Home Medicina Alternativa SARS-CoV-2: il resveratrolo mostra potenziale antivirale

SARS-CoV-2: il resveratrolo mostra potenziale antivirale

Immagine:Public Domain.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Phytotherapy Research rivela che il resveratrolo, un composto fenolico prodotto dagli spermatofiti, può inibire la replicazione di SARS-CoV-2, il patogeno causale della COVID-19, in configurazioni in vitro.

Data la traiettoria in continua crescita di COVID-19, è di primaria importanza identificare o sviluppare nuove terapie con una potente attività antivirale contro SARS-CoV-2.

- Advertisement -

Vedi anche:SARS-CoV-2: inalazione di vapore inattiva i virioni

Disegno dello studio attuale su SARS-CoV-2

Gli scienziati dello Shenzhen Third People’s Hospital, in Cina, hanno condotto questo studio per indagare su come il resveratrolo, un composto vegetale fenolico, possa modulare la replicazione di SARS-CoV-2 nelle cellule Vero. I ricercatori hanno scelto il resveratrolo come composto sperimentale grazie alla sua provata efficacia nell’inibire la replicazione di diversi virus, tra cui il virus dengue, il virus Zika, il virus dell’influenza e, soprattutto, il coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV), che è un betacoronavirus nel stessa famiglia di SARS-CoV-2.

In primo luogo, gli scienziati hanno verificato l’effetto citotossico del resveratrolo nelle cellule Vero. Hanno osservato che anche a concentrazioni molto elevate, il resveratrolo non ha influenzato la vitalità cellulare, indicando che il composto non è dannoso per le cellule.

I ricercatori hanno utilizzato la reazione a catena quantitativa della trascrittasi inversa-polimerasi (qRT-PCR) e il test di immunofluorescenza per verificare l’effetto del resveratrolo sulle cellule infettate da SARS-CoV-2. Hanno osservato un significativo effetto inibitorio del resveratrolo sulla replicazione virale.

- Advertisement -

Effetti del resveratrolo sulla replicazione di SARS-CoV-2 in colture cellulari Vero. (a) Curva dose-reattiva di RES sulla sopravvivenza cellulare per testare la sua potenziale citotossicità, la concentrazione di DMSO era dello 0,05%. (b) L'EC50 della RES su SARS-CoV-2 in vitro. (c) Le immagini rappresentative del test di immunofluorescenza. Dopo 48 ore di incubazione con virus e RES, le cellule sono state fissate e quindi sondate con plasma del paziente COVID-19 come anticorpo primario, successivamente utilizzando IgG antiumante di capra marcato con Alexa 488 (1: 2.000; Thermo) come anticorpo secondario. I nuclei sono stati colorati con Hoechst 33342. Barra della scala = 200 µm. (d) Diversi regimi di trattamento RES sul tasso inibitorio della replicazione di SARS-CoV-2. Tempo pieno: cellule Vero pretrattate con 50 µM RES per 2 ore, poi RES e virus con una molteplicità di infezione di 0,01 (il titolo del virus di questo studio era 1. 08 × 105 TCID50 / ml) sono stati aggiunti simultaneamente nelle cellule per 1 ora. Successivamente, la miscela di virus-RES è stata rimossa e le cellule sono state coltivate con un terreno contenente 50 µMRES per 48 ore di trattamento pre-infezione: 50 µM di RES sono stati aggiunti alle cellule solo per 2 ore, rimosso e aggiunto virus per 1 ora, quindi rimosso il virus e continuamente coltivato con terreno fresco per 48 ore. Esperimento di co-infezione: RES e virus sono stati aggiunti simultaneamente nelle cellule per 1 ora, lavati e sostituiti con terreno fresco per 48 ore. Trattamento post-infezione: il virus è stato aggiunto per consentire l'attaccamento per 1 ora, lavato e sostituito con terreno fresco contenente 50 µM RES per 48 ore. (e) Effetti dell'antagonista e attivatore di SIRT1 sul tasso di inibizione della replicazione di SARS-CoV-2. Dopo l'infezione da virus, sono stati aggiunti farmaci con diverse concentrazioni nel terreno di coltura per 48 ore, cambio di piega:

Immagine: Effetti del resveratrolo sulla replicazione di SARS-CoV-2 in colture cellulari Vero.

Per determinare su quale fase del ciclo di vita virale il resveratrolo esercita i suoi effetti, i ricercatori hanno condotto due serie di esperimenti. In un set, hanno trattato le cellule con resveratrolo prima dell’infezione e in un’altra serie, il resveratrolo è stato somministrato a cellule infettate da SARS-CoV-2. È interessante notare che i risultati hanno rivelato che il resveratrolo, se applicato prima dell’infezione, era in grado di inibire la replicazione virale solo del 20%; mentre il post-trattamento con resveratrolo ha causato una riduzione del 98% della replicazione virale. Questi risultati suggeriscono che il resveratrolo è più efficace in presenza del virus.

Per indagare ulteriormente sulla modalità di azione del resveratrolo, i ricercatori hanno incubato le cellule con SARS-CoV-2 e resveratrolo contemporaneamente e hanno osservato che il resveratrolo poteva inibire la replicazione virale del 64%. Questi risultati suggeriscono che il resveratrolo può essere in grado di prevenire l’ingresso virale nelle cellule.

Dato che il resveratrolo attiva la segnalazione SIRT1, che è importante per resistere alle infezioni virali, i ricercatori hanno utilizzato un attivatore SIRT1 (SRT 1720) e un inibitore (Sirtinol) per indagare se il resveratrolo inibisce la replicazione di SARS-CoV-2 modulando la via di segnalazione SIRT1. I risultati hanno rivelato che l’inibizione mediata da Sirtinol della segnalazione di SIRT1 ha portato all’induzione della replicazione virale. Questi risultati suggeriscono preliminarmente che SIRT1 può essere responsabile dell’inibizione della replicazione virale. Secondo gli scienziati, sono necessari ulteriori studi per ottenere maggiori informazioni sui dettagli meccanicistici di questa osservazione.

Risultati dello studio resveratrolo/SARS-CoV-2

L’attuale studio identifica il resveratrolo come un potenziale candidato antivirale in grado di inibire la replicazione di SARS-CoV-2. In precedenza, è stato segnalato che il resveratrolo riduce l’infiammazione cellulare diminuendo la produzione di ossido nitrico. Inoltre, ci sono molte prove che dimostrano che il resveratrolo agisce come un potente antiossidante. Un altro vantaggio del resveratrolo è che non causa gravi avversità anche se usato a concentrazioni molto elevate. Poiché lo stress ossidativo e l’infiammazione sono conseguenze comuni di qualsiasi infezione virale, gli scienziati ritengono che il resveratrolo abbia il potenziale per essere utilizzato come agente terapeutico efficace per trattare i pazienti COVID-19.

Fonte:Phytoterapy Research

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...