SaluteFegatoSindrome di Alagille: scoperto un farmaco che stimola la rigenerazione del fegato

Sindrome di Alagille: scoperto un farmaco che stimola la rigenerazione del fegato

Sindrome di Alagille-Immagine:Duc Dong, Ph.D. Credit: Sanford Burnham Prebys-

La sindrome di Alagille è una malattia genetica che colpisce il fegato, il cuore e altre parti del corpo. È caratterizzata da una riduzione del numero di dotti biliari all’interno del fegato, che porta all’accumulo di bile e al danno epatico. La malattia può anche causare problemi cardiaci, inclusi difetti cardiaci e anomalie facciali.

Un nuovo studio di Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute, ha scoperto un farmaco che può stimolare la rigenerazione del fegato nei pazienti con sindrome di Alagille.

Per la prima volta, la ricerca condotta dal Professore associato Duc Dong, Ph.D. ha rivelato che gli effetti dannosi della sindrome di Alagille, una malattia genetica che non ha cura, possono essere invertiti utilizzando un singolo farmaco. I risultati dello studio, pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences, hanno il potenziale per rivoluzionare l’approccio terapeutico per questa rara condizione e potrebbero anche far luce su malattie più diffuse.

“La sindrome di Alagille è ampiamente considerata una malattia incurabile, ma crediamo di essere sulla buona strada per cambiarla”, afferma Dong, che è anche il decano associato delle ammissioni per la scuola di specializzazione del Sanford Burnham Prebys. “Il nostro obiettivo è far avanzare questo farmaco negli studi clinici e i nostri risultati dimostrano la sua efficacia per la prima volta”.

Più di 4.000 bambini ogni anno nascono con la sindrome di Alagille, che è causata da una mutazione che impedisce la formazione e la rigenerazione dei dotti biliari nel fegatoI bambini con sindrome di Alagille richiedono spesso un trapianto di fegato, ma i donatori di fegato sono limitati e non tutti i bambini con sindrome di Alagille sono idonei. Senza trapianto, la malattia ha un tasso di mortalità del 75% entro la tarda adolescenza.

“Duc e il suo team continuano a fare ricerche entusiasmanti sulla sindrome di Alagille e queste scoperte offrono sicuramente speranza alle famiglie che vivono con questo disturbo molto complicato e complesso”, afferma Roberta Smith, CNMT, Presidente della Alagille Syndrome Alliance. 

Il loro nuovo farmaco, chiamato NoRA1, attiva il percorso Notch, un sistema di segnalazione cellula-cellula presente in quasi tutti gli animali. La segnalazione di Notch aiuta a orchestrare processi biologici fondamentali e svolge un ruolo in molte malattie oltre alla sindrome di Alagille. Nei bambini con sindrome di Alagille, una mutazione genetica provoca una riduzione della segnalazione di Notch, che si traduce in una scarsa crescita e rigenerazione dei dotti biliari.

I ricercatori hanno scoperto che negli animali con mutazioni nello stesso gene affetto da Alagille, NoRA1 aumenta la segnalazione di Notch e innesca la rigenerazione e il ripopolamento delle cellule dei dotti nel fegato, invertendo il danno epatico e aumentando la sopravvivenza.

Il fegato è ben noto per la sua grande capacità di rigenerarsi, ma questo non accade nella maggior parte dei bambini con la sindrome di Alagille a causa della segnalazione di Notch compromessa“, afferma il primo autore Chengjian Zhao, ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Dong. “La nostra ricerca suggerisce che favorire il percorso Notch con un farmaco potrebbe essere sufficiente per ripristinare il normale potenziale rigenerativo del fegato”.

Vedi anche:Sindrome di Alagille: un farmaco può stimolare la rigernerazione del fegato

I ricercatori stanno attualmente testando il farmaco su fegati in miniatura coltivati ​​in laboratorio con cellule staminali derivate dalle cellule dei pazienti Alagille. Invece di costringere le cellule a fare qualcosa di insolito, stiamo solo incoraggiando un processo rigenerativo naturale, quindi sono ottimista che questo sarà un trattamento efficace per la sindrome“, aggiunge Dong.

Dong sta anche adottando misure per formare una start-up per portare questo farmaco verso la sperimentazione clinica. La nuova società si concentrerà inizialmente sulla sindrome, ma prevede anche di sviluppare questo farmaco per altre malattie più diffuse, inclusi alcuni tipi di cancro.

Fonte: PNAS

Newsletter

Tutti i contenuti di medimagazine ogni giorno sulla tua mail

In primo piano

Articoli correlati

ALTRE NOTIZIE