Obesità: un peptide migliora la sensibilità all’insulina e riduce il peso

0
16

Trattare topi affetti da obesità con catestatina (CST), un peptide naturalmente presente nel corpo, ha mostrato un miglioramento significativo nella tolleranza al glucosio e insulina e ridotto il peso corporeo, secondo i ricercatori della University of California di San Diego School of Medicine.

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Diabetes il 6 febbraio,2018.

I ricercatori hanno identificato il ruolo della catestatina nel reclutamento e nella funzione dei macrofagi nel fegato, nonché nella regolazione dell’infiammazione epatica indotta dall’obesità e della resistenza all’insulina .

“Abbiamo dimostrato che un peptide endogeno, la catestatina, può direttamente sopprimere la produzione di glucosio dagli epatociti e può indirettamente sopprimere l’accumulo di lipidi nel fegato così come l’infiammazione mediata dai macrofagi nei topi obesi”, ha detto Sushil K. Mahata  Professore di medicina presso UC San Diego School of Medicine. “I risultati dello studio mostrano il miglioramento della tolleranza al glucosio e della sensibilità all’insulina, pertanto questo peptide ha un enorme potenziale come reagente anti-obesità e potenziale nuovo farmaco per il trattamento del diabete di tipo 2“.

( Vedi anche:Obesità: variante genetica induce il corpo a memorizzare il grasso).

In un normale corpo umano, il fegato aiuta a regolare la glicemia stimolando il corpo ad assorbire il glucosio sotto forma di glicogeno (per uso futuro come energia). Quando i livelli di zucchero aumentano nel sangue, il pancreas secerne l’insulina per ridurre la produzione di glucosio dal fegato per mantenere l’equilibrio.

Quando il fegato smette di rispondere all’insulina, i livelli di glucosio nel sangue aumentano. Se il corpo non riesce a mantenere questa intensa produzione di glucosio in eccess, si sviluppano il diabete e altri disturbi di salute.

Il fegato controlla anche la produzione e il metabolismo dei lipidi. Ma nell’obesità, l’accumulo di lipidi può causare il fegato grasso, con conseguente danno cellulare all’organo. In risposta a questo danno, vengono attivate le cellule immunitarie che risiedono nel fegato, in particolare i macrofagi e ulteriori cellule immunitarie vengono reclutate dal sangue circolante. I macrofagi sono cellule immunitarie specializzate che promuovono l’infiammazione dei tessuti secernendo molecole infiammatorie, che possono portare all’insulino-resistenza e alla malattia metabolica.

Trattare topi obesi con CST ha inibito il reclutamento di macrofagi derivati ​​da monociti nel fegato e diminuito l’infiammazione, suggerendo che CST è un peptide anti-infiammatorio. Il trattamento con CST ha anche ridotto i livelli di zucchero nel sangue e di insulina a livelli normali e ridotto il fegato grasso. La somministrazione di CST non ha avuto alcun effetto sull’insulina o la tolleranza al glucosio nei topi magri controllati, dimostrando che l’effetto di CST è limitato agli animali obesi. Questa differenza può essere spiegata dai ridotti livelli di CST nei topi obesi rispetto agli animali di controllo magri.

Per confermare l’importanza di CST naturale, gli autori hanno studiato topi privi dell’enzima. Questi topi mangiavano di più ed erano più pesanti, ma perdevano peso quando trattati con CST. I ricercatori teorizzano che CST naturale può aiutare a mantenere il peso corporeo sopprimendo la fame e aumentando la tolleranza al glucosio .

“Il miglioramento del glucosio e della sensibilità all’insulina con il trattamento CST può essere in parte spiegato dagli effetti anti-infiammatori della catestatina sul fegato“, ha detto Mahata. “Abbiamo identificato un nuovo percorso per la soppressione della produzione di glucosio epatico che potrebbe essere utilizzato per compensare la perdita di CST presente in natura o per rafforzare il suo impatto, ma sono necessari ulteriori studi per scoprire come CST sopprime l’ infiammazione del fegato per migliorare il metabolismo”.

Fonte: Diabetes