Perchè il grasso addominale può portare al cancro

cancro,grasso addominale
Nuove ricerche suggeriscono che il grasso addominale può produrre attivamente una proteina che può portare al cancro.
Il  nuovo studio fa due scoperte significative: in primo luogo, dimostra come le cellule cancerose diventano cancerose quando “aiutate” da una certa proteina e, in secondo luogo, suggerisce che la fonte di questa proteina può trovarsi nel grasso addominale.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Oncogene, è stato condotto da Jamie Bernard, Assistente di farmacologia e tossicologia presso la Michigan State University di East Lansing. Il primo autore dello studio è Debrup Chakraborty, uno studente post-dottorato del laboratorio del Prof. Bernard.

( Vedi anche:Steatosi epatica non alcolica: il grasso addominale causa gravi complicazioni).

Come spiegano gli autori, un insieme di studi suggeriscono che il grasso aumenta il rischio di cancro. Tuttavia – e nonostante le crescenti tendenze dell’obesità in tutto il mondo – si sa poco su come come il grasso influenza il processo attraverso il quale una cellula non cancerosa diventa cancerosa.

“Il nostro studio suggerisce che l’indice di massa corporea, o BMI, non può essere il miglior indicatore del rischio che le cellule diventino cancerose”, ha detto Bernard. ” L’obesità addominale, e ancor più in particolare i livelli di una proteina chiamata fattore di crescita dei fibroblasti, sono i migliori indicatori “.

Ci sono due strati di grasso addominale. Lo strato superiore, noto come grasso sottocutaneo che si trova proprio sotto la pelle e lo strato sotto il grasso sottocutaneo, chiamato grasso viscerale che è quello più dannoso.

Bernard e il co-autore Debrup Chakraborty, uno studente post-dottorato del suo laboratorio, hanno studiato i topi alimentati con una dieta ad alta percentuale di grassi e hanno scoperto che questo secondo strato di grasso ha prodotto quantità maggiori del fattore di crescita dei fibroblasti 2 o FGF2, rispetto al grasso sottocutaneo. Inoltre i ricercatori hanno scoperto che FGF2 stimola alcune cellule già vulnerabili alla proteina e le ha indotte a trasformarsi in cellule tumorali.

Il team di ricerca ha inoltre raccolto il tessuto del grasso viscerale da donne sottoposte a isterectomia e ha scoperto che quando le secrezioni di grasso avevano maggiori quantità della proteina FGF2, più cellule formavano tumori cancerosi quando trasferite nei topi.

“Questo indica che il grasso sia dei topi che degli esseri umani può trasformare una cellula non tumorigenica in una cellula tumorigenica”, ha detto Bernard.

Il ricercatore ha aggiunto che ci sono molti altri fattori liberati dal grasso, compreso l’ormone estrogeno, che potrebbero influenzare il rischio di cancro, ma molti di questi studi hanno solo potuto mostrare un’associazione e non una causa diretta di cancro. Inolgtre, non bisogna dimenticare l’importante ruolo della genetica nello sviluppo del cancro.

Bernard ha riferirto che sta già cercando di identificare nuovi composti anti-cancro che potrebbero bloccare gli effetti di FGF2.

Lo studio è stato finanziato dai National Institutes of Health.

“Anche se ci sono stati diversi progressi nel trattamento del cancro e nel miglioramento della qualità della vita dei pazienti, il numero di nuovi casi continua ad aumentare”, afferma il Prof. Bernard. “E così anche l’obesità. Attualmente, il 38 per cento delle persone negli Stati Uniti sono considerate obese e il tasso di incidenza dell’obesità sembra destinato a raggiungere il 42 per cento entro il 2050”.

Fonte: Michigan State University

Altri articoli su cancro, grasso addominale