Scoperto un gene responsabile dell’avvio e della progressione del danno epatico nella steatosi epatica

steatosi epatica

Uno studio esplorativo, primo nel suo genere, condotto dal Translational Genomics Research Institute (TGen), ha identificato un gene potenzialmente associato all’inizio della causa più comune di danno epatico, nella steatosi epatica.

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è la causa più comune di danno epatico. In questo studio, pubblicato sul numero di settembre della rivista Translational Research, gli scienziati hanno sequenziato TGen microRNA (miRNA) da biopsie epatiche per individuare alcuni potenziali obiettivi dei geni associati al danno epatico nella steatosi epatica.

I miRNA – molecole di RNA che regolano l’espressione genica – sono stati ottenuti da biopsie epatiche di 30 candidati di sesso femminile che hanno eseguito un intervento chirurgico di bypass gastrico: 15 con e 15 senza danni al fegato.

Utilizzando la tecnologia più avanzata per perfezionare i dati, i ricercatori hanno individuato diversi potenziali obiettivi dei geni associati al danno epatico nella steatosi epatica. In particolare, hanno scoperto che un particolare miRNA chiamato miR-182 ha prodotto una forte associazione con una proteina chiamata FOX03.

“A causa del ruolo nota di miR-182 nei meccanismi collegati al cancro del fegato, abbiamo cercato di indagare questo miRNA nel danno epatico NAFLD-collegato, cercando in importanti geni bersaglio”, ha detto TGen Research Associate Fatjon Leti, autore principale dello studio. ” Abbiamo trovato che i livelli di FOX03, implicati nel metabolismo del fegato, erano significativamente diminuiti”.

È importante sottolineare che i ricercatori hanno osservato una significativa soppressione dei livelli di proteine ​​FOX03 nei fegati danneggiati, rispetto a quelli senza danni, suggerendo un ruolo potenziale di questo gene nell’avvio della malattia epatica.

” I risultati dello studio sostengono un ruolo dei miRNA nello sviluppo della steatosi epatica e rendono possibile una nuova visione dei meccanismi molecolari alla base dell’inizio e della progressione del danno epatico e dell’eventuale insufficienza epatica”, ha spiegato il dottor Johanna Di Stefano, Professor and Director of TGen’s Diabetes, Cardiovascular & Metabolic Diseases Division e autore senior dello studio.

“A nostra conoscenza, questo è il primo studio ad applicare un approccio high-throughput sequencing alla ricerca di miRNA responsabili del danno epatico correlato alla steatosi epatica”, ha detto Di Stefano.

Il piccolo campione di pazienti utilizzato per la ricerca, è una delle limitazioni di questo studio. I pazienti obesi sono stati selezionati perché l’obesità è un fattore di rischio per esiti NAFLD.

“Consideriamo questo studio esplorativo e riconosciamo che è necessaria la convalida dei risultati in una più grande sperimentazione”, ha detto Di Stefano. “I risultati riportati non ci permettono ancora di fare conclusioni specifiche circa i miRNA e percorsi biologici. Ulteriori studi saranno necessari per confermare il loro ruolo specifico nell’avvio e progressione del danno epatico, nella steatosi epatica”.

Fonte:

  1. Fatjon Leti, Ivana Malenica, Meera Doshi, Amanda Courtright, Kendall Van Keuren-Jensen, Christophe Legendre, Christopher D. Still, Glenn S. Gerhard, Johanna K. DiStefano. High-throughput sequencing reveals altered expression of hepatic microRNAs in nonalcoholic fatty liver disease–related fibrosis. Translational Research, 2015; 166 (3): 304 DOI: 10.1016/j.trsl.2015.04.014

 

Altri articoli su steatosi epatica