Risolto un mistero di lunga data: come i virus innescano l’immunità

virus

Una scoperta dei ricercatori di Melbourne ha risolto un mistero di lunga data su come i virus innescano l’immunità protettiva all’interno del nostro corpo.

Il team di ricerca ha dimostrato che una proteina chiamata SIDT2 è fondamentale per le cellule per individuare componenti virali nel loro ambiente e per iniziare una risposta immunitaria per ridurre la diffusione del virus.

Oltre ad essere una parte importante della complicata ‘corsa agli armamenti’ tra virus e sistema immunitario, la ricerca potrebbe fornire approcci migliori per lo sviluppo di una nuova classe promettente di terapie.

Lo studio è stato condotto dal Dr. Tan Nguyen, dal Dr. Ken Pang, dal Prof. Seth Masters e dal Professor Ian Wicks presso il Walter ed Eliza Hall Institute, insieme con la Dr. Michelle Tate dell’ Hudson Institute of Medical Research e Professor Craig Hunter della Harvard School.

La ricerca è stata pubblicata oggi, dalla rivista Immunity .

Durante un’infezione virale, l’RNA – un materiale genetico simile al DNA – viene rilasciato nell’ambiente intorno alle cellule infette. Il Dr. Nguyened il suo team hanno dimostrato che SIDT2 ha permesso all’ RNA virale di spostarsi tra i compartimenti all’interno delle cellule, permettendogli così, di raggiungere le proteine ​​che innescano l’immunità antivirale.

“Questo RNA è in una forma a doppio filamento chiamata ‘dsRNA’, normalmente non presente nel nostro corpo. Le cellule umane si sono evolute per rilevare dsRNA come segno di avvertimento di un’infezione virale attiva e, in questo modo, dsRNA agisce come un trigger importante per le cellule per avviare una risposta immunitaria anti-virale.

“Le cellule esaminano costantemente il loro ambiente” deglutendo “piccoli campioni del loro ambiente in compartimenti chiamati endosomi. L’enigma era che nessuno sapeva come il dsRNA fosse sfuggito all’endosoma per raggiungere il citoplasma, dove può essere rilevato dalla cellula”, ha spiegato il Dr. Nguyen.

Il team ha dimostrato che SIDT2 è necessario per trasportare dsRNA agli endosomi e consentire il lancio di una risposta immunitaria.

“I virus hanno molte strategie per impedire ad una cellula infetta di avvisare il sistema immunitario della loro presenza”, ha detto il Dr. Pang. “Abbiamo dimostrato che SIDT2 è fondamentale per le cellule non infettate per rilevare l’RNA virale nel loro ambiente. Questo significa che le cellule possono innescare l’ immunità protettiva prima di incontrare il virus stesso”

“I virus si sono evoluti in molti modi per disattivare la risposta immunitaria per diffondersi, mentre gli esseri umani hanno sviluppato contromisure per consentire una risposta immunitaria veloce e protettiva che contiene l’infezione virale. SIDT2 aiuta gli esseri umani nella” corsa agli armamenti “tra i virus e i loro eserciti umani “.

La ricerca può anche avere implicazioni future per lo sviluppo di una nuova classe di terapie basate su dsRNA.

“Per più di un decennio ci sono stati tentativi di utilizzare dsRNA modificato per spegnere i geni che causano la malattia – un approccio chiamato interferenza dell’ RNA”, ha detto il Dr. Pang.

“Ci sono state numerose sperimentazioni cliniche che hanno utilizzato l’interferenza dell’ RNA. Ora che sappiamo che SIDT2 è importante nel traffico dell’ RNA a doppio filamento nelle cellule, future terapie a base di RNA possono essere progettate per massimizzare il loro trasporto attraverso SIDT2”, ha spiegato il Dr. Pang.

Fonte: Immunity

Altri articoli su virus