HomeAlimentazione & BenessereObesità: l'eccesso di cibo non è la causa principale

Obesità: l’eccesso di cibo non è la causa principale

(Obesità-Immagine Credit Public Domain).

La prospettiva pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition sostiene che le cause alla radice dell’epidemia di obesità sono più legate a ciò che mangiamo piuttosto che a quanto mangiamo.

Le statistiche dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) mostrano che l’obesità colpisce oltre il 40% degli adulti americani, esponendoli a un rischio più elevato di malattie cardiache, ictus, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro. Le linee guida dietetiche per gli americani 2020-2025 dell’USDA  ci dicono inoltre che la perdita di peso “richiede agli adulti di ridurre il numero di calorie che ottengono da cibi e bevande e di aumentare la quantità spesa attraverso l’attività fisica“.

- Advertisement -

Questo approccio alla gestione del peso si basa sul modello di bilancio energetico secolare che afferma che l’aumento di peso è causato dall’accamulo di più energia di quanta ne consumiamo. Nel mondo di oggi, circondato da cibi altamente appetibili, pesantemente commercializzati ed economici, è facile per le persone assumere più calorie di quelle di cui hanno bisogno, uno squilibrio che è ulteriormente esacerbato dagli stili di vita sedentari di oggi. Con questo pensiero, l’eccesso di cibo, insieme a un’attività fisica insufficiente, sta guidando l’epidemia di obesità. D’altra parte, nonostante decenni di messaggi sulla salute pubblica che esortano le persone a mangiare di meno e a fare più esercizio fisico, i tassi di obesità e di malattie legate all’obesità sono aumentati costantemente.

Gli autori del “The Carbohydrate-Insulin Model: A Physiological Perspective on the Obesity Pandemic”, una prospettiva pubblicata sul The American Journal of Clinical Nutrition, indicano difetti fondamentali nel modello di bilancio energetico, sostenendo che un modello alternativo, il carboidrato-insulina modello, spiega meglio l’obesità e l’aumento di peso. Inoltre, il modello carboidrati-insulina indica la strada per strategie di gestione del peso più efficaci e durature.

Secondo l’autore principale dello studio, il Dr. David Ludwig, endocrinologo al Boston Children’s Hospital e Professore alla Harvard Medical School, il modello di bilancio energetico non ci aiuta a comprendere le cause biologiche dell’aumento di peso: “Durante uno scatto di crescita, ad esempio, gli adolescenti possono aumentare assunzione di cibo di 1.000 calorie al giorno. Ma il loro eccesso di cibo provoca lo scatto di crescita o lo scatto di crescita fa sì che l’adolescente abbia fame e mangi troppo?

In contrasto con il modello del bilancio energetico, il modello carboidrati-insulina fa un’affermazione coraggiosa: l’eccesso di cibo non è la causa principale dell’obesità. Al contrario, il modello carboidrati-insulina attribuisce gran parte della colpa dell’attuale epidemia di obesità ai moderni modelli dietetici caratterizzati da un consumo eccessivo di alimenti ad alto carico glicemico: in particolare, carboidrati trasformati e rapidamente digeribili. Questi alimenti causano risposte ormonali che modificano radicalmente il nostro metabolismo, determinando l’accumulo di grasso, l’aumento di peso e l’obesità.

- Advertisement -

Vedi anche:Obesità: diete ricche di grassi rompono l’orologio biologico

Quando mangiamo carboidrati altamente trasformati, il corpo aumenta la secrezione di insulina e sopprime la secrezione di glucagone. Questo, a sua volta, segnala alle cellule adipose di immagazzinare più calorie, lasciando meno calorie disponibili per alimentare i muscoli e altri tessuti metabolicamente attivi. Il cervello percepisce che il corpo non riceve abbastanza energia, il che, a sua volta, porta a sensazioni di fame. Inoltre, il metabolismo può rallentare nel tentativo del corpo di risparmiare carburante. Pertanto, tendiamo a rimanere affamati, anche se continuiamo ad aumentare il grasso in eccesso.

Per comprendere l’epidemia di obesità, dobbiamo considerare non solo quanto stiamo mangiando, ma anche come i cibi che mangiamo influenzano i nostri ormoni e il nostro metabolismo. Con la sua affermazione che tutte le calorie sono uguali per il corpo, il modello del bilancio energetico manca di questo pezzo fondamentale del puzzle.

Sebbene il modello carboidrati-insulina non sia nuovo, le sue origini risalgono ai primi anni del 1900 e questa prospettiva dell’American Journal of Clinical Nutrition è la formulazione più completa di questo modello fino ad oggi esistente, scritta da un team di 17 scienziati riconosciuti a livello internazionale, ricercatori clinici e esperti di sanità pubblica. Collettivamente, i ricercatori hanno riassunto il crescente corpo di prove a sostegno del modello carboidrati-insulina. Inoltre, gli autori hanno individuato una serie di ipotesi verificabili che distinguono i due modelli per guidare la ricerca futura.

