HomeSaluteOcchiIl blu è la chiave per valutare la retinopatia diabetica

Il blu è la chiave per valutare la retinopatia diabetica

I ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno sviluppato una tecnica di imaging completa e non invasiva per identificare le aree dell’occhio affette da retinopatia diabetica, una malattia oculare progressiva associata al diabete

Proprio come la luce intensa può illuminare le profondità di una stanza buia, i ricercatori in Giappone hanno scoperto che la luce blu può essere utilizzata per sondare le profondità dell’occhio e scoprire le aree colpite dalla retinopatia diabetica (DR), una delle principali cause di cecità.

In un nuovo studio pubblicato sull’Asia-Pacific Journal of Ophthalmology, i ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno rivelato che le immagini blu ottenute dall’oftalmoscopia a scansione laser a widefield multicolore (SLO) possono essere utilizzate per identificare le aree di danno indotto dalla retinopatia diabetica in una porzione più estesa dell’occhio rispetto ai metodi precedenti.

- Advertisement -

Gli attuali metodi di imaging dell’occhio includono l’angiografia con fluoresceina, che prevede l’iniezione di colorante nell’occhio. La SLO è un approccio non invasivo che non richiede colorante e SLO widefield multicolore rappresenta un avanzamento di questa tecnica in cui i laser rossi, blu e verdi vengono utilizzati per catturare contemporaneamente immagini di un’ampia porzione dell’occhio. Precedenti ricerche hanno dimostrato che le immagini blu catturate dalla SLO convenzionale possono rivelare aree iporiflettenti nell’occhio indicative di danni associati alla retinopatia diabetica. I ricercatori della TMDU hanno cercato di valutare ulteriormente questa scoperta utilizzando la SLO widefield.

Vedianche:Retinopatia diabetica: anticorpo monoclonale potrebbe trattarla

In questo studio retrospettivo i ricercatori hanno confrontato le immagini SLO blu widefield e le immagini angiografiche con fluoresceina scattate in persone con diabete. In alcuni soggetti con retinopatia diabetica è stata valutata anche la morfologia della retina.

“Abbiamo scoperto che le aree iporiflettenti nelle immagini SLO a campo largo blu sembravano corrispondere alle aree di ischemia nelle immagini dell’angiogramma con fluoresceina dei pazienti con DR“, spiega Kyoko Ohno-Matsui, autore senior. “Siamo stati lieti di scoprire che il tasso di concordanza era alto“. Un’ulteriore valutazione delle immagini dei pazienti ha mostrato che le aree ischemiche (cioè le aree di flusso sanguigno ridotto) sembravano corrispondere a parti della retina che erano sottili e parzialmente disorganizzate.

- Advertisement -

Il blu è la chiave per valutare la retinopatia diabetica

Immagine:A: immagine SLO multicolor widefield del fondo destro di un uomo di 65 anni con PDR che mostra emorragie multiple in un’ampia area del fondo. B: L’immagine SLO blu mostra un’area iporiflettente dalla metà alla periferia del fondo. C: L’immagine Widefield FA mostra NPA diffusi dalla metà periferia alla periferia. La neovascolarizzazione si osserva anche nel polo superiore dell’occhio. D: L’immagine ingrandita dell’immagine B mostra aree iporiflettenti nel quadrante temporale inferiore. E: L’immagine FA ingrandita dell’immagine C mostra gli NPA nello stesso quadrante dell’immagine D. F: Le aree iporiflettenti nell’immagine D sono delineate da punti bianchi. G: Gli NPA nell’immagine E sono delineati da punti blu. Il contorno dei punti bianchi nell’immagine F si trova all’interno del contorno dei punti blu nell’immagine G. Credito: Dipartimento di oftalmologia e scienze visive, TMDU

Spiegano gli autori:

La retinopatia diabetica (DR) è una delle principali cause di cecità in tutto il mondo e si prevede un aumento del numero di pazienti diabetici in futuro. L’aumento dell’incidenza della DR non è solo nei paesi sviluppati ma anche nei paesi sottosviluppati. L’aumento è una conseguenza dell’urbanizzazione, dell’invecchiamento della popolazione e del cambiamento dello stile di vita.  La DR e le sue complicanze come l’edema maculare, la retinopatia diabetica proliferativa (PDR) e il glaucoma neovascolare, mettono a rischio la vista e di conseguenza stanno emergendo problemi nella cura degli occhi in tutto il mondo. Le lesioni negli occhi con retinopatia diabetica sono molto probabilmente causate da ischemia retinica cronica nelle aree retiniche non perfuse (NPA). L’ischemia provoca anche il rilascio del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF) dalle cellule che circondano gli NPA e il VEGF induce una progressione del DR in PDR. Una volta identificate le NPA, queste vengono trattate mediante fotocoagulazione per prevenire lo sviluppo di neovascolarizzazione e la progressione verso la retinopatia diabetica non proliferativa (NPDR) e verso la PDR.

L’angiografia con fluoresceina (FA) è stata la tecnica gold standard per rilevare gli NPA, ma la recente introduzione dell’AF widefield ha dimostrato di essere più utile per rilevare gli NPA che sono ampiamente distribuiti in tutta la retina. Tuttavia, l’AF è una tecnica invasiva perché richiede un’iniezione endovenosa di fluoresceina e non può essere eseguita su tutti i pazienti. L’angiografia con tomografia a coerenza ottica (OCTA) è una tecnica relativamente nuova in grado di rilevare i vasi sanguigni della retina, compresi i capillari, senza richiedere un’iniezione endovenosa di colorante. L’avvento dell’OCTA widefield ha permesso ai medici di esaminare aree più ampie del fondo. 17 Tuttavia, ottenere un’immagine OCTA chiara della periferia mediante dispositivi convenzionali di tomografia a coerenza ottica (OCT) è difficile, specialmente negli occhi con opacità nei media. Quando viene registrata un’immagine a colori widefield, vengono ottenute contemporaneamente le singole immagini SLO originali blu, verde e rosso. Nelle immagini SLO multicolore, l’aspetto della lesione è diverso per ogni colore a causa dell’assorbimento differenziale dei diversi colori del laser.

“È possibile che la lunghezza d’onda blu della luce possa passare più facilmente attraverso queste aree assottigliate della retina, che si presentano come aree iporiflettenti nelle immagini SLO, afferma Horie. Questo studio conferma l’utilità dello SLO widefield blue come strumento semplice e non invasivo per il rilevamento del danno oculare associato alla retinopatia diabetica. Questa tecnica può servire come mezzo importante per lo screening e il monitoraggio della progressione della malattia nei soggetti con DR.

Fonte:Asia-Pacific Journal of Ophthalmology

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...