Ossitocina: ultimo ritrovato per trattare la perdita muscolare




I ricercatori della University of California, Berkeley, hanno scoperto che l’ossitocina – un ormone associato la maternità, materno, legami sociali, il parto e il sesso – è indispensabile per mantenere muscoli sani e per la riparazione del muscolo dai danni legati all’invecchiamento.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, presenta l’ ossitocina come  ultimo ritrovato per il trattamento della perdita di massa muscolare o sarcopenia.

Pochi altri fattori biochimici nel sangue sono stati collegati all’invecchiamento e alla malattia negli ultimi anni, ma l’ossitocina è la prima molecola anti-invecchiamento identificata che è stata approvato dalla Food and Drug Administration per l’uso clinico nell’uomo. Pitocin, una forma sintetica di ossitocina, viene già usata per controllare l’emorragia dopo il parto. Gli studi clinici di uno spray nasale di ossitocina sono in corso anche per alleviare i sintomi associati a disturbi mentali come l’autismo, la schizofrenia e la demenza.

“Purtroppo, la maggior parte delle molecole scoperte finora, per promuovere la rigenerazione dei tessuti, sono anche associate con il cancro, limitando il loro potenziale come trattamento per gli esseri umani,” ha spiegato il ricercatore principale Irina Conboy, professore associato di bioingegneria. “La nostra missione è di trovare una molecola che non solo ringiovanisce i muscoli e altri tessuti, ma che può farlo in modo sostenibile a lungo termine, senza aumentare il rischio di cancro”.

L’ossitocina, secreta nel sangue dalla ghiandola pituitaria del cervello, è un buon candidato perché raggiunge ogni organo e non è nota per essere associata a tumori o per interferire con il sistema immunitario.

I ricercatori hanno sottolineato che l’ossitocina è presente sia nei ragazzi che nelle ragazze, ma ancora non è noto quando i livelli di ormone iniziano a diminuire negli esseri umani e quali livelli sono necessari per mantenere i tessuti sani.

Christian Elabd e Wendy , entrambi scienziati senior del laboratorio di Conboy, sono autori di questo studio.

Precedenti ricerche di Elabd hanno scoperto che la somministrazione di ossitocina ha aiutato a prevenire lo sviluppo di osteoporosi in modelli di topi in menopausa.

Il nuovo studio ha determinato che nei topi, i livelli di ossitocina nel sangue sono diminuiti con l’età. Essi hanno inoltre dimostrato che ci sono meno recettori per l’ossitocina nelle cellule staminali muscolari dei topi anziani rispetto ai giovani.

Per verificare il ruolo dell’ ossitocina nella riparazione del muscolo, i ricercatori hanno iniettato l’ormone sotto la pelle di topi anziani per quattro giorni e poi per cinque giorni in più, dopo che i muscoli degli animali sono rimasti feriti. Dopo il trattamento di nove giorni, hanno scoperto che i muscoli dei topi che avevano ricevuto iniezioni di ossitocina hanno avuto una cicatrizzate migliore rispetto ad un gruppo di controllo di topi non trattati on l’ossitocina.

“L’azione dell’ossitocina è stata veloce”, ha detto Elabd. “La riparazione del muscolo nei topi anziani era di circa l’ 80 per cento maggiore di quella che abbiamo osservato nei giovani topi”.

È interessante notare che trattando i topi giovani con l’ ossitocina, non sembra verificarsi alcun cambiamento significativo nella rigenerazione muscolare.

I ricercatori hanno anche scoperto che bloccare gli effetti dell’ ossitocina nei giovani topi, compromette rapidamente la loro capacità di riparare il muscolo che alla fine somigliava ad un tessuto vecchio dopo un infortunio.

I ricercatori hanno anche studiato i topi il cui gene per l’ossitocina è stato disattivato e li hanno confrontati con un gruppo di topi di controllo. In giovane età, non vi era alcuna differenza significativa tra i due gruppi , nella massa muscolare o efficienza di riparazione dopo un infortunio, quando però  i topi hanno raggiunto l’età adulta, sono comparsi i segni di invecchiamento precoce.

Conboy ha spiegato: “La nostra conoscenza dimostra che il gene dell’ ossitocina è l’unico il cui impatto si manifesta più tardi nella vita, suggerendo che il suo ruolo è strettamente legato al processo di invecchiamento”.

Opzioni terapeutiche future

Secondo i ricercatori, l’ossitocina potrebbe diventare una valida alternativa alla terapia ormonale sostitutiva come un modo per combattere i sintomi dell’ invecchiamento sia nelle donne che negli uomini. La terapia ormonale non ha mostrato miglioramenti nella flessibilità o capacità di rigenerazione del muscolo e non è più raccomandata per la prevenzione delle malattie perché la ricerca ha scoperto che i benefici della terapia non sono superiori ai suoi rischi per la salute.

Oltre al muscolo sano, l’ossitocina può migliorare la salute delle ossa e potrebbe essere importante nella lotta contro l’obesità.

C’è un cerchio crescente di scienziati che credono che l’invecchiamento è la causa di una serie di malattie croniche, tra cui il morbo di Parkinson e diabete di tipo 2.

Conboy ha concluso: “L’invecchiamento è un processo naturale, ma credo che possiamo intervenire significativamente sui danni d’organo e degenerazione legati all’età, rallentando così la velocità con cui si diventa progressivamente anziani”.

Fonte

  1. Christian Elabd, Wendy Cousin, Pavan Upadhyayula, Robert Y. Chen, Marc S. Chooljian, Ju Li, Sunny Kung, Kevin P. Jiang, Irina M. Conboy. Oxytocin is an age-specific circulating hormone that is necessary for muscle maintenance and regenerationNature Communications, 2014; 5 DOI: 10.1038/ncomms5082