Perché COVID-19 colpisce maggiormente le persone anziane: nuova ipotesi

Immagine: Public Domain.

Sia gli anziani che i giovani possono sviluppare la COVID-19. Tuttavia, i giovani sani di solito migliorano senza alcun trattamento, mentre i pazienti più anziani possono sperimentare alcune complicazioni potenzialmente letali.

Perché le persone anziane sono maggiormente a rischio di casi COVID-19 più difficili? Gli scienziati dell’ETH di Zurigo hanno una buona ipotesi.

Invecchiando, il sistema immunitario diventa più debole. In altre parole, diventi più sensibile a tutti i tipi di infezione, non solo a COVID-19. Le persone anziane sono più infette dall’influenza e presentano complicanze molto più frequentemente. Ma gli scienziati ritengono che potrebbero esserci altre spiegazioni sul perché COVID-19 sta uccidendo più persone anziane. L’invecchiamento è una cosa terribile. I nostri interi corpi si deteriorano con il tempo e il tessuto polmonare non fa eccezione. Gli scienziati notano che le proprietà meccaniche delle nostre cellule cambiano. E il virus SARS-CoV-2, che causa la malattia COVID-19, potrebbe trarre vantaggio da quelle mutevoli caratteristiche delle nostre cellule. In questo caso, in particolare, il tessuto polmonare diventa più rigido con l’età, il che potrebbe creare un dominio perfetto per la diffusione dei virus.
SARS-CoV-2 entra nei nostri corpi attraverso le cellule della mucosa del tratto respiratorio. In pratica dirotta le nostre cellule e le utilizza per produrre più virus. Questi nuovi virus si diffondono ad altre cellule e il processo continua, causando una grave infezione e una forte risposta immunitaria.
SARS-CoV-2 non ha alcun problema a invadere le cellule nei soggetti più giovani o più anziani: tutti possono essere infettati. Tuttavia, i bambini presentano sintomi molto lievi, mentre le persone anziane si ammalano gravemente e talvolta addirittura muoiono. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le cellule del sistema respiratorio diventano più rigide a causa della maggiore formazione di fibre proteiche nel tessuto con l’età. Gli scienziati ritengono che ciò interferisca leggermente con la funzione delle cellule, aiutando i virus a dirottare queste cellule e usarle per proliferare nell’organismo.
Gli scienziati confermeranno questa ipotesi con modelli in vitro. L’obiettivo finale è capire come SARS-CoV-2 si diffonde all’interno del corpo e come possiamo chiudere quelle porte. Caroline Uhler e G. V. Shivashankar, autori dell’articolo, hanno dichiarato: “la ricerca di farmaci dovrebbe includere anche inibitori che si intersecano con la replicazione del coronavirus e le proprietà meccaniche delle cellule”.
Se la relazione tra le proprietà meccaniche delle cellule e le infezioni sarà confermata, potrebbe aiutare a trattare COVID-19 e altre infezioni che attaccano maggiormente le persone anziane.
Fonte: ETH Zurich