HomeSalutePellePotenziale nuovo approccio per trattare l'eczema

Potenziale nuovo approccio per trattare l’eczema

Immagine: Public Domain.

I ricercatori dell’Università della British Columbia (UBC) e del Vancouver Coastal Health Research Institute (VCHRI) hanno identificato un enzima chiave che contribuisce all’eczema, che può portare a un trattamento migliore per prevenire gli effetti debilitanti di questo disturbo cutaneo.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sul Journal of Investigative Dermatology.

- Advertisement -

L’eczema, nota anche come dermatite atopica (AD), provoca il collasso della barriera protettiva della pelle, rendendola più vulnerabile alle entità estranee che possono causare prurito, infiammazione, secchezza e ulteriore degrado della barriera protettiva della pelle. Autore senior dello studio, il Dr. David Granville, Professore alla facoltà di medicina della UBC e ricercatore presso VCHRI, dice: “Si stima che il costo annuale dell’eczema in Nord America sia di oltre $ 5,5 miliardi a causa dell’enorme impatto sulla salute e sul benessere delle persone”.

L’enzima Granzyme B è positivamente correlato al prurito e alla gravità dell’eczema

I ricercatori hanno scoperto che Granzyme B indebolisce la barriera cutanea tagliando attraverso le proteine ​​che tengono insieme le cellule rendendo più facile la penetrazione degli allergeni. “Tra le cellule della nostra pelle ci sono proteine ​​che le ancorano strettamente insieme”, afferma Granville. “In alcune malattie infiammatorie, come l’eczema, Granzyme B è secreto dalle cellule e si nutre di quelle proteine, causando un indebolimento di questi legami e un ulteriore infiammazione e prurito della pelle”.

I ricercatori hanno scoperto che eliminando Granzyme B con modifiche genetiche o inibendolo con un gel topico, si potrebbe impedirgli di danneggiare la barriera cutanea e ridurre significativamente la gravità dell’AD. “Precedenti lavori avevano suggerito che i livelli di Granzyme B erano correlati al grado di prurito e gravità della malattia nei pazienti con dermatite atopica; tuttavia, non c’erano prove che questo enzima avesse un ruolo causale”, afferma Granville. “Il nostro studio fornisce prove del fatto che i farmaci topici mirati a Granzyme B potrebbero essere usati per trattare i pazienti con eczema e altre forme di dermatite”.

- Advertisement -

Vedi anche: Nuova terapia promettente per la forma comune di eczema

I ricercatori mirano a sedare la causa principale dei sintomi dell’eczema
Circa il 15-20 per cento dei canadesi vive con una qualche forma di AD e tra i bambini canadesi di età inferiore ai cinque anni, l’AD colpisce tra il 10-15 per cento. Di questi, circa il 40% sperimenterà sintomi della malattia per il resto della vita. L’AD è anche associata ad un aumentato rischio di sviluppare una serie di altre condizioni infiammatorie, tra cui allergie alimentari, asma e rinite allergica. “La dermatite atopica è il principale onere non fatale per la salute attribuibile a malattie della pelle”, afferma il Dott. Chris Turner, autore principale dello studio ed ex membro post-dottorato UBC nel laboratorio di Granville. L’AD segue in genere un ciclo di prurito che spesso aumenta. Questo ciclo di solito si verifica durante le riacutizzazioni, che possono comparire in qualsiasi momento e talvolta a distanza di settimane, mesi o anni. Le creme corticosteroidi sono un trattamento comune per le persone con AD che soffrono di prurito ed eruzioni cutanee più gravi. Tuttavia, queste creme possono assottigliare la pelle se utilizzate per un periodo di tempo prolungato, il che può rendere la pelle più incline a danni e infezioni.
Un gel o una crema che inattiva o limita Granzyme B, riducendo così la gravità dell’AD, potrebbe essere un trattamento a lungo termine più sicuro ed efficace.
“Un gel o una crema che blocca Granzyme B potrebbe avere meno effetti collaterali e aggirare sul ciclo di prurito, rendendolo meno pronunciato”, afferma Turner.
Un trattamento di questo tipo disponibile in commercio è ancora lontano, ma i ricercatori vedono grandi promesse in questa linea di ricerca e stanno portando avanti ulteriori studi clinici sugli inibitori del Granzyme B e Granzyme B.

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...