HomeSaluteVirus e parassitiPrimo trapianto di polmone eseguito dopo danno da COVID

Primo trapianto di polmone eseguito dopo danno da COVID

(Trapianto di polmone-Immagine Credit Public Domain).

I medici di Lisbona riferiscono sul caso di un uomo di 61 anni che ha ricevuto un doppio trapianto di polmone dopo che i suoi polmoni sono stati irreparabilmente danneggiati da COVID-19, in un caso clinico presentato a Euroanaesthesia, la riunione annuale della Società Europea di Anestesiologia e Terapia intensiva (ESAIC), tenutasi online quest’anno dal 17 al 19 dicembre.

Il paziente di 61 anni soffriva di grave insufficienza respiratoria post -COVID-19 dopo tre mesi su un polmone artificiale che ossigena il sangue e molteplici complicanze legate al trattamento.

- Advertisement -

Il paziente ha contratto il COVID-19 nel gennaio 2021 ed è stato dimesso dall’Ospedale il 23 agosto, segnando il primo trapianto di polmone riuscito del Centro Hospitalar Universitário Lisboa Central in un sopravvissuto al COVID-19.

L’uomo, che aveva una storia di dislipidemia (livelli insolitamente elevati di colesterolo e altri grassi nel sangue) e gastrite (infiammazione del rivestimento dello stomaco), era stato ricoverato al pronto soccorso con polmonite da SARS-CoV-2 il 12 gennaio 2021.

Nonostante il supporto di un ventilatore, è peggiorato con grave mancanza di respiro a causa dei bassi livelli di ossigeno e ha richiesto la terapia avanzata di supporto polmonare, l’ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO), che assume completamente la funzione dei polmoni. Ha trascorso 74 giorni in ECMO prima di passare alla rimozione extracorporea dell’anidride carbonica (ECCO2R), un dispositivo progettato per rimuovere l’anidride carbonica, ma che non fornisce un livello così elevato di ossigeno.

Durante quei tre mesi, ha sofferto di infezioni multiple tra cui polmonite e prostatite (gonfiore della ghiandola prostatica), nonché complicazioni del sangue tra cui un disturbo della coagulazione del sangue (coagulopatia associata all’ECMO) e una reazione pericolosa per la vita al farmaco eparina che fluidifica il sangue (trombocitopenia indotta da eparina).

- Advertisement -

“Circa il 75% dei polmoni del paziente era stato sfregiato da COVID-19, ed era chiaro dalle sue scansioni che i suoi polmoni erano permanentemente danneggiati e non si sarebbero ripresi”, afferma l’anestesista Dr. Carolina Almeida del Centro Hospitalar Universitário Lisboa Central, che faceva parte del team che ha eseguito il trapianto. “Il paziente si è qualificato per il trapianto perché era giovane e abbastanza forte da sopravvivere alle procedure rischiose e nessun altro organo era stato colpito dal COVID-19. Dopo un’attenta valutazione clinica, a maggio ha ricevuto gli organi salvavita”.

L’intervento è durato circa sette ore e ha richiesto due settimane di terapia intensiva post-operatoria.

Vedi anche:Xenotrapianto: primo test per trapianto di rene da maiale a uomo

Viaggio di recupero

Sono passati sei mesi dal trapianto e la sua guarigione non è affatto completa. La sua funzione polmonare è buona e non ha più bisogno di supporto di ossigeno durante il giorno, ma ha dovuto superare numerose sfide nel percorso di recupero, tra cui la fibrillazione atriale (ritmo cardiaco irregolare), un polmone collassato, l’enfisema sottocutaneo (in cui l’aria rimane intrappolata sotto il pelle), diabete di tipo 2 e diverse infezioni.

Continua a ricevere riabilitazione per migliorare la sua mobilità, la funzione polmonare e la qualità della vita, e dovrà assumere più di una dozzina di farmaci per il resto della sua vita per prevenire il rigetto degli organi e le infezioni.

“Il team è estremamente felice che l’intervento sia andato così bene e che il paziente sia tornato a casa per continuare la riabilitazione vicino alla sua famiglia”, afferma il Dottor Lurdes Castro, un anestesista senior del Centro Hospitalar Universitário Lisboa Central che ha aiutato a eseguire il trapianto. “Richiede un’enorme forza di volontà superare tutto ciò che ha sopportato, ed è meraviglioso aver avuto un ruolo nel dare a questo paziente l’opportunità di vivere di nuovo e tornare alla sua famiglia e alla vita”.

La prima piccola serie di casi di esiti precoci dopo il trapianto di polmone per COVID-19 grave è stata pubblicata nel maggio 2021. “Il trapianto di polmone è un trattamento salvavita per un gruppo accuratamente selezionato di pazienti COVID-19 i cui polmoni sono stati irreparabilmente danneggiati dal virus e che sono abbastanza forti da sottoporsi a un intervento chirurgico di trapianto importante”, afferma il Dott. Almeida. “Ma dato l’impatto del COVID-19 in tutto il mondo e il numero crescente di pazienti più giovani e più sani colpiti, è probabile che il numero di candidati al trapianto aumenti considerevolmente. Quel numero potrebbe crescere per includere i sopravvissuti al COVID-19 i cui polmoni potrebbero deteriorarsi nel tempo”.

Fonte:Scitechdaily

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...