Home Salute Cervello e sistema nervoso Sclerosi multipla: remissione da cellule immunitarie intestinali

Sclerosi multipla: remissione da cellule immunitarie intestinali

Immagine: Sclerosi multipla. Credit:Public Domain.

Le cellule immunitarie intestinali viaggiano verso il cervello durante le riacutizzazioni della sclerosi multipla (SM), secondo un team di ricerca internazionale guidato dagli scienziati dell’UCSF. 

Queste cellule intestinali sembrano svolgere un ruolo protettivo, aiutando a riportare i sintomi della Sclerosi multipla in remissione.

- Advertisement -

Gli scienziati sanno che ne lla SM, altri tipi di cellule immunitarie vanno in tilt e attaccano la mielina, materiale isolante fondamentale che aiuta le cellule nervose a comunicare tra loro in modo rapido e affidabile. Il danno risultante porta a periodici attacchi di SM che possono lasciare i pazienti alle prese con perdita della vista, problemi di memoria, dolore e altri sintomi. Questi sintomi di “ricaduta” spesso si attenuano da soli dopo giorni o settimane, ma gli esperti non hanno ancora una buona comprensione di ciò che inverte il passaggio dalla riacutizzazione alla remissione e viceversa.

I nuovi risultati, pubblicati il ​​20 novembre 2020 su Science Immunology, suggeriscono che un nuovo giocatore inaspettato potrebbe aiutare a tenere sotto controllo le riacutizzazioni: le cellule immunitarie dell’intestino che esprimono un tipo di anticorpo chiamato IgA. Nell’intestino, queste cellule fungono da prima linea di difesa critica contro gli invasori stranieri e, pensano gli scienziati, aiutano a impedire che i batteri brulicanti del nostro microbioma intestinale crescano senza controllo. Recentemente, un team di ricerca internazionale guidato dall’UCSF ha fatto la sorprendente scoperta che, nei modelli animali di Sclerosi multipla, queste cellule immunitarie intestinali lasciano il sistema digestivo e viaggiano verso il cervello dove sembrano aiutare a ridurre l’infiammazione.

“Era un’idea molto nuova”, ha detto Sergio Baranzini, Ph.D., Professore di neurologia e membro dell’UCSF Weill Institute for Neurosciences, autore principale del nuovo studio. “Nessuno pensava di trovare questo tipo di cellula immunitaria“.

Tracce di IgA nel liquido cerebrospinale dei pazienti

Ora il team, che comprende scienziati del Canada, Germania, Svezia e Svizzera, è andato oltre, trovando tracce dell’anticorpo IgA nel liquido cerebrospinale dei pazienti con SM durante le riacutizzazioni, ma non quando gli episodi sono in remissione. Hanno anche trovato segni di cellule immunitarie che producono IgA nel tessuto cerebrale post-mortem donato che era stato danneggiato durante gli attacchi di SM. I risultati confermano per la prima volta che le cellule immunitarie intestinali sono coinvolte nelle ricadute della Sclerosi multipla negli esseri umani.

- Advertisement -

Vedi anche:Nuova immunoterapia efficace nei modelli animali di sclerosi multipla

“Solo al momento di un attacco c’è stato un aumento di queste cellule e degli anticorpi che producono”, ha detto Baranzini. “Questo ha davvero attirato la nostra attenzione“.

Le cellule immunitarie che esprimono IgA svolgono un ruolo protettivo nella Sclerosi multipla

Nella speranza di determinare cosa stessero facendo queste cellule immunitarie intestinali nel cervello, il team ha quindi cercato di vedere a quali tipi di molecole reagiva l’anticorpo IgA. Ricerche recenti hanno dimostrato che un microbioma intestinale malsano svolge un ruolo nella SM, quando proliferano alcune specie di batteri potenzialmente dannose. Sebbene il team abbia scoperto che le IgA non si legano alla proteina della mielina, si legano ad alcune di queste specie di batteri nocivi, suggerendo che, a differenza di altre cellule immunitarie, che sono note per causare danni nella SM, le cellule immunitarie che esprimono IgA svolgono un ruolo protettivo, possibilmente inseguendo questi batteri nocivi al cervello e montando una difesa contro di essi.

“Questo studio apre una nuova linea di ricerca”, ha detto Anne-Katrin Pröbstel, MD, ex ricercatrice post-dottorato UCSF, ora all’Università di Basilea in Svizzera e prima autrice dell’articolo. “Penso che abbia un enorme potenziale per le terapie“.

Le collaborazioni all’interno del Centro UCSF Benioff per la medicina del microbioma hanno permesso ai ricercatori di lavorare con i vari batteri ritenuti segni distintivi del microbioma della SM e il lavoro si è basato in gran parte su dati e campioni biologici raccolti attraverso lo studio multidisciplinare UCSF EPIC, che ha seguito centinaia di pazienti SM di età superiore a 16 anni.

“Penso che l’UCSF sia uno degli unici posti in cui avremmo potuto farlo, grazie all’accesso ai campioni dei pazienti che ci consentono di osservare i batteri nell’intestino, le cellule immunitarie del sangue, le cellule immunitarie del fluido spinale e del tessuto cerebrale “, ha detto Pröbstel. “È davvero una risorsa unica”.

Fonte:Science Immunology

ULTIMI ARTICOLI

Sclerosi multipla: remissione da cellule immunitarie intestinali

Immagine: Sclerosi multipla. Credit:Public Domain. Le cellule immunitarie intestinali viaggiano verso il cervello durante le riacutizzazioni della sclerosi multipla (SM), secondo un team di ricerca...

COVID 19: primi dettagli del danno cerebrale

Immagine: COVID 19, Credit: Public Domain. Sebbene sia principalmente una malattia respiratoria, l'infezione da COVID-19 colpisce altri organi, incluso il cervello. Uno dei primi studi basati...

Una “cassetta degli attrezzi” per diagnosticare malattie complesse

Immagine:malattie complesse.Credit: CHU Sainte-Justine. Un team internazionale guidato da un ricercatore del CHU Sainte-Justine sta sviluppando un nuovo modello matematico per migliorare la gestione di...

I bambini autistici possono leggere prima di parlare

Immagine: bambini autistici e iperlessia. Credit: Université de Montréal. La dottoranda Alexia Ostrolenk vuole capire meglio l'iperlessia, la capacità di decifrare lettere e gruppi di...

Stanchezza cronica: sviluppato il primo strumento diagnostico

Immagine: Stanchezza cronica. Credit: Public Domain. Stanchezza cronica: sviluppato dai ricercatori dell'UdeM e del CHU Sainte-Justine il primo strumento diagnostico molecolare: l'innovazione consente anche di...