Home Salute Scoperto nel cervello il sito del desiderio sessuale maschile

Scoperto nel cervello il sito del desiderio sessuale maschile

Immaginde: quando gli scienziati della Northwestern hanno eliminato selettivamente l’aromatasi nel cervello, l’attività sessuale nei topi maschi è diminuita del 50%, nonostante avessero livelli più elevati di testosterone nel sangue (rispetto ai topi maschi di controllo). L’immagine è di pubblico dominio.

“Il locus del desiderio sessuale maschile è stato scoperto in specifiche regioni del tessuto cerebrale in cui è presente un gene chiave chiamato aromatasi”, riporta un nuovo studio sui topi della Northwestern University School of Medicine.

“Il gene regola il comportamento sessuale negli uomini e quindi può essere preso di mira dai farmaci per aumentare la sua funzione per il desiderio sessuale basso o per diminuire la sua funzione per il desiderio sessuale compulsivo”, hanno detto gli scienziati. L’aromatasi converte il testosterone in estrogeni nel cervello, che guida l’attività sessuale maschile.

Lo studio è stato pubblicato il 10 settembre sulla rivista Endocrinology.

La piena funzione dell’aromatasi nel cervello adulto non era precedentemente conosciuta.

“Questa è la prima scoperta chiave per spiegare come il testosterone stimola il desiderio sessuale“, ha detto l’autore senior Dr. Serdar Bulun, Presidente di ostetricia e ginecologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine e Northwestern Medicine.

“Per la prima volta, abbiamo dimostrato in modo conclusivo che la conversione del testosterone in estrogeni nel cervello è fondamentale per mantenere la piena attività o desiderio sessuale nei maschi. L’aromatase guida il desiderio sdessuale”.

Quando gli scienziati della Northwestern hanno eliminato selettivamente l’aromatasi nel cervello, l’attività sessuale nei topi maschi è diminuita del 50%, nonostante avessero livelli più elevati di testosterone nel sangue (rispetto ai topi maschi di controllo).

“I topi maschi hanno parzialmente perso interesse per il sesso”, ha detto l’autore corrispondente dello studio, il Dott. Hong Zhao, Professore associato di ricerca in ostetricia e ginecologia a Feinberg. “L’aromatasi è l’enzima chiave per la produzione di estrogeni. L’estrogeno ha funzioni nei maschi e nelle femmine. Il testosterone deve essere convertito in estrogeni per stimolare il desiderio sessuale nei maschi “.

“Se si elimina il gene dell’aromatasi nel cervello, l’attività sessuale dei topi è significativamente ridotta. C’è meno frequenza di accoppiamento. I topi maschi non sono così interessati”.

La scoperta può contribuire a nuovi trattamenti per i disturbi del desiderio sessuale.

Il basso desiderio sessuale, clinicamente noto come disturbo del desiderio sessuale ipoattivo, è una condizione comune e può essere un effetto collaterale di farmaci ampiamente utilizzati come una categoria di antidepressivi noti come SSRI. “Un trattamento per aumentare l’aromatasi in questo disturbo potrebbe aumentare il desiderio sessuale”, ha spiegato Bulun.

Il rovescio della medaglia, il desiderio sessuale compulsivo è un’altra condizione che può essere trattata da un inibitore dell’aromatasi sistemico esistente, ma questo trattamento ha effetti collaterali come l’osteoporosi. “Ora, possono essere sviluppati nuovi farmaci selettivi che sopprimono solo la regione del promotore cerebrale del gene dell’aromatasi”, ha aggiungto il ricercatore. “Questi nuovi farmaci selettivi non causerebbero gli effetti collaterali degli inibitori dell’aromatasi attualmente esistenti”.

Altri autori  includono David Brooks, John Coon, Cihangir Ercan e Hongxin Dong.

Fonte: Neurosciencenews

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...