Più della metà delle persone anziane non consuma abbastanza proteine ​​per rimanere in salute

0
42

Più della metà delle persone anziane nel South Yorkshire non consuma abbastanza proteine ​​per mantenersi in salute, secondo un nuovo studio del Healthy Lifespan Institute dell’Università di Sheffield.

Lo studio, pubblicato oggi su Geriatrics, ha valutato le diete di 256 anziani di età compresa tra i 65 e gli 89 anni nell’area del South Yorkshire.

I ricercatori hanno valutato due set di dati esistenti che contenevano informazioni estese e preziose sull’assunzione dietetica degli anziani nella regione. Hanno scoperto che meno del 50 percento dei partecipanti ha seguito le attuali raccomandazioni del Regno Unito di consumare 0,75 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo al giorno (circa 53 grammi per un uomo e 46 grammi per una donna).

Tuttavia, molti esperti ritengono che gli adulti più anziani abbiano bisogno di un apporto proteico più elevato rispetto alle raccomandazioni del Regno Unito, con organizzazioni internazionali che suggeriscono 1,2 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Meno del 15 percento del gruppo di studio ha soddisfatto questa raccomandazione specifica per età. È stato anche dimostrato che gli adulti più anziani devono consumare 25-30 grammi di proteine ​​in ciascuno dei loro tre pasti giornalieri per stimolare la sintesi proteica muscolare. Solo uno dei partecipanti allo studio stava raggiungendo questo obiettivo, con altri partecipanti che in particolare consumavano livelli più bassi di cibi ricchi di proteine ​​al mattino. Il Dott. Bernard Corfe, Professore incaricato di oncologia e ricercatore principale in gastroenterologia, ha dichiarato: “Sappiamo che il consumo di proteine, specialmente se combinato con l’esercizio, aiuta a rallentare la perdita di massa muscolare e la forza che deriva dall’invecchiamento”.

L’assunzione inadeguata di proteine ​​contribuisce allo spreco muscolare, influendo sulla funzione fisica e aumentando il rischio di fragilità e mortalità attraverso le cadute. Questo rischio è nuovamente aumentato negli anziani con obesità, che potrebbero non essere in grado di esercitare o muoversi liberamente, poiché il loro peso può mascherare il problema”, dice Corfe.

Lo studio ha scoperto che carne, pesce e latticini hanno contribuito all’86 percento dell’apporto proteico dei partecipanti. I ricercatori suggeriscono che i partecipanti potrebbero trarre beneficio dall’aumento delle loro proteine ​​quotidiane, soprattutto al mattino quando il consumo era basso. La Dott.ssa Elizabeth Williams, docente senior di Nutrizione umana, ha dichiarato: “La fragilità e i relativi problemi muscolo-scheletrici costano al Regno Unito circa 7 miliardi di sterline all’anno, quindi il mantenimento di una massa corporea magra sana non è mai stato così importante”.

Vedi anche: La mancanza di proteine ​​nel cervello provoca comportamenti che rispecchiano l’autismo

“Una strategia utile per le persone di età compresa tra la metà e la terza età è quella di includere una fonte di proteine ​​ad ogni pasto. Come indicatore, puoi ottenere 32 grammi di proteine ​​da un petto di pollo e 6 grammi da un uovo. Gli adulti più anziani possono facilmente sostenere il loro apporto proteico mangiando per colazione cereali ad alto contenuto proteico o un uovo e una fetta di pane integrale tostato. Le persone dovrebbero anche pensare di includere fonti di proteine ​​sostenibili e di origine vegetale nella loro dieta come fagioli, lenticchie, tofu e piselli “.

Healthy Lifespan Institute dell’Università di Sheffield mira ad aiutare gli anziani a vivere una vita più sana e indipendente più a lungo e in seguito a questo studio i ricercatori stanno ora elaborando una proposta su come le proteine ​​potrebbero essere utilizzate per ridurre lo spreco muscolare durante il trattamento del cancro. Il Dr. Corfe ha aggiunto: “Sappiamo già che il consumo di proteine ​​migliora la nostra capacità di resistenza alle infezioni e ai trattamenti per le malattie dell’invecchiamento come il cancro. Trattamenti come la chemioterapia possono peggiorare i tassi di deperimento muscolare, quindi speriamo di portare avanti questa ricerca per verificare se il consumo di proteine ​​può contribuire a migliorare i risultati per coloro che subiscono trattamenti contro il cancro”.

Fonte: Geriatrics