HomeSalutePellePsoriasi: la glicerina è sicura ed efficace per il trattamento

Psoriasi: la glicerina è sicura ed efficace per il trattamento

(Psoriasi-Immagine Credit Public Domain).

I pazienti con psoriasi hanno riferito che la glicerina, un liquido poco costoso, innocuo e leggermente dolce in cima alla lista degli ingredienti in molte lozioni per la pelle, è efficace nel combattere la loro psoriasi e ora gli scienziati hanno prove oggettive a sostegno dei loro rapporti.

Hanno scoperto che se applicata localmente o ingerita in acqua potabile, glicerina o glicerolo, aiutano a calmare le classiche chiazze squamose, rosse, sollevate e pruriginose nel loro modello di psoriasi. La Dr.ssa Wendy Bollag, Prof. di fisiologa cellulare e ricercatrice presso il Medical College of Georgia e Charlie Norwood VA Medical Center e i suoi colleghi hanno pubblicato il loro lavoro sull’International Journal of Molecular Sciences.

- Advertisement -

Gli studi forniscono anche ulteriori prove dei diversi modi in cui la glicerina consente la sana maturazione delle cellule della pelle attraverso quattro fasi che si traducono in uno strato cutaneo liscio e protettivo. La psoriasi è un problema immuno-mediato che in genere affiora nei giovani adulti in cui le cellule della pelle si moltiplicano rapidamente, accumulandosi in chiazze infiammate.

“Ora abbiamo dati sperimentali per mostrare ciò che stanno riportando questi pazienti con psoriasi”, afferma Bollag, che quasi 20 anni fa riferì per la prima volta su The Journal of Investigative Dermatology che la glicerina, un alcol naturale e un attrattore di acqua noto per aiutare la pelle ad avere un aspetto migliore, ha anche aiutato in modo sicuro la pelle a funzionare meglio aiutando le cellule a maturare correttamente.

Il primo rapporto di Bollag ha portato a molti resoconti aneddotici da parte di individui e i loro rapporti alla fine hanno portato allo studio appena pubblicato.

A livello topico, la glicerina è nota per avere un effetto lenitivo ed emolliente. Ma un’altra parte fondamentale della sua magia, che il Dr. Bollag ha aiutato a delineare, è la sua conversione nel lipide o grasso, fosfatidilglicerolo, che alla fine regola la funzione dei cheratinociti, il nostro principale tipo di cellula della pelle e sopprime l’infiammazione. La glicerina entra nella pelle attraverso vie come l’acquaporina-3, un canale espresso nelle cellule della pelle, e gli scienziati MCG hanno dimostrato che una volta all’interno, l’acquaporina 3 incanala la glicerina in fosfolipasi-D-2, un enzima che converte i grassi nella membrana cellulare esterna in segnali cellulari, convertendo infine la glicerina in fosfatidilglicerolo.

- Advertisement -

Nel 2018, Bollag e il team hanno riferito che l’applicazione topica di fosfatidilglicerolo ha ridotto l’infiammazione e le caratteristiche macchie cutanee in rilievo in un modello murino di psoriasi. Questa volta hanno deciso di esaminare l’impatto del suo precursore ampiamente disponibile glicerina.

Per i nuovi studi, hanno usato l’Imiquimod, che è noto per produrre placche simili alla psoriasi sugli esseri umani che lo usano per problemi come le verruche genitali e alcuni tumori della pelle, per produrre un modello animale. I topi hanno bevuto il dolce alcol naturale o gli scienziati l’hanno applicato localmente. In entrambi i casi, la glicerina ha contribuito a ridurre lo sviluppo delle caratteristiche lesioni cutanee, riferiscono gli scienziati, una scoperta che aiuta a sottolineare che la glicerina agisce in più di un modo per migliorare le condizioni della pelle.

Vedi anche:Psoriasi: una proteina aiuta a combattere l’infiammazione

Esternamente, la glicerina ha mostrato la sua azione come emolliente perché anche nei topi privi di fosfolipasi-D-2, era benefica. Inoltre, a livello topico sembra competere con il perossido di idrogeno per lo spazio all’interno del canale dell’acquaporina 3. Il perossido di idrogeno è comunemente noto come un blando antisettico, ma lo produciamo anche noi e a bassi livelli è una molecola di segnalazione cellulare. Ma ad alti livelli, il perossido di idrogeno produce stress ossidativo distruttivo che può effettivamente causare la psoriasi.

