HomeSaluteOcchiRetinopatia diabetica proliferativa: Fenofibrato riduce il rischio

Retinopatia diabetica proliferativa: Fenofibrato riduce il rischio

(Retinopatia diabetica/Fenoifibrato-Immagine Credit Public Domain).

Un team di ricercatori dell’Università della Pennsylvania ha scoperto che la somministrazione di un farmaco attualmente utilizzato per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue può ridurre il rischio di sviluppare la retinopatia diabetica proliferativa (PDR) dalla retinopatia diabetica non proliferativa (NPDR). 

Nell’articolo pubblicato su JAMA Ophthalmology, il gruppo descrive lo studio di coorte che ha coinvolto 5.835 pazienti che stavano assumendo fenofibrato e altri 144.417 che non lo assumevano e ciò che hanno appreso sulla sua efficacia nella prevenzione dell’edema maculare diabetico (DME), della PDR e della retinopatia diabetica pericolosa per la vista (VTDR). Robert Frank, con la Wayne State University School of Medicine, ha pubblicato un articolo di Invited Commentary nello stesso numero di rivista che descrive il lavoro del team in Pennsylvania.

- Advertisement -

Ricerche precedenti hanno suggerito che i pazienti diabetici che assumono il farmaco per il colesterolo Fenofibrato avevano meno probabilità di sviluppare PDR o VTDR, ma i dati non erano specifici. Ad oggi sono stati condotti due studi clinici per testare l’uso del Fenofibrato nei pazienti diabetici. Uno di questi, lo studio ACCORD-Eye, ha mostrato una minore gravità della progressione, ma non si è concentrato su PDR o DME. E lo studio FIELD ha mostrato che i pazienti che usavano Fenofibrato avevano meno probabilità di ricevere un trattamento laser per gli occhi per PDR o DME.

In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno avuto accesso ai dati nel database Medicare Advantage che ha coinvolto il periodo dal 2002 al 2019. Nel database erano incluse informazioni sul diabete del paziente e sullo stato degli occhi e se gli era stato somministrato Fenofibrato. In tutto, i ricercatori hanno incluso nella loro analisi 150.252 pazienti con NPDR (tutti di età superiore ai 18 anni), di cui 5.835 assumevano Fenofibrato e 144.417 no.

Vedi anche:Il blu è la chiave per valutare la retinopatia diabetica

Hanno scoperto che 27.325 pazienti sono passati a VTDR, che includeva 4.086 pazienti a PDR e 22.750 che sono passati a DME. Hanno anche scoperto che l’uso del Fenofibrato ha comportato una riduzione dell’8% del rischio di progressione a VTDR e una riduzione del 24% della progressione a PDR. Non hanno visto alcuna riduzione nella progressione a DME, ma cio’ non includeva la riduzione della progressione.

- Advertisement -

I ricercatori suggeriscono che l’uso del Fenofibrato può fornire una modesta riduzione della progressione dei pazienti con NPDR a PDR e VTDR.

Fonte:JAMA Ophthalmology 

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...