Home Salute Virus e parassiti SARS-CoV-2 attraversa la barriera emato-encefalica

SARS-CoV-2 attraversa la barriera emato-encefalica

(SARS-CoV-2-Immagine Credit Alice Gray).

Sempre più prove stanno emergendo che le persone con COVID-19, la malattia causata dal coronavirus SARS-CoV-2, soffrono di effetti cognitivi, come la nebbia del cervello e l’affaticamento.

Vedi anche:SARS-CoV-2: individuati i segni del danno cerebrale

- Advertisement -

Pubblicato su Nature Neuroscience, lo studio fornisce la prova che S1 – la proteina spike di SARS-CoV-2, è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica e causare una serie di reazioni di tossicità nel tessuto cerebrale.

La scoperta è stata fatta dal coautore William A. Banks che è un ricercatore di lunga data della barriera emato-encefalica in relazione all’ Alzheimer, obesità, diabete e HIV, evidenziando che gp 120 – la proteina legante dell’HIV-1 – funziona in modo molto simile a S1. Banks ha spiegato che la proteina S1 nel SARS-CoV2 e la proteina gp 120 nell’HIV-1 funzionano in modo simile. Sono glicoproteine ​​- proteine ​​che contengono molti zuccheri, caratteristiche delle proteine ​​che si legano ad altri recettori. Entrambe queste proteine ​​funzionano come braccia e mano per i loro virus aggrappandosi ad altri recettori. Entrambi attraversano la barriera emato-encefalica e S1, come gp120, è probabilmente tossica per i tessuti cerebrali.  “E’ come un déjà vu”, ha detto Banks, che ha svolto un ampio lavoro su HIV-1, gp120 e barriera emato-encefalica.

“Sappiamo che quando si ha l’infezione COVID 19 si hanno problemi di respirazione e questo perché c’è un’infezione nel polmone, ma un’ulteriore spiegazione è che il virus entra nei centri respiratori del cervello e causa problemi anche lì“, ha detto Banks.

Ciò suggerisce fortemente che SARS-CoV-2, la causa di COVID-19, può entrare nel cervello.

- Advertisement -

La proteina spike, spesso chiamata proteina S1, determina in quali cellule può entrare il virus. “Di solito, il virus fa la stessa cosa della sua proteina legante”, ha detto l’autore principale William A. Banks, Professore di medicina presso la University of Washington School of Medicine e medico e ricercatore del Puget Sound Veterans Affairs Healthcare System. I dati hanno confermato che le proteine ​​leganti come l’S1 di solito da sole causano danni quando si staccano dal virus e causano infiammazione. “La proteina S1 probabilmente induce il cervello a rilasciare citochine e prodotti infiammatori”, ha detto il ricdercatore.

Nei circoli scientifici, l’intensa infiammazione causata dall’infezione da COVID-19 è chiamata tempesta di citochine. Il sistema immunitario, vedendo il virus e le sue proteine, reagisce in modo eccessivo nel suo tentativo di uccidere il virus invasore. La persona infetta rimane con nebbia cerebrale, affaticamento e altri problemi cognitivi.

Gli esperimenti hanno anche dimostrato che gli uomini hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi rispetto alle donne a causa del trasporto più veloce di S1 ​​nel bulbo olfattivo – una struttura neurale responsabile dell’olfatto – e nei reni.

Secondo Banks, questi risultati inviano un messaggio molto chiaro a coloro che non prendono sul serio la pandemia: “Non scherzare con questo virus. Molti degli effetti del virus potrebbero essere accentuati o perpetuati o addirittura causati dal virus che entra nel cervello e quegli effetti potrebbero durare per un tempo molto lungo “.

Fonte: newsroom.uw.edu

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...