Più del sale, gli zuccheri possono contribuire ad aumentare la pressione sanguigna

pressione sanguigna,zucchero

Nuove prove, pubblicate sulla rivista online Open Heart, suggeriscono che gli zuccheri più del sale nella dieta, aumentano il rischio di ipertensione e malattie cardiovascolari.

Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di mortalità prematura nel mondo sviluppato e l’ipertensione è il suo più importante fattore di rischio.

L’ipertensione è stata indicata come fattore primario in più di 348.000 morti negli Stati Uniti nel 2009. Per affrontare l’ipertensione, approcci dietetici si sono storicamente focalizzati sul sale.

Tuttavia, i potenziali benefici dalla riduzione del sale nella dieta, sono discutibili. diversi studi hanno dimostrato che la riduzione della pressione sanguigna ottenuta limitando il sale, è minima.

Dati recenti, da più di 100.000 pazienti, indicano che l’assunzione di sodio tra 3-6 g al giorno è associata a un minor rischio di morte e di eventi cardiovascolari rispetto ad un livello di assunzione superiore o inferiore. “Così, le linee guida consigliano che la limitazione di assunzione di sodio al di sotto 3 g / al giorno, può causare danni”, scrivono gli autori.

Gli alimenti trasformati sono le principali fonti di sodio, ma anche di carboidrati altamente raffinati : cioè, i vari zuccheri e amidi semplici . I ricercatori commentano:

“Prove schiaccianti dalla scienza di base, studi di popolazione e gli studi clinici dimostrano che gli zuccheri e in particolare il fruttosio e monosaccaridi, giocano un ruolo importante nello sviluppo dell’ ipertensione. Inoltre, l’evidenza suggerisce che gli zuccheri in generale e il fruttosio, in particolare, possono contribuire al rischio cardiovascolare attraverso una varietà di meccanismi “.

Il saccarosio, o zucchero da tavola, è un disaccaride composto da due monosaccaridi: glucosio e fruttosio. Il saccarosio è un ingrediente comune in alimenti trasformati industrialmente, ma non così comune come un altro dolcificante: alto contenuto di fruttosio nello sciroppo di mais (HFC). Considerando che il saccarosio è parti uguali fruttosio e glucosio,lo sciroppo di mais, HFC, ha più fruttosio (di solito il 55%) del glucosio (il restante 45%) ed è il dolcificante più frequentemente utilizzato negli alimenti trasformati – in particolare nelle bevande di frutta e bibite.

L’ assunzione di 70 gr circa di una bibita ha dimostrato di causare un incremento massimo medio della pressione sanguigna di 15/9 mmHg e la frequenza cardiaca di 9 bpm.

I ricercatori indicano che ” lo zucchero può essere molto più collegato con la pressione sanguigna del sale”.

Assunzione eccessiva di zucchero ha dimostrato di aumentare significativamente la pressione sistolica (6,9 mm Hg) e la pressione sanguigna diastolica (5.6 mm Hg) negli studi di 8 o più settimane di durata.

Coloro che consumano il 25% o più di zuccheri aggiunti hanno quasi tre volte un aumento del rischio di morte per malattie cardiovascolari, secondo la ricerca.

Secondo Current US, l’assunzione  pro capite di zuccheri aggiunti è di circa 2-8 volte superiore rispetto alle attuali raccomandazioni della American Heart Association (AHA) e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Un aumento del tono simpatico dal consumo eccessivo di fruttosio è un probabile meccanismo indotto dall’assunzione eccessiva di zucchero che causa aumento della frequenza cardiaca, la gittata cardiaca, ritenzione renale di sodio e la resistenza vascolare, i quali possono interagire per elevare la pressione sanguigna e aumentare la domanda di ossigeno del miocardio.

Tuttavia, l’assunzione di zuccheri – tra cui anche il fruttosio – nei loro contesti biologici naturali ( come in tutta la frutta) non è nocivo ed è probabile che sia benefica.

Proprio come la maggior parte del sodio nella dieta non proviene dalla saliera, la maggior parte dello zucchero nella dieta non proviene dalla zuccheriera. Il Dr James Di Nicolantonio, del Dipartimento di Cardiologia Preventiva presso Mid America Heart Institute di San Luca a Kansas City, MO, conclude:

“Ridurre il consumo di zuccheri aggiunti, limitando alimenti trasformati che li contengono, sarebbe un buon punto di partenza”.

L’evidenza mostra che anche dosi moderate di zuccheri aggiunti per brevi periodi, possono causare danni notevoli.

Fonte The wrong white crystals: not salt but sugar as aetiological in hypertension and cardiometabolic disease, James J DiNicolantonio, et al., 10 December 2014, abstract.

Altri articoli su pressione sanguigna, zucchero