Ridurre il colesterolo potrebbe migliorare l’immunoterapia contro il cancro

colesterolo,immunoterapia

I ricercatori della Cleveland Clinic hanno dimostrato per la prima volta che ridurre i livelli di colesterolo nel sangue potrebbe migliorare il successo di un tipo specifico di immunoterapia con le cellule T nella lotta contro il cancro.

Il team, guidato da Qing Yi,  della Cleveland Clinic Lerner Research Institute, ha studiato il trasferimento di cellule T, che ha mostrato un grande successo negli ultimi anni. In precedenza il Dr. Yi ha dimostrato che un sottogruppo specifico di cellule T, chiamate cellule Tc9, ha effetti anti-tumorali più forti rispetto ad altri tipi di cellule T. Nello studio appena pubblicato, i ricercatori hanno determinato i meccanismi che conferiscono alle cellule Tc9 le loro proprietà anti-cancro e come questi meccanismi potrebbero essere modificati per migliorare l’immunoterapia.

(Vedi anche:CRISPR migliora l’ immunoterapia del cancro).

Utilizzando il profilo genico, i ricercatori hanno scoperto che le cellule Tc9 avevano livelli molto più bassi di colesterolo intracellulare rispetto ad altre cellule T. Hanno ipotizzato che i ridotti livelli di colesterolo potrebbero contribuire agli effetti anti-tumorali di queste cellule. Infatti, quando alle cellule sono state iniettate con farmaci per la riduzione del colesterolo, sono state attivate vie anti-tumorali (espressione di IL-9 e segnalazione di NF-KB). Inoltre, i ricercatori  hanno mostrato in un modello preclinico con tumore che ridurre i livelli di colesterolo prima dell’immunoterapia ha portato a maggiori concentrazioni di IL-9 e migliore successo del trattamento contro il cancro.

L’immunoterapia è un tipo di trattamento del cancro che sfrutta la potenza del sistema immunitario umano per attaccare e uccidere le cellule tumorali. Il trasferimento di cellule T adattive comporta il trapianto di cellule T ingegnerizzate per riconoscere un certo tipo di cancro. I ricercatori si sono concentrati su molti metodi diversi per manipolare e migliorare l’attività anti-cancro delle cellule T, come il trasferimento di cellule in diversi stadi di differenziazione o l’uso di determinati farmaci in combinazione con l’immunoterapia.

“I nostri studi suggeriscono un modo relativamente semplice ed economico per migliorare la terapia di trasferimento delle cellule T”, ha detto il Dr. Yi. “Speriamo di testare presto le nostre scoperte nelle sperimentazioni cliniche”.

Il Dr. Yi è presidente del Dipartimento di biologia del cancro dell’Istituto di ricerca di Lerner. È titolare della cattedra di Betsy B. de Windt in biologia del cancro. Xingzhe Ma è il primo autore dell’ articolo, pubblicato nel Journal of Experimental Medicine.

Fonte: Rockefeller University Press

Altri articoli su colesterolo, immunoterapia