Più placche amiloidi nel cervello, più declino cognitivo

alzheimer,placche amiloidi

Un nuovo studio del Center for Vital Longevity alla University of Texas a Dallas, ha scoperto che la quantità di placche amiloidi presenti nel cervello di una persona predice il tasso del suo declino cognitivo nei prossimi quattro anni.

Lo studio, pubblicato su JAMA Neurology, ha usato la tomografia ad emissione di positroni (PET) per rilevare le placche amiloidi in 184 persone sane di mezza età che hanno partecipato allo studio. Le placche amiloidi, un  segno distintivo della malattia di Alzheimer, iniziano ad accumularsi nel cervello 10/ 20 anni prima della comparsa della demenza.

“Pensiamo che sia fondamentale controllare gli adulti di mezza età per rilevare i primi segni possibili della malattia di Alzheimer, perché sta diventando sempre più chiaro che l’intervento precoce è la chiave per la prevenzione efficace della malattia di Alzheimer”, ha detto Michelle Farrell, dottoranda presso il Centro e autore principale dello studio.

La ricerca presenta alcuni dei primi dati sulle placche amiloidi e sulle loro conseguenze cognitive negli adulti di età tra i 40 e 59 anni.

I risultati suggeriscono che la quantità di amiloide nel cervello fornisce utili informazioni prognostiche su come rapidamente la cognizione può declinare in futuro.

“La nostra comprensione della fase più antica e silenziosa possibile della malattia di Alzheimer è in rapido aumento. Fornire a medici e pazienti più informazioni circa l’entità dei depositi di amiloide, fornirà informazioni preziose che consentiranno una migliore pianificazione per il futuro”, ha detto il Dr. Denise Park, Direttore della ricerca presso il Center for Vital Longevity, Distinguished University Chair in Behavioral and Brain Sciences e autore senior dello studio.

ParK dirige un progetto di ricerca pluriennale finalizzato alla comprensione di come funziona un cervello sano e come funziona in ogni decennio di vita da 20 anni, fino ai 90 anni. Ogni volontario dei quasi 500 partecipanti allo studio viene sottoposto a test ogni quattro anni.

Mentre la maggior parte degli studi sulle placche amiloidi e il suo rapporto con la malattia di Alzheimer si sono concentrati su adulti più anziani, sopra i 60 anni di età, lo studia attuale esamina anche gli adulti di mezza età per trovare i primi segni possibili della malattia di Alzheimer.

Nella ricerca, i tre adulti di mezza età che presentavano la più alta quantità di placche amiloidi e il maggiore declino cognitivo, avevano anche una doppia quantità del gene ApoE-4 implicato nella malattia di Alzheimer. Questo significa che i tre adulti hanno ricevuto una copia del gene da ciascuno dei loro genitori e solo circa il 4 per cento della popolazione presenta questa combinazione genetica.

Fonte: UT Dallas

Altri articoli su alzheimer, placche amiloidi