SARS-CoV-2: promesse e incertezze dei test sugli anticorpi (Aggiornamento)

0
7

Immagine: Credito: UCSF.

Mentre le persone in tutto il mondo cercano di immaginare il recupero dalla pandemia di COVID-19, molta attenzione è stata prestata ai test sugli anticorpi come un modo per identificare le persone che hanno sviluppato l’immunità al virus SARS-CoV-2.

L’idea è che le persone con anticorpi anti SARS-CoV-2 potrebbero ricevere “passaporti di immunità” che permetterebbero agli operatori sanitari di tornare in prima linea e a un sottogruppo della popolazione di riaprire l’economia. Anche se gli scienziati dell’UC San Francisco e di tutto il mondo si affrettano a sviluppare e convalidare i test anticorpali per il nuovo coronavirus, sono cauti su come dovrebbero essere usati questi test.

Si dice ancora troppo sull’immunità a COVID-19 e sulle prestazioni dei test!

Tre esperti dell’UCSF: il patologo Alan Wu, Ph.D .; Chaz Langelier, M.D., Ph.D, specialista in malattie infettive e il patologo Jonathan Esensten, M.D., Ph.D, ci spiegano come funzionano i test sugli anticorpi, per chi possono essere più utile e perché dovremmo essere cauti.

Che cos’è un anticorpo?

Gli anticorpi sono proteine ​​a forma di Y che si legano a specifiche sostanze estranee nei nostri corpi, come SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Combattono le infezioni bloccando parti del virus necessarie per infettare una cellula o contrassegnandole per la distruzione da parte del sistema immunitario. Gli anticorpi sono prodotti da cellule immunitarie note come cellule B. L’incredibile gamma di anticorpi che possiamo produrre deriva dall’incredibile gamma di cellule B che abbiamo. Quando siamo infettati da un virus, una piccola serie di cellule B riconosce il virus e, nel giro di un paio di settimane, con l’aiuto di altre cellule immunitarie note come cellule T, imparano a produrre anticorpi sempre più forti contro il virus. Queste cellule B maturano e si moltiplicano in fabbriche per la produzione di anticorpi note come plasmacellule.

Se ti ammali di COVID-19, probabilmente avrai una certa immunità, ma non possiamo esserne sicuri”.

