Esperto esamina gli attacchi di COVID-19 al fegato

0
5

Immagine: Credito Credit: Unsplash.

Un attacco al sistema respiratorio che causa grave tosse e mancanza di respiro è ciò che molti di noi associano ai peggiori effetti di COVID-19. Ma un ricercatore medico dell’Università di Cincinnati afferma che anche il danno al fegato è un’area che necessita di ulteriori studi.

Circa il 50% dei pazienti COVID-19 in Cina e in Italia ha riportato un’infiammazione del fegato, caratteristica dell’epatite, in seguito alla malattia COVID 19.

“Ciò che non era chiaro all’inizio era il rischio di quella lesione epaticada COVID 19“, afferma il Dott. Kenneth Sherman, Professore di medicina Gould e Direttore della divisione UC delle malattie digestive. “Ci sono state segnalazioni individuali di insufficienza epatica acuta, ma ovviamente la maggior parte delle persone che muoiono di COVID-19 lo fanno a causa di complicazioni respiratorie”. Sherman sta usando una sovvenzione dall’UC College of Medicine, per esaminare la replicazione del virus SARS-CoV-2, l’agente patogeno della COVID-19, nelle cellule del fegato per determinare i modelli di lesione e comprendere le risposte immunitarie innate risultanti.

Esistono diversi possibili meccanismi attraverso i quali SARS-CoV-2 potrebbe causare lesioni al fegato“, spiega Sherman, anch’egli medico della UC Health. “Potrebbe infettare le cellule causandone la distruzione immediata: la chiamiamoreazione litica‘. Vediamo questa reazione in alcune forme di epatite“, afferma Sherman. “In alternativa, potrebbero essere i virus che si replicano all’interno delle cellule del fegato e quindi ci sono proteine ​​virali che rendono le cellule del fegato suscettibili alle lesioni immunologiche mentre il corpo combatte l’infezione. La persona infetta non sta solo cercando di eliminare il virus dai suoi polmoni, ma cerca di eliminare i virus dal suo fegato e questo porta a danni al fegato”.

Sherman afferma che il virus o le proteine ​​virali non possono causare infezioni dirette ma che, attraverso le proteine ​​virali circolanti nel sangue, possono causare danni o morte alle cellule del fegato. Esiste anche la possibilità che il danno al fegato nei pazienti con COVID-19 possa essere il risultato dei farmaci antivirali usati per trattare la malattia. Sherman spiega che lo studio pilota ha due obiettivi.
“Un obiettivo è concentrarsi sull’esame dell’effetto dell’infezione virale sulle cellule del fegato rispetto alle cellule renali in coltura in cui è noto che il virus si replica”, afferma Sherman. “Cercheremo di discernere cosa sta succedendo per capire quali meccanismi sono più operativi nel processo di danneggiamento delle cellule del fegato”. Lo studio può ottenere campioni di virus da fonti nazionali e internazionali. “Il campione sarà standardizzato e sarà rappresentativo dei ceppi virali SARS-CoV-2 dello stato di Washington o Wuhan, Cina”, spiega Sherman. I magazzini dei repository approvati a livello federale dispongono di grandi lotti di virus disponibili per la ricerca. “Un secondo obiettivo dello studio è quello di esaminare i risultati immunologici e clinici nei pazienti con immunosoppressione associati a trapianto di fegato, trapianto di rene o individui affetti da HIV”, afferma Sherman. La domanda ampia è: ci sono differenze nelle risposte immunologiche o nelle risposte dell’ospite in quei pazienti che sono immunodepressi?” dice Sherman. “Come possiamo caratterizzare quelle risposte? Il primo passo richiede che iniziamo a sviluppare le capacità per eseguire test sugli anticorpi”.
“Abbiamo bisogno di test anticorpali per sapere chi è stato esposto e dobbiamo sapere come identificare l’esposizione aSARS-CoV-2 quando il virus non è più presente”, afferma Sherman. “Questi sono test immunologici e stiamo sfruttando le relazioni con i produttori di test negli Stati Uniti e in Cina. Studieremo le caratteristiche degli individui concentrandoci sul confronto delle popolazioni immunosoppresse con altre persone che hanno un sistema immunitario intatto, afferma Sherman.
Gran parte dell’attenzione sulla prevenzione di COVID-19 è stata nel controllo della sua diffusione da persona a persona attraverso l’infezione aerosol. Ma Sherman fa notare che la malattia può anche essere diffusa attraverso il tratto digestivo. “Il tratto digestivo è probabilmente coinvolto nell’infezione in quasi tutti i casi”, afferma Sherman. “Per molti pazienti i sintomi digestivi predominano con dolore addominale, crampi e diarrea dovuti a infezione dell’intestino. L’infezione del tratto digestivo può essere molto importante poiché il virus SARS-CoV-2 può diffondersi attraverso le feci”. Questo è davvero un problema”, afferma Sherman. “I funzionari sanitari hanno identificato la contaminazione nei bagni come fattore di rischio sia in Italia che in Cina”.