Gli scienziati hanno scoperto che la glicerina topica ha ridotto i livelli di perossido di idrogeno che entrano nelle cellule della pelle. Quando hanno aggiunto glicerina e perossido di idrogeno allo stesso tempo direttamente alle cellule della pelle, i ricercatori hanno scoperto che la glicerina proteggeva dallo stress ossidativo del perossido di idrogeno.

“Il glicerolo sta fondamentalmente superando il perossido di idrogeno nell’entrare nella cellula, impedendogli di entrare e aumentare lo stress ossidativo”, afferma Bollag. “L’olio e l’acqua non si mescolano, quindi un altro modo in cui la glicerina può essere utile è sostenere il ruolo principale della pelle come barriera di permeabilità all’acqua in modo che dall’estremo, quando ci sediamo nella vasca da bagno l’acqua del bagno non passi attraverso la nostra pelle facendoci esplodere come un palloncino”.

“D’altra parte, quando la glicerina è stata ingerita dai topi privi della fosfolipasi-D-2, che converte i grassi o i lipidi nella membrana cellulare in segnali, semplicemente non ha funzionato”, dice Bollag, che ha confermato le loro precedenti scoperte che comunque internamente, la glicerina si accoppia con l’enzima per produrre il segnale essenziale per la maturazione delle cellule della pelle. Alcuni dei loro altri lavori più recenti descrivono in dettaglio come il fosfatidilglicerolo riduce l’infiammazione. Bollag vorrebbe che i prossimi passi includessero anche studi clinici con dermatologi e pazienti e sta lavorando per trovare uno scienziato della formulazione in grado di creare quella che pensa sarà la combinazione ottimale: glicerina e fosfatidilglicerolo nella stessa crema topica. L’aggiunta di fosfatidilglicerolo in sé, piuttosto che solo la glicerina che lo produce, è essenzialmente un backup poiché ci sono alcune prove che nella psoriasi la conversione essenziale della glicerina in fosfatidilglicerolo non è ottimale. Il laboratorio di Bollag e altri hanno mostrato livelli ridotti di acquaporina 3 nella psoriasi, il che probabilmente significa meno fosfatidilglicerolo, quindi rendere disponibile più glicerina può aiutare, anche se non in modo altrettanto efficiente, ad aumentare la disponibilità di questo lipide essenziale per la normale proliferazione delle cellule della pelle.

Passare rapidamente agli studi clinici dovrebbe essere relativamente facile poiché, come per la glicerina, esiste già esperienza con l’uso del fosfatidilglicerolo nell’uomo. “Ad esempio, è un componente di alcuni cosmetici di fascia alta”, afferma Bollag che sospetta che questo tipo di combinazione potrebbe aiutare a tenere a bada i primi segni di psoriasi mentre, con una malattia più avanzata, si potrebbero utilizzare i trattamenti per la psoriasi esistenti per tenere sotto controllo la condizione della pelle, quindi iniziare ad applicare la glicerina per mantenerla in questo modo.

Bollag e i suoi colleghi hanno riferito nel 2018 nel Journal of Investigative Dermatology che in un modello murino di psoriasi, il fosftidilglicerolo ha ridotto l’infiammazione e le caratteristiche lesioni cutanee rialzate della psoriasi.

Sebbene la sua causa esatta non sia chiara, la psoriasi è una condizione immuno-mediata e i pazienti hanno livelli più elevati di infiammazione, così come troppe cellule della pelle che vengono prodotte e maturano in modo anomalo. L’aumento dell’infiammazione li espone anche a un rischio maggiore di problemi come le malattie cardiache.

I farmaci biologici usati per trattare la psoriasi funzionano in modi diversi per arginare questa risposta immunitaria iperattiva, ma oltre al loro costo elevato, possono mettere il paziente a rischio di problemi come infezioni gravi e cancro. L’unico effetto collaterale visto in circa 20 anni di lavoro con la glicerina e l’uso clinico e cosmetico già disponibile, è che può lasciare la pelle leggermente appiccicosa.

I nostri corpi possono produrre glicerolo dai carboidrati, dalle proteine ​​e dai grassi che mangiamo o che già abbiamo nel nostro corpo.

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...