HomeSaluteVirus e parassitiSARS-CoV-2: l'OMS si concentra sui mercati animali

SARS-CoV-2: l’OMS si concentra sui mercati animali

(SARS-CoV-2: Immagine: secondo il rapporto dell’OMS, i mercati di animali come questo in Cina potrebbero essere una fonte della pandemia da COVID-19. Credito: Eric Lafforgue/Art In All Of Us/Corbis via Getty).

I mercati che vendevano animali – alcuni morti, altri vivi – nel dicembre 2019 a Wuhan in Cina, sono emersi come una probabile fonte della pandemia da coronavirus SARS-CoV-2 in un’importante indagine organizzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Quell’indagine ha vagliato ipotesi alternative su quando e dove si è verificata la pandemia, concludendo che il virus probabilmente non si è diffuso ampiamente prima di dicembre o non è fuggito da un laboratorio. Il rapporto di indagine, pubblicato oggi, esamina anche in profondità il probabile ruolo dei mercati, incluso il mercato Huanan a Wuhan, a cui sono collegate molte delle prime infezioni da COVID-19 note.

- Advertisement -

“Potremmo dimostrare che il virus circolava nel mercato già a dicembre 2019″, afferma Peter Ben Embarek dell’OMS, che ha co-diretto l’indagine. Aggiunge che questa indagine è tutt’altro che l’ultima. “In questo rapporto sono stati individuati molti buoni indizi e prevediamo che molti, se non tutti, saranno seguiti perché è nostro dovere nei confronti del mondo capire cosa è successo, perché e come evitare che accada di nuovo”.

Eddie Holmes, un virologo dell’Università di Sydney in Australia, afferma che il rapporto fa un buon lavoro nel delineare ciò che si sa sui primi giorni della pandemia e osserva che suggerisce i prossimi passi per lo studio. “C’era chiaramente molta trasmissione al mercato”, dice. “Per me, guardare ai mercati di animali vivi e all’allevamento di animali dovrebbe essere l’obiettivo in futuro“.

Vedi anche:Il raffreddore comune può proteggere da SARS-CoV-2

Tuttavia, ciò che è accaduto esattamente al mercato di Huanan rimane sconosciuto. Le analisi e le inferenze genomiche basate sull’origine di altre malattie suggeriscono che un animale intermedio, forse venduto nei mercati, abbia trasmesso SARS-CoV-2 all’uomo dopo essere stato infettato da un precedente coronavirus nei pipistrelli.

- Advertisement -

Dopo la pubblicazione del rapporto, il Direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che non era direttamente coinvolto nell’indagine, ha pubblicato una dichiarazione in cui affermava di attendere con impazienza studi futuri sulle origini animali del coronavirus, ma che non era soddisfatto dell’esame su una potenziale fuga dal laboratorio, del virus. “Non credo che questa valutazione sia stata abbastanza ampia”, ha scritto. “Ciò richiede ulteriori indagini, potenzialmente con missioni aggiuntive che coinvolgono esperti specializzati che sono pronto a schierare”.

Focolaio al mercato di Huanan

Alla fine di gennaio e all’inizio di febbraio, 34 scienziati di nazioni tra cui Cina, Giappone, Stati Uniti e Regno Unito si sono riuniti a Wuhan e hanno valutato i dati. Oggi, il team ha pubblicato i suoi risultati in un rapporto di 300 pagine. Gran parte di esso è dedicato ai casi di COVID-19 verificatisi a dicembre 2019 e gennaio 2020. Due terzi delle 170 persone che hanno manifestato sintomi a dicembre hanno riferito di essere state esposte ad animali vivi o morti poco prima e il 10% di aver viaggiato fuori Wuhan. I ricercatori cinesi hanno sequenziato i genomi di SARS-CoV-2 da alcune delle persone di questo gruppo, scoprendo che otto delle prime sequenze erano identiche e che le persone infette erano collegate al mercato di Huanan. Questo suggerisce un focolaio lì, secondo il rapporto.

Tuttavia, i ricercatori hanno anche scoperto che questi genomi variavano leggermente da quelli di alcuni altri primi casi. Alcuni legati al mercato; altri no. “Ciò significa che il coronavirus potrebbe essersi diffuso sotto il radar nelle comunità, evolvendosi lungo la strada e verificandosi casualmente nelle persone legate al mercato”, afferma il rapporto.

