiave

(Colazione-Immagine Credit Public Domain). "Gli adulti che saltano la colazione rischiano di perdere i nutrienti chiave che sono più abbondanti negli alimenti che compongono i...

Carcinoma prostatico: terapia antiandrogena può alimentare le metastasi ossee

(Carcinoma prostatico-Immagine Credit Public Domain). La Dr.ssa Bock, sotto la guida del distinto Professor Dietmar Hutmacher del QUT Center for Biomedical Technologies, ha concentrato la...