HomeSaluteSARS-CoV-2 può essere disperso nell'aria per circa 4 metri

SARS-CoV-2 può essere disperso nell’aria per circa 4 metri

SARS-CoV-2 può viaggiare fino a 13 piedi o 4 metri dai pazienti nei reparti ospedalieri, secondo un nuovo studio. Si tratta del doppio della distanza consigliata dalle linee guida per il distanziamento sociale.

Un team di ricercatori cinesi ha pubblicato i risultati preliminari di uno studio in Emerging Infectious Diseases, una rivista dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Il team ha condotto lo studio per determinare la distribuzione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) nei reparti ospedalieri della città di Wuhan, in Cina, dove il virus è emerso per la prima volta. I ricercatori hanno testato campioni di aria e di superficie e hanno scoperto che la contaminazione era più significativa nelle unità di terapia intensiva rispetto ai reparti generali. Inoltre, l’evidenza suggerisce che il virus era ampiamente distribuito su pavimenti, bidoni della spazzatura, computer e corrimano del letto malato e in aria a meno di circa 4 metri dai pazienti. Con questa diffusa diffusione del virus, gli operatori sanitari rischiano di contrarre il virus e ammalarsi.

Vedi anche: SARS-CoV-2: da dove provengono i nuovi virus? Come infettano l’uomo?

- Advertisement -

Trasmissione del virus

Il nuovo coronavirus si è ora diffuso in 185 paesi e territori, colpendo quasi 2 milioni di persone e uccidendone oltre 126.000. Gli Stati Uniti hanno il numero più significativo di infezioni, con il bilancio dei casi che ha raggiunto oltre 608.000 persone e il bilancio delle vittime si avvicina a 26.000. La sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), l’agente causale di COVID-19, può diffondersi attraverso goccioline respiratorie e stretto contatto. Le linee guida CDC e OMS affermano di praticare l’allontanamento sociale di circa 6 piedi o 2 metri per prevenire la contrazione del virus.

Immagine: coronavirus​ https://www.scientificanimations.com / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0).

- Advertisement -

Conoscere l’entità della contaminazione ambientale di SARS-CoV-2 nei reparti COVID-19 è fondamentale per migliorare le pratiche di sicurezza per il personale medico e rispondere alle domande sulla trasmissione di SARS-CoV-2 tra le persone. Tuttavia, se SARS-CoV-2 può essere trasmesso dagli aerosol rimane controverso e il rischio di esposizione per contatti stretti non è stato valutato sistematicamente ”, hanno scritto i ricercatori sul documento.

Mentre i risultati dello studio non indicano la quantità di virus vivo, se ce ne sono, i ricercatori confermano che il virus si diffonde negli aerosol, oltre alle grandi goccioline respiratorie.

Lo studio

Per raggiungere i risultati dello studio, il team ha raccolto campioni di tampone da oggetti potenzialmente contaminati in terapia intensiva e reparto generale di un Ospedale della città di Wuhan tra il 19 febbraio e il 2 marzo. Sono stati ricoverati 24 pazienti nel reparto generale, mentre 15 pazienti sono rimasti in terapia intensiva. Il team ha anche raccolto campioni di aria utilizzando un campionatore a ciclone a parete bagnata SASS 2300 a 300L / min per 30 minuti. Gli oggetti di uso quotidiano nel reparto in cui sono stati raccolti i campioni includono maschere per i pazienti, dispositivi di protezione individuale (DPI), apparecchiature informatiche, corrimano per letti per malati, pattumiere e prese d’aria. Il tasso di positività della contaminazione da virus è elevato per la superficie degli oggetti comunemente toccati dal personale medico, come il mouse del computer, seguiti dai bidoni della spazzatura, dai corrimano dei letti e dai pomelli delle maniglie. Inoltre, sono state trovate particelle virali nei polsini e nei guanti del personale medico, suggerendo l’importanza di praticare l’igiene delle mani dopo il contatto con il paziente. Le maschere per i pazienti contengono anche goccioline espirate e secrezioni orali e il team raccomanda di disinfettarle prima di eliminarle.

Il team ha scoperto che la maggior parte della contaminazione si verifica in terapia intensiva, rispetto al reparto generale. Circa il 35 percento dei campioni di aria provenienti dall’ICU è risultato positivo al coronavirus, mentre solo il 12,5 percento era positivo nel reparto generale. Nei tamponi di sfiato dell’aria, il 66,7 per cento è risultato positivo in terapia intensiva, mentre l’8,3 per cento nel reparto generale.

I risultati dello studio mostrano quanto sia importante praticare una rigorosa disinfezione in Ospedale e gli operatori sanitari dovrebbero essere molto vigili nel proteggere se stessi, specialmente quelli nelle ICU. Ulteriori risultati mostrano che in termini di trasmissione di aerosol, gli aerosol carichi di virus erano concentrati vicino e a valle dei pazienti fino a 4 metri circa, mentre quantità più piccole sono state trovate a monte, fino a poco più di 2,5 metri.

“Lo studio ha tre conclusioni. Innanzitutto, SARS-CoV-2 è stato ampiamente distribuito nell’aria e sulle superfici degli oggetti sia in terapia intensiva che negli altri reparti, il che implica un rischio potenzialmente elevato di infezione per il personale medico e altri contatti stretti. In secondo luogo, la contaminazione ambientale era maggiore nell’ICU che nel GW; pertanto, il personale medico che lavora in terapia intensiva dovrebbe adottare misure di protezione più rigorose. In terzo luogo, le caratteristiche di distribuzione dell’aerosol SARS-CoV-2 nel GW indicano che la distanza di trasmissione di SARS-CoV-2 potrebbe essere di 4 metri “, ha concluso il team nello studio.

Fonte: CDC/ News Medical

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...