Home Salute Cervello e sistema nervoso Primo caso di lesione del midollo spinale trattato con successo con cellule...

Primo caso di lesione del midollo spinale trattato con successo con cellule staminali mesenchimali

Immagine, le prime ricerche pubblicate su Mayo Clinic Proceedings esaminano il primo caso alla Mayo Clinic di terapia con cellule staminali testata sull’uomo per lesioni del midollo spinale. Credito di immagine: Mayo Clinic.

I ricercatori hanno pubblicato i risultati del loro caso di lesione del midollo spinale trattato con la terapia con cellule staminali che ha mostrato risultati promettenti. Lo studio, “Celltop Clinical Trial: First Report From a Fase I Trial of Autologous Derivated Adipose Derivated Mesipymal Stem Cells in the Treatment of Paralysis causa of Traumatic Spinal Mid Injury”, è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista Mayo Clinic Proceedings, la scorsa settimana.

“Questo è stato essenzialmente il primo caso e uno studio clinico di Fase I per verificare la sicurezza della procedura”, ha dichiarato Mohamad Bydon, un chirurgo neurologo della Mayo Clinic e autore principale della sperimentazione. Il team ha utilizzato il trattamento con cellule staminali mesenchimali per trattare il paziente con lesione del midollo spinale e ha tuttavia avvertito che non tutti i pazienti possono mostrare gli stessi livelli di successo di questo caso. Il Dr. Bydon ha spiegato: “Mentre in questo caso, abbiamo avuto un super-responder, altri potrebbero non rispondere allo stesso modo. Non comprendiamo ancora tutta la biologia necessaria per raggiungere il recupero neurologico negli individui paralizzati. Uno dei nostri obiettivi in ​​questo studio e studi futuri è di delineare meglio chi sarà rispondente al trattamento e perché i pazienti risponderanno in modo diverso”.

Oltre 17000 persone negli Stati Uniti soffrono di lesioni traumatiche al midollo spinale ogni anno. Queste lesioni rappresentano anche un grave onere socioeconomico e costano al sistema sanitario oltre $ 40 miliardi, compresa la perdita come forza lavoro.

La medicina rigenerativa, che utilizza le cellule staminali, è una strada che è stata esplorata negli ultimi anni per cercare risposte alla paralisi causata da lesioni del midollo spinale. Il team ha scritto che il “tessuto adiposo rappresenta una fonte facilmente accessibile e praticabile di cellule staminali mesenchimali (MSC). Le prove disponibili hanno dimostrato che le MSC derivate dal tessuto adiposo (AD) possono regolare le risposte infiammatorie e fornire un ambiente permissivo alla rigenerazione nei modelli animali”.

“Questo studio”, ha scritto il team, “è stato pianificato con 10 pazienti che erano paralizzati a causa di trauma cranico (SCI). La terapia con cellule staminali mesenchimali è stata provata sui pazienti e uno di loro ha mostrato benefici motori e sensoriali dalla terapia e non ha mostrato alcun effetto collaterale di reazioni avverse. Lo studio CELLTOP, uno studio clinico multidisciplinare di fase 1 in corso condotto presso la Mayo Clinic (Identificatore ClinicalTrials.gov: NCT03308565), sta studiando la sicurezza e l’efficacia delle AD-MSC intratecali autologhi in pazienti con SCI traumatica e contundente”. ( MSC AD – Cellule staminali mesenchimali derivate dal tessuto adiposo).

Vedi anche, Lesione del midollo spinale: farmaco comune potrebbe aiutare a ripristinare la funzione degli arti.

Il paziente, 53 anni, Chris Barr, ha dichiarato di non aver mai sperato di riguadagnare funzioni motorie o sensoriali dopo il suo incidente con il surf. Nella sua recente intervista ai media ha detto: “La prognosi era negativa …  La mia ferita era etichettata come “American Spinal Injury Association Impairment Scale grade A”.
Per questa procedura, alla quale è stato il primo ad iscriversi, ha subito una terapia con cellule staminali che non era mai stata provata prima. Le cellule staminali sono state prelevate dal suo stesso corpo e in laboratorio sono state spinte a trasformarsi in cellule della colonna vertebrale. Queste cellule staminali sono derivate dai tessuti adiposi o cellule adipose. Gli autori hanno scritto che “100 milioni di AD-MSC autologhe” sono state poi iniettate nel suo midollo spinale a livello della colonna lombare. Ciò è stato fatto 11 mesi dopo la lesione spinale subita da Barr. “Dopo il trattamento, con l’aiuto della fisioterapia, Barr ha riacquistato i sensi negli arti inferiori e può camminare con i propri piedi”, spiegano i ricercatori.
I pazienti sono stati testati per eventuali effetti collaterali a 3, 6, 12 e 18 mesi dopo l’iniezione delle cellule staminali nella colonna vertebrale.
Gli autori hanno scritto in conclusione: “In questo individuo trattato con con cellule staminali mesenchimali, la somministrazione intratecale delle AD-MSC era fattibile e sicura e ha suggerito segni significativi di uno stato neurologico migliorato, piuttosto che stabilizzato, che giustifica un’ulteriore valutazione clinica del trattamento”.
Secondo il Dott. Bydon, nonostante non tutti possano rispondere in modo simile a Barr, questo studio offre la speranza a centinaia di migliaia di persone che ogni anno soffrono di lesioni traumatiche al midollo spinale e rimangono paralizzate per la vita. Bydon ha dichiarato: “La speranza è che nei prossimi anni avremo nuovi trattamenti per le lesioni del midollo spinale che saranno diversi da quelli che abbiamo oggi. Queste saranno terapie che non si basano su cure di supporto, ma terapie che si basano sulla scienza per creare un processo rigenerativo per il midollo spinale”.

 

Journal reference: Mayo Clinic Proceedings

ULTIMI ARTICOLI

Identificata la proteina che causa le convulsioni

Immagine: Public Domain. Gli scienziati, guidati da un ricercatore biomedico dell'Università della California, Riverside, hanno identificato un nuovo meccanismo responsabile dello sviluppo anormale delle connessioni neuronali...

Nuova luce sui meccanismi responsabili dell’emicrania familiare

Immagine: Public Domain. I neuroscienziati dell'Università di Zurigo hanno gettato una nuova luce sui meccanismi responsabili dell'emicrania familiare: hanno dimostrato che una disfunzione genetica in...

L’ananas potrebbe essere una nuova arma contro COVID-19?

Immagine: Public domain. I risultati di una recente ricerca negli Stati Uniti indicano che il gambo di ananas ricco di bromelina può essere utilizzato come agente...

Gli acidi biliari stimolano la rigenerazione intestinale

Immagine:Cripte intestinali di topo. Credito: K. Schoonjans (EPFL). I ricercatori dell'EPFL hanno fatto una scoperta sorprendente su come gli acidi biliari agiscono come molecole di...

L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Immagine:SARS-CoV-2 (mostrato qui in un'immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), venerdì 18 settembre...