Semplice esame del sangue rileva la progressione del cancro al seno

0
11

I ricercatori della University of Western Australia stanno lavorando a un esame del sangue rapido, semplice e non invasivo in grado di rilevare la progressione del cancro al seno o recidiva, molto prima rispetto ai metodi attuali come la mammografia, risonanza magnetica o la biopsia.

La Dr.ssa Katie Meehan dalla Scuola di Patologia della UWA’s School of Pathology and Laboratory Medicine sta conducendo il progetto che sta attualmente reclutando le partecipanti con il cancro al seno.

( Vedi anche:Individuata chiave molecolare utilizzata dal cancro al seno per eludere le terapie).

“Le donne nelle zone rurali e remote potrebbero trarre notevoli vantaggi dal nuovo test diagnostico per monitorare i livelli di malattia residua o ricorrente”, ha detto la Dr.ssa Meehan. “La nostra ricerca prende in esame gli ‘esosomi’ del cancro che sono le parti del cancro versate nei fluidi corporei che possono guidare la diffusione e l’aggressività del cancro. Questi esosomi, o biomarcatori della malattia, possono essere rilevati con gli esami del sangue di routine e come i primi studi dimostrano, i livelli degli esosomi aumentano nei tumori più aggressivi. Il nostro studio ha monitorato i livelli degli esosomi nel sangue delle pazienti, durante il trattamento”, ha spiegato la Dr.ssa Meehan.

 Credit: University of Western Australia

“Speriamo di dimostrare che, quando gli esosomi non sono più rilevabili nel sangue, il cancro non c’è più, mentre se gli esosomi sono rilevabili nel sangue, c’è il rischio di recidiva del cancro”.

La valutazione della progressione del cancro con il test del sangue potrebbe rivoluzionare la cura delle pazienti ed evitare la necessità di procedure dolorose e invasive.

Fonte: Medicalexpress