Prospettiva iHuman: interfacce neurali

interfacce neurali

Le interfacce neurali e altri dispositivi che sfocano le linee tra mente e macchina hanno un potenziale straordinario.

Queste tecnologie potrebbero trasformare la medicina e cambiare radicalmente il modo in cui interagiamo con la tecnologia. Allo stesso tempo, le interfacce neurali sollevano critiche etiche su questioni come la privacy, l’autonomia, i diritti umani e la parità di accesso.

Questa prospettiva iHuman della Royal Society dà uno sguardo alle possibili applicazioni future delle interfacce neuronali e cervello-computer, esplorando i potenziali benefici e rischi delle tecnologie e definendo una strada per massimizzare la prima e minimizzare la seconda.

I recenti annunci che hanno attirato l’attenzione di Neuralink, fondata da Elon Musk FRS, che ha l’obiettivo a lungo termine di collegare il cervello umano e l’intelligenza artificiale, e Facebook, che sta sviluppando una tecnologia indossabile che spera di ottenere la “digitazione dal cervello”, dimostrano l’eccitazione che circonda il campo. Sottolineano inoltre che i principali sviluppi nelle interfacce neurali provengono attualmente dagli Stati Uniti. Il rapporto cerca di affrontare questo problema. Illustra il motivo per cui il Regno Unito è ben posizionato per diventare un leader mondiale nel settore e propone al governo di utilizzare il campo come banco di prova per un nuovo approccio normativo per accelerare responsabilmente l’innovazione e garantire che il Regno Unito raggiunga questo potenziale.

Le interfacce neuronali e cervello-computer possono sfidare l’essenza stessa di ciò che deve essere umano. Capire come e anche se vogliamo usarli richiede un dibattito aperto e inclusivo che coinvolga molte voci e tutti i settori della società. La Royal Society propone al pubblico di avere una voce chiara nel plasmare come questa tecnologia viene utilizzata e regolata nei prossimi anni.

Un esercizio di dialogo pubblico indipendente commissionato dalla Royal Society e condotto da Hopkins Van Mil ha trovato un forte supporto per le interfacce neurali in situazioni in cui consentono ai pazienti di recuperare qualcosa che è stato perso a causa di lesioni o condizioni mediche; ma meno supporto per la tecnologia quando viene utilizzata per migliorare funzioni come memoria, concentrazione o abilità fisiche tra le persone sane.

Vedi anche,Interfaccia cervello-computer: enormi vantaggi potenziali e sfide formidabili.

Cosa sono le interfacce neurali?

Le interfacce neurali sono dispositivi che interagiscono con il sistema nervoso. Sono dispositivi elettronici posizionati all’esterno o all’interno del cervello o del sistema nervoso per registrare o stimolare l’attività – o entrambi. Le interfacce poste all’interno del cervello o del corpo sono conosciute come tecnologie interne, invasive o impiantate, al contrario di dispositivi esterni, non invasivi o indossabili, spesso chiamati interfacce cervello-computer.

Come vengono attualmente utilizzate le interfacce per computer neurali e cerebrali?

Le tecnologie e le applicazioni attuali includono:

  • Impianti cerebrali per il trattamento del morbo di Parkinson e del tremore;
  • Stimolatori elettrici per favorire il recupero motorio;
  • Impianti cocleari per trasmettere suoni alle persone con perdita dell’udito;
  • Interfacce cerebrali del computer, in genere cuffie EEG (elettroencefalografia), utilizzate dai giocatori per controllare oggetti digitali;
  • Stimolazione transcranica usata per aumentare la memoria o la concentrazione.

Come potrebbero essere utilizzate in futuro le interfacce?

Le potenziali applicazioni future potrebbero includere:

  • “Digitazione tramite cervello” e uso di un “mouse mentale” per controllare computer e dispositivi;
  • Comunicazione diretta cervello-cervello, sia che si tratti di semplici impulsi o pensieri complessi;
  • Più ampie applicazioni mediche, come per la malattia di Alzheimer e le condizioni di salute mentale;
  • Monitoraggio dell’attività cerebrale a supporto di salute, sicurezza e protezione;
  • Aumento della memoria umana, concentrazione e apprendimento.

Il rapporto sulle interfacce neurali include informazioni su:

  • Storia delle interfacce uomo-computer e come funzionano
  • Esempi di dispositivi cervello-computer attualmente in uso
  • Possibili applicazioni future di interfacce neurali e cervello-computer
  • Le importanti questioni etiche sollevate dalle tecnologie
  • I potenziali benefici e rischi delle interfacce e delle raccomandazioni del computer neurale e cerebrale che indicano un percorso per massimizzare il primo e minimizzare il secondo.

Fonte, Royal Society