Perdita di memoria invertita o ridotta in pazienti con declino cognitivo

Immagine: Public Domain.

Il declino cognitivo è una delle principali preoccupazioni dell’invecchiamento della popolazione. La malattia di Alzheimer colpisce già circa 5,4 milioni di americani e 30 milioni di persone in tutto il mondo.

 Senza una prevenzione e un trattamento efficaci, le prospettive per il futuro sono desolanti. Entro il 2050, si stima che 160 milioni di persone in tutto il mondo avranno la malattia, tra cui 13 milioni di americani, portando al potenziale fallimento del sistema Medicare. A differenza di molte altre malattie croniche, la malattia di Alzheimer è in aumento: stime recenti suggeriscono che la malattia di Alzheimer è diventata la terza causa di morte negli Stati Uniti dopo le malattie cardiovascolari e il cancro.

Fin dalla sua prima descrizione più di 100 anni fa, la malattia di Alzheimer è stata senza un trattamento efficace. Mentre i ricercatori continuano a cercare una cura, sta diventando chiaro che esistono opzioni terapeutiche efficaci. Sempre più ricerche supportano la conclusione che la malattia di Alzheimer non è una malattia delle sole placche beta-amiloidi e grovigli di tao, ma una malattia complessa e sistemica.

Vedi anche: Districata l’interazione proteica implicata nella sindrome di Down e nell’Alzheimer

 In questo studio su pazienti con vari livelli di declino cognitivo, viene dimostrato come un approccio di precisione e personalizzato porti a stabilizzazione o miglioramento della memoria.

Gli interventi per fermare la progressione della malattia di Alzheimer hanno avuto un successo marginale nella migliore delle ipotesi. Questo studio utilizza un approccio più completo e personalizzato che affronta i fattori di rischio unici di ciascun partecipante. “I risultati, pubblicati sul Journal of Alzheimer’s Disease Reports, sono incoraggianti e indicano che è giustificato uno studio clinico più ampio”, ha dichiarato Brian Kennedy, Ph.D., Direttore del Center for Healthy Aging, National University Health System, Singapore e Chief Scientific Officer, Affirmativ Health.

Perdita di memoria invertita o ridotta in quelli con declino cognitivo

Immagine: Affirmativ Health ha cercato di determinare se un programma completo e personalizzato, progettato per mitigare i fattori di rischio della malattia di Alzheimer, potesse migliorare la funzione cognitiva e metabolica negli individui con declino cognitivo. I risultati hanno dimostrato che questo approccio può migliorare i punteggi dei fattori di rischio e stabilizzare la funzione cognitiva. Credito: Affirmativ Health.

Il team scientifico di Affirmativ Health, dopo un’attenta revisione della ricerca pubblicata, ha sviluppato un approccio globale per affrontare i fattori di rischio supportati scientificamente che sono stati rigorosamente definiti come interventi per promuovere la prevenzione, una maggiore resilienza e la stabilizzazione della funzione cerebrale nel regno dell’ AD e demenza.

“Utilizzando una tecnologia all’avanguardia in concerto con coaching e consulenze, stiamo dimostrando che un approccio multimodale e personalizzato promuove una maggiore resilienza e il ripristino di una funzione cerebrale ottimale. Il programma terapeutico personalizzato comprende genetica, un ampio pannello ematico, anamnesi e dati sullo stile di vita per valutare i fattori di rischio metabolico e i livelli di nutrienti associati alla salute cognitiva.

I livelli di laboratorio target differiscono dalle gamme standard di laboratorio poiché l’obiettivo è raggiungere livelli ottimizzati per la salute cognitiva”, ha affermato Ginger Schechter, MD, Chief Medical Officer, Affirmativ Health.

L’approccio considera oltre 35 fattori noti per contribuire al declino cognitivo. I risultati dimostrano che alcuni di questi fattori sono più colpiti di altri, dimostrando nuovamente la necessità di un piano di trattamento più preciso. “Questo studio supporta la necessità di un approccio incentrato su una misura unica, un approccio che valuta in modo completo tutti i fattori di rischio coinvolti che incidono sulla perdita di memoria“, ha commentato Denise M Kalos, CEO della Affirmativ Health.

In collaborazione con la pubblicazione di questo studio vitale e per esporre opzioni di trattamento alternative per la malattia di Alzheimer e il declino cognitivo, il team di Affirmativ Health ha scritto un libro, “Outsmart your Brain — an Insider’s Guide to Life-Long Memory”, ossia “La memoria non è qualcosa che dovrebbe diminuire con l’età… Supera il cervello”. Questo libro sfrutta le basi della ricerca di Affirmativ Health per fornire una guida di suggerimenti e strumenti per il mantenimento di una buona salute cognitiva.

“Troppe poche persone capiscono quanto lo stile di vita e le scelte dietetiche siano critiche per la funzione cerebrale. Supera in astuzia il tuo cervello è uno strumento importante per mettere queste informazioni nelle mani di chi dovrebbe conoscerle, cioè tutti, in un linguaggio di facile comprensione ” conclude Ryan R. Fortna, MD, Ph.D., Chief Medical / Scientific Officer presso ADx Healthcare.

Fonte: Journal of Alzheimer’s Disease Reports