“Un’altra possibilità è che si sia verificata un’epidemia in una fattoria che forniva animali al mercato”, suggerisce Holmes. “Diversi animali infetti – con variazioni leggermente diverse di SARS-CoV-2 – potrebbero essere stati poi venduti nei mercati di Wuhan, scatenando molteplici infezioni nell’uomo”. Molti animali sono stati venduti al mercato di Huanan. I record di dicembre 2019 elencano pollame, tassi, conigli, salamandre giganti, due tipi di coccodrillo e altro ancora. “Funzionari cinesi hanno affermato che il mercato non vendeva mammiferi vivi o fauna selvatica illegale”, aggiunge il rapporto, “ma fa anche riferimento a resoconti dei media non verificati che suggeriscono che non è così e che gli animali vivi  come il procione o i cani vengono venduti”. Una prova sono le foto che Holmes ha pubblicato dopo un viaggio lì nel 2014.

I ricercatori cinesi hanno raccolto quasi 1.000 campioni dal mercato di Huanan all’inizio del 2020, tamponando porte, bidoni della spazzatura, servizi igienici, bancarelle che vendevano verdure e animali, gatti randagi e topi. La maggior parte dei risultati positivi proveniva da bancarelle che vendevano pesce, bestiame e pollame. I ricercatori hanno anche prelevato campioni da 188 animali di 18 specie al mercato, tutti risultati negativi.

“Ma questi animali non rappresentano tutto ciò che viene venduto nei mercati”, osserva il membro del team dell’OMS Peter Daszak, Presidente dell’organizzazione di ricerca senza scopo di lucro Ecohealth Alliance a New York City. “Mille campioni sono un ottimo inizio, ma c’è ancora molto da fare”, afferma. Sottolinea che i ricercatori hanno rintracciato gli animali d’allevamento al mercato in tre province della Cina dove erano stati trovati pangolini e pipistrelli portatori di coronavirus simili a SARS-CoV-2. Sebbene i virus del pangolino e dei pipistrelli si siano rivelati troppo distanti per essere i diretti progenitori di SARS-CoV-2, Daszak afferma che gli animali potrebbero fornire un indizio sul fatto che in quei luoghi siano iniziati focolai tra gli animali .

Origine di SARS-CoV-2: mercato o laboratorio?

Il rapporto dell’OMS conclude anche che è altamente improbabile che il coronavirus sia fuggito da un laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan. La maggior parte degli scienziati afferma che le prove favoriscono in modo schiacciante la diffusione di SARS-CoV-2 dagli animali agli esseri umani, ma alcuni hanno sostenuto l’idea che il virus sia stato intenzionalmente o accidentalmente trapelato da un laboratorio.

Quando gli autori del rapporto hanno visitato l’istituto, i suoi scienziati hanno detto loro che nessuno in laboratorio aveva anticorpi contro SARS-CoV-2, escludendo l’idea che qualcuno fosse stato infettato in un esperimento e lo avesse diffuso ad altri.

I ricercatori di Wuhan hanno anche affermato di non aver mantenuto alcun ceppo di virus vivo simile a SARS-CoV-2. E nelle loro discussioni con la squadra investigativa, hanno sottolineato in un articolo pubblicato su Nature Medicine che i virus simili esistono negli animali in Cina, piuttosto che nel loro laboratorio. Hanno inoltre spiegato che tutti nel laboratorio hanno una formazione sulla sicurezza e valutazioni psicologiche e che la loro salute fisica e mentale è continuamente monitorata.

“Ci è stato permesso di porre tutte le domande che volevamo e abbiamo ottenuto risposte”, afferma Daszak, che collabora con i ricercatori dell’istituto di Wuhan. “L’unica prova che le persone hanno per una perdita di laboratorio è che c’è un laboratorio a Wuhan”, aggiunge.

Per quanto riguarda le segnalazioni di SARS-CoV-2 in circolazione in Italia e Brasile a ottobre e novembre 2019, il rapporto definisce questi studi inconcludenti perché basati su sequenze parziali di SARS-CoV-2 e quindi potrebbero essere un caso di identità virale errata. Ma inconcludente non significa impossibile. E Tedros indica che ci sarà altro lavoro da fare. “Questo rapporto è un inizio molto importante, ma non è la fine”.

Fonte:Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...