In genere, gli esperti ritengono che se si sviluppano anticorpi contro il nuovo coronavirus, si ha almeno un’immunità temporanea dalla reinfezione, sebbene sottolineino che ciò non è ancora stato dimostrato e che i parametri di tale immunità sono ancora sconosciuti. “Tutti vogliono essere convinti che se ho gli anticorpi, sono immune”, ha detto Wu. “Beh, non possiamo esserne certi. Il test anticorpale per questo virus è ancora giovane per dimostrare che nessuno può essere infettato di nuovo se ha gli anticorpi”.
Sia l’ottimismo che la cautela derivano da ciò che sappiamo di altri coronavirus. Gli studi sui coronavirus stagionali che causano il raffreddore comune hanno dimostrato che le persone sono protette dalla reinfezione dallo stesso ceppo per almeno un anno prima che l’immunità diminuisca. Per i coronavirus SARS e MERS, gli anticorpi sembrano persistere per diversi anni, ma nessuno studio ha intenzionalmente tentato di reinfettare le persone, per dimostrarlo poiché si tratta di malattie mortali.
Per il nuovo coronavirus, noto come SARS-CoV-2, uno studio su due macachi rhesus che si erano ripresi dal virus ha scoperto che non potevano essere reinfettati alcune settimane dopo. Quindi questo esperimento ci dice che, almeno in un modello di primati non umani, le risposte mediate dagli anticorpi probabilmente li proteggono dalle infezioni ricorrenti”, ha detto Langelier. “Quello che non sappiamo è se questo si estenda completamente agli umani o no. E non sappiamo per quanto tempo dura quella protezione”.
In Corea del Sud, oltre un centinaio di pazienti si sono nuovamente dimostrati positivi a SARS-CoV-2 dopo essere stati dimessi dall’Ospedale, ma non è chiaro se rappresentino una reinfezione o siano il risultato di test errati.
Langelier ha anche osservato che la forza della risposta immunitaria può variare da persona a persona. Uno studio recente, non ancora sottoposto a revisione paritaria, su 175 pazienti con COVID-19 recuperati ha scoperto che solo il 70 percento ha sviluppato titoli anticorpali elevati, il che significa che il loro sangue conteneva elevate concentrazioni di anticorpi contro il virus, mentre il 25 percento aveva titoli più bassi e il 5 percento non aveva anticorpi rilevabili.
Come funzionano i test sugli anticorpi?
Attualmente, la Food and Drug Administration (FDA) ha autorizzato solo quattro test anticorpali per COVID-19, ma ha anche allentato le restrizioni per consentire alle aziende di vendere test anticorpali non sottoposti a revisione scientifica da parte della FDA, a condizione che le società convalidino i propri test per informare poi la FDA. Più di 90 aziende hanno ora test sul mercato, ma non è chiaro quanto bene funzionino e come si confrontino.
I test anticorpali, noti anche come test sierologici, non sono una novità e sono comunemente usati per confermare le vaccinazioni o per monitorare infezioni come l’HIV. Sebbene i metodi possano variare, un test anticorpale utilizza essenzialmente un antigene, che imita una parte del virus, come esca e ha un segnale che registra se gli anticorpi hanno preso l’esca.
Alcuni test possono essere eseguiti a casa con una puntura ad esempio sul dito per prelevare una goccia di sangue, mentre altri richiedono macchine di laboratorio in grado di eseguire centinaia di campioni all’ora. Alcuni misurano un tipo di anticorpo noto come IgG, altri misurano altri tipi come IgM e IgA.
All’UCSF, diversi team stanno lavorando con aziende per convalidare nuovi test anticorpali SARS-CoV-2 utilizzando campioni di sangue di pazienti COVID-19 raccolti nel corso della loro malattia. Il processo di convalida è essenziale per garantire che i test siano sensibili, nel senso che identificano tutti i veri positivi e specifici, nel senso che identificano tutti i veri negativi. Una preoccupazione è che alcuni test possono anche rilevare anticorpi per altri coronavirus e dare un falso positivo o una falsa certezza  a qualcuno che non ha effettivamente anticorpi per SARS-CoV-2.
Possiamo lavorare con i test sugli anticorpi?
Con così tanto ancora ignoto sull’immunità a COVID-19 e test anticorpali che non sono stati rigorosamente convalidati, gli esperti temono che uno screening anticorpale diffuso possa dare un falso senso di sicurezza. “Penso che fare lo screening di massa sia prematuro”, ha detto Wu. “Ci deve essere un piano per determinare qual’è l’obiettivo e l’obiettivo per fare una cosa del genere”. Un obiettivo potrebbe essere quello di consentire agli operatori sanitari che hanno anticorpi di tornare al lavoro in situazioni ad alto rischio. “Sicuramente capire se gli operatori sanitari sono stati esposti e possono essere immuni è una delle speranze per i test sugli anticorpi“, ha detto Langelier. “Sfortunatamente, non sappiamo ancora come la positività del test sia correlata con l’immunità e probabilmente esiste un saggio per valutare la variabilità”.