L‘adozione del modello carboidrati-insulina rispetto al modello del bilancio energetico ha implicazioni radicali per la gestione del peso e il trattamento dell’obesità. Piuttosto che spingere le persone a mangiare di meno, una strategia che di solito non funziona a lungo termine, il modello carboidrati-insulina suggerisce un altro percorso che si concentra maggiormente su ciò che mangiamo. Secondo il Dr. Ludwig, “ridurre il consumo dei carboidrati rapidamente digeribili che hanno inondato l’approvvigionamento alimentare durante l’era della dieta a basso contenuto di grassi riduce la spinta sottostante a immagazzinare il grasso corporeo. Di conseguenza, le persone possono perdere peso con meno fame e fatica”.

Spiegano gli autori:

“Secondo una visione comune, la pandemia di obesità è causata dal consumo eccessivo di alimenti trasformati moderni, altamente appetibili e ad alta densità energetica, esacerbato da uno stile di vita sedentario. Tuttavia, i tassi di obesità rimangono ai massimi storici, nonostante un focus persistente sul mangiare di meno e muoversi di più, come guidato dal modello di bilancio energetico (EBM). Questo fallimento della salute pubblica può derivare da una limitazione fondamentale dell’EBM stesso. Concettualizzare l’obesità come un disturbo del bilancio energetico riafferma un principio della fisica senza considerare i meccanismi biologici che promuovono l’aumento di peso. Un paradigma alternativo, il modello carboidrati-insulina (CIM), propone un’inversione di direzione causale. Secondo il CIM, l’aumento della deposizione di grasso nel corpo, derivante dalle risposte ormonali a una dieta ad alto carico glicemico, determina un bilancio energetico positivo. Il CIM fornisce un quadro concettuale con ipotesi verificabili su come i vari fattori modificabili influenzino il bilancio energetico e l’accumulo di grasso. È necessaria una ricerca rigorosa per confrontare la validità di questi 2 modelli, che hanno implicazioni sostanzialmente diverse per la gestione dell’obesità, e per generare nuovi modelli che comprendano al meglio le prove“.

Gli autori riconoscono che sono necessarie ulteriori ricerche per testare in modo conclusivo entrambi i modelli e, forse, per generare nuovi modelli che si adattino meglio alle prove. A tal fine, chiedono un discorso costruttivo e “collaborazioni tra scienziati con punti di vista diversi per testare le previsioni in una ricerca rigorosa e imparziale”.

Riferimento: “Il modello carboidrati-insulina: una prospettiva fisiologica sulla pandemia di obesità” di David S Ludwig, Louis J Aronne, Arne Astrup, Rafael de Cabo, Lewis C Cantley, Mark I Friedman, Steven B Heymsfield, James D Johnson, Janet C King, Ronald M Krauss, Daniel E Lieberman, Gary Taubes, Jeff S Volek, Eric C Westman, Walter C Willett, William S Yancy, Jr e Cara B Ebbeling, è stao pubblicato il 13 settembre 2021 nel The American Journal of Clinical Nutrition.

Fonte:The American Journal of Clinical Nutrition

ULTIMI ARTICOLI

Obesità: l’eccesso di cibo non è la causa principale

(Obesità-Immagine Credit Public Domain). La prospettiva pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition sostiene che le cause alla radice dell'epidemia di obesità sono più legate a...

Insulino-resistenza: nuovi indizi sulla causa

(Insulino-resistenza-Immagine Credit Public Domain). In quello che potrebbe essere un punto di partenza per nuove terapie per affrontare l'insulino-resistenza, una delle principali cause del diabete...

La vitamina D potrebbe proteggere da COVID 19 grave

Una nuova ricerca del Trinity College e dell'Università di Edimburgo ha esaminato l'associazione tra vitamina D e COVID-19 e ha scoperto che la radiazione...

Nuovo percorso di terapia genica potrebbe proteggerci da cancro e demenza

(Terapia genica-Immagine Credito: Unsplash/CC0 dominio pubblico). I ricercatori dell'Università di Sheffield hanno scoperto un nuovo percorso di terapia genica con un importante meccanismo di regolazione...

Glioblastoma: farmaco antimicotico blocca la crescita

(Glioblastoma-Immagine Cfredit Public Domain). Il glioblastoma è il tumore cerebrale più letale e maligno che può derivare da cellule staminali o progenitrici neurogliali. Alcune mutazioni...