HomeMedicina AlternativaIl miele di Manuka potrebbe aiutare a eliminare l'infezione polmonare

Il miele di Manuka potrebbe aiutare a eliminare l’infezione polmonare

Un potenziale nuovo trattamento che combina il miele di manuka naturale con un farmaco ampiamente utilizzato è stato sviluppato dagli scienziati dell’Università di Aston per trattare un’infezione polmonare potenzialmente letale e ridurre notevolmente gli effetti collaterali di uno degli attuali farmaci utilizzati per il suo trattamento.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Microbiology, mostrano che gli scienziati del Mycobacterial Research Group del  College of Health and Life Sciences dell’Università di Aston sono stati in grado di combinare il miele di manuka e il farmaco Amikacina in una formulazione di nebulizzazione per il trattamento la dannosa infezione polmonare batterica Mycobacterium abscessus.

Il miele di Manuka è noto da tempo per le sue proprietà medicinali ad ampio spettro, ma più recentemente è stato identificato per la sua attività antimicrobica ad ampio spettro. Ora gli scienziati hanno scoperto che il miele di manuka ha il potenziale per uccidere una serie di infezioni batteriche resistenti ai farmaci come il  Mycobacterium abscessus che di solito colpisce i pazienti con fibrosi cistica (FC) o bronchiectasie.

- Advertisement -

Vedi anche:Il miele di Manuka combatte le infezioni nelle medicazioni chirurgiche

Secondo il Cystic Fibrosis Trust, la FC è una condizione genetica che colpisce circa 10.800 persone – uno su 2.500 bambini nati nel Regno Unito – e ci sono più di 100.000 persone con questa condizione in tutto il mondo. Il SSN definisce le bronchiectasie come una condizione a lungo termine in cui le vie aeree dei polmoni si allargano, portando a un accumulo di muco in eccesso che può rendere i polmoni più vulnerabili alle infezioni.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato campioni del batterio Mycobacterium abscessus  prelevati da 16 pazienti affetti da FC. Hanno quindi testato l’antibiotico Amikacina, combinato con miele di manuka, per scoprire quale dosaggio era necessario per uccidere i batteri.

Come parte dello studio, il team ha utilizzato un modello polmonare e un nebulizzatore in laboratorio. Nebulizzando insieme il miele di manuka e l’amikacina, si è scoperto che potrebbero migliorare la clearance batterica, anche quando si utilizzano dosi più basse di amikacina, il che comporterebbe meno effetti collaterali.

- Advertisement -

Nel Regno Unito, delle 10.800 persone che convivono con la FC, il Mycobacterium abscessus infetta il 13% di tutti i pazienti con questa condizione. Questo nuovo approccio è vantaggioso non solo perché ha il potenziale per uccidere un’infezione altamente resistente ai farmaci, ma anche per i ridotti effetti collaterali, a vantaggio della qualità della vita e di un notevole miglioramento delle possibilità di sopravvivenza per i pazienti affetti da FC.

Il Mycobacterium abscessus  è un patogeno batterico della stessa famiglia che causa la tubercolosi, ma questo batterio si differenzia causando gravi infezioni polmonari nelle persone (in particolare bambini) con patologie polmonari preesistenti, come FC e bronchiectasie, oltre a causare infezioni della pelle e tessuti molli. Il batterio è anche altamente resistente ai farmaci.

Attualmente, ai pazienti viene somministrato un cocktail di antibiotici, consistente in 12 mesi o più di chemioterapia antimicrobica e spesso la cura non risolve la patologia. Il dosaggio di Amikacina solitamente utilizzato su un paziente per eliminare l’infezione è di 16 microgrammi per millilitro. Ma i ricercatori hanno scoperto che la nuova combinazione di miele di manuka richiedeva un dosaggio di soli 2 microgrammi per millimetro di Amikacina, con una conseguente riduzione di un ottavo del dosaggio del farmaco.

Finora il Mycobacterium abscessus era praticamente impossibile da eradicare nelle persone con fibrosi cistica. Può anche essere mortale se il paziente richiede un trapianto di polmone perché non è idoneo per un intervento chirurgico se l’infezione è presente.

Commentando i risultati dello studio, l’autrice principale e ricercatrice Victoria Nolan ha dichiarato: “Finora il trattamento delle infezioni polmonari da Mycobacterium abscessus può essere problematico a causa della sua natura resistente ai farmaci. La varietà di antibiotici necessari per combattere le infezioni provoca gravi effetti collaterali. Tuttavia, l’uso di questo potenziale trattamento che combina Amikacina e miele di manuka mostra una grande promessa come terapia migliore per queste terribili infezioni polmonari. C’è bisogno di migliori risultati del trattamento e in futuro speriamo che questo potenziale trattamento possa essere ulteriormente testato”.

Il Dottor Jonathan Cox, docente senior in microbiologia alla Aston University, ha dichiarato: “Combinando un ingrediente totalmente naturale come il miele di manuka con l’Amikacina, uno dei farmaci più importanti, ma tossici usati per il trattamento del Mycobacterium abscessus, abbiamo trovato un modo per uccidere potenzialmente questi batteri con otto volte meno farmaco rispetto a prima. Ciò ha il potenziale per ridurre significativamente la perdita dell’udito associata all’amikacina e migliorare notevolmente la qualità della vita di così tanti pazienti, in particolare quelli con fibrosi cistica. Sono lieto del risultato di questa ricerca perché apre la strada a esperimenti futuri e speriamo che con i finanziamenti possiamo passare a studi clinici che potrebbero comportare un cambiamento nella strategia per il trattamento di questa infezione debilitante”.

Il Dottor Peter Cotgreave, amministratore delegato della Microbiology Society, ha dichiarato: “La Microbiology Society è orgogliosa di supportare la comunità scientifica mentre esplora soluzioni innovative per superare la crescente sfida globale della resistenza antimicrobica“.

Fonte:Microbiology

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...