Gli esperti avvertono che il test degli anticorpi non ha lo scopo di diagnosticare le infezioni attive di COVID-19 poiché gli anticorpi possono richiedere molti giorni per svilupparsi. Un recente studio pubblicato su Nature su pazienti con lieve COVID-10 ha scoperto che solo la metà ha sviluppato anticorpi entro il settimo giorno dopo l’insorgenza dei sintomi, con tutti i pazienti che hanno sviluppato anticorpi entro il 14 ° giorno. Penso che sia importante sapere che all’inizio dell’infezione, un test anticorpale negativo non significa che qualcuno non sia infetto e che ci vuole tempo per sviluppare una risposta anticorpale”, ha detto Langelier.
COVID-19 potrebbe essere più diffuso di quanto pensiamo, ma non siamo vicini all’immunità della massa
Naturalmente, il vantaggio del test sugli anticorpi è la sua capacità di captare segni rivelatori di infezione molto tempo dopo che i sintomi sono svaniti e anche se la persona non ha mai mostrato sintomi. Al contrario, i test diagnostici, come un test PCR, rilevano l’RNA virale e funzionano solo nella ristretta finestra temporale – circa due settimane – quando il virus si trova nel corpo. “Sappiamo che una parte considerevole di persone ha infezioni asintomatiche o infezioni molto lievi e non viene mai testata. Quindi non c’è modo di sapere che sono stati infettati senza test sugli anticorpi“, ha detto Langelier.
I test sugli anticorpi potrebbero aiutarci a vedere la reale prevalenza di COVID-19, calcolare tassi di mortalità più accurati e modellare meglio la futura diffusione della malattia mostrando quante persone sono ancora vulnerabili alle infezioni.
L’UCSF sta già avviando studi di sieroprevalenza in alcune comunità per comprendere meglio la diffusione di COVID-19. I ricercatori mirano a testare il maggior numero possibile di 2.000 residenti di Bolinas, in California, per un periodo di quattro giorni e poi i 5.700 residenti nel Mission District di San Francisco in un altro periodo di quattro giorni. I residenti possono ricevere volontariamente test anticorpali e test diagnostici per l’infezione attiva da COVID-19.
È probabile che la reale prevalenza di COVID-19 sia molte volte superiore a quella attualmente riportata attraverso i test diagnostici, ma la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che siamo ben lungi dall’essere sufficientemente immuni nella popolazione per reprimere la trasmissione con la nota come immunità di gregge.
“Anche se è un’immunità al 5 percento, che ritengo sia elevata, la malattia sarà comunque in grado di diffondersi ampiamente tra il 95 percento delle persone. A quel punto non saremo in nessun posto vicini all’immunità di gregge”, ha affermato Esensten.
Inoltre, un test anticorpale positivo non garantisce l’immunità.Non abbiamo dimostrato che gli anticorpi che vengono prodotti sono in effetti anticorpi neutralizzanti“, ha affermato Wu. “È possibile, ad esempio, che un anticorpo possa legarsi a una parte del virus di cui il virus non ha bisogno per infettare le nostre cellule. Per essere neutralizzante, un anticorpo deve impedire al virus di infettare le nostre cellule”.
Il plasma convalescente è il trattamento della disperazione
La produzione di anticorpi neutralizzanti determinerà anche se possiamo prelevare anticorpi da qualcuno che si è ammalato di COVID-19 e usarli per aiutare qualcuno che deve ancora combattere l’infezione. Conosciuta come terapia al plasma convalescente, questa tecnica è stata utilizzata dal 19 ° secolo per trattare le malattie infettive tra cui il morbillo, l’influenza e l’Ebola. Prove sperimentali di terapia con plasma convalescente per COVID-19 sono state condotte in Cina, con qualche beneficio aneddotico e sono in corso a New York City.
Senza trattamenti comprovati per COVID-19 e un vaccino a distanza di almeno un anno, i ricercatori vedono il plasma convalescente come un’altra via di speranza. “È molto, molto vecchio e teoricamente utile, ma non è un approccio molto ben collaudato”, ha affermato Esensten. “Definirei il plasma convalescente un trattamento della disperazione, ma è nella disperazione che siamo adesso”. Esensten sta attualmente reclutando donatori di plasma convalescente per studi clinici programmati presso Zuckerberg San Francisco General e UCSF. I potenziali donatori includono gli adulti che si sono ripresi da COVID-19 e sono almeno a quattordici giorni dai loro ultimi sintomi. I volontari vengono prima sottoposti a un test anticorpale per verificare la presenza di anticorpi e un tampone nasale per assicurarsi che non siano più infettivi. Il processo di donazione si svolge presso un centro ematico Vitalant ed è simile alla donazione di sangue, tranne per il fatto che una macchina estrae il plasma, il componente di colore giallo paglierino che contiene gli anticorpi e restituisce il resto del sangue al donatore. Il plasma congelato può essere conservato per un massimo di un anno.
Esensten sospetta che il plasma convalescente possa essere più efficace se somministrato all’inizio di un’infezione, ma anche questo non è ancora stato testato.