Nuovo trattamento di terapia genica per l’anemia falciforme inverte i sintomi

anemia falciforme

 Dopo oltre un decennio di ricerca e sviluppo preclinici, un nuovo trattamento di terapia genica per l’anemia falciforme (SCA) sta invertendo i sintomi della malattia in due adulti. 

Dati preliminari da uno studio clinico pilota di fase 1-2 che ha testato la terapia di aggiunta del gene, sono stati presentati il ​​3 dicembre alla riunione annuale dell’American Society of Hematology (ASH) a San Diego dal principale ricercatore Punam Malik, medico-scienziato presso il Cincinnati Children’s Cancer and Blood Diseases Institute e Direttore del suo Comprehensive Sickle Cell CenterMalik ha definito i dati ‘promettenti’.  

“Un anno dopo il trattamento del nostro primo paziente e sei mesi dopo il trattamento del nostro secondo paziente, entrambi hanno visto un notevole miglioramento della qualità della vita grazie alla notevole riduzione dei sintomi della malattia. Ciò include quasi l’eliminazione di eventi cronici di dolore e falcizzazione e anemia migliorata”, ha detto Malik. “Sebbene sia ancora poco il tempo post-trattamento, questi risultati preliminari sono abbastanza promettenti. Se sostenuta, questa terapia fornirà una terapia genica sicura e fattibile per tutti i pazienti con anemia falciforme “.

Vedi anche L’ analisi del sangue dei pazienti con anemia falciforme rivela come inizia l’ aggregazione cellulare.

La SCA è una malattia dolorosa ed ereditaria in cui le cellule del sangue diventano a forma di falce e restano bloccate nel sistema vascolare, danneggiando organi vitali e causando la morte.

Come funziona la terapia

La terapia genica sviluppata dal Cincinnati Children utilizza un vettore di lentivirus gamma globina modificato per trasferire un gene di emoglobina fetale sano nelle cellule staminali del sangue di un paziente (cellule staminali ematopoietiche, HSC). Il lentivirus è modificato in modo da non causare malattie.

La terapia deriva dall’osservazione che alcuni adulti non smettono mai di produrre emoglobina fetale (HbF). Questo previene l’embolia dei globuli rossi quando nel corpo sono presenti quantità sufficienti di HbF. Normalmente, il gene dell’emoglobina fetale si spegne poco dopo la nascita. Il nuovo approccio di terapia genica progettato da Malik e dal suo team, posiziona un gene dell’emoglobina fetale nelle cellule del midollo osseo.

Le cellule vengono raccolte in precedenza dal paziente con anemia falciforme e riprogrammate geneticamente in un laboratorio con il vettore lentivirus modificato. Quindi il midollo osseo del paziente è precondizionato con una dose bassa di chemioterapia, dopo di che le cellule corrette con il gene vengono reinfuse nel paziente. ‘I pazienti recuperano la loro conta ematica entro una settimana- 10 giorni e si riprendono dagli effetti della chemioterapia di due settimane’, ha detto Malik.

Una caratteristica chiave del regime di trattamento è il precondizionamento a intensità ridotta per i pazienti che ricevono la terapia per l’ anemia falciforme. Il metodo è meno tossico e costoso del precondizionamento mieloablativo normalmente utilizzato nei trapianti di midollo osseo.

Il condizionamento mieloablativo utilizza la chemioterapia ad alta intensità per preparare il midollo osseo di un paziente trapiantato con le cellule staminali del sangue corrette con il gene (HSC). Questo trattamento può causare infezioni gravi e lunghi soggiorni in unità di trapianto per uno o due mesi.

Ciò significa che i trapianti che usano il condizionamento mieloablativo devono essere eseguiti in centri medici grandi e sofisticati in parti del mondo sviluppate e secondo Malik  limita l’accesso alle persone delle regioni sottosviluppate in cui la SCA è più comune, come l’Africa, l’India, i Caraibi e il Sud America.

Raggiungere regioni ad alto bisogno

Un obiettivo di Malik e dei suoi colleghi è che il condizionamento a bassa intensità consentirà l’offerta negli ospedali in paesi come l’Africa centrale e altre regioni sottosviluppate del mondo.

L’ anemia falciforme colpisce più di 90.000 persone negli Stati Uniti e milioni di persone in tutto il mondo hanno la malattia, secondo i ricercatori.

Ulteriori dati dello studio dovranno confermare il beneficio clinico consistente e a lungo termine di questa terapia per i pazienti con SCA grave. Il trial prevede di trattare fino a 10 pazienti con SCA. Gli studi preclinici del gruppo di ricerca hanno suggerito che il trattamento consente al corpo di produrre globuli rossi normali invece delle cellule a forma di falce che definiscono il disturbo ereditario.

Miglioramento della qualità della vita 

Entrambi i pazienti adulti inclusi nella sperimentazione presentata all’ ASH hanno 35 e 25 anni e hanno avuto rispettivamente una terapia di trasferimento genico 15 e 12 mesi fa. Nell’anno e mezzo prima della terapia di correzione genica, entrambi i pazienti avevano più di una dozzina di eventi di crisi dolore acuto del torace, dolore cronico e richiedevano l’uso continuo di oppioidi orali o iniettabili su base regolare.

I ricercatori riferiscono che un anno dopo la terapia, il primo paziente non richiede più quotidianamente oppioidi orali per il dolore cronico e ha avuto un solo evento acuto . Il secondo paziente non usa più oppioidi orali e non ha avuto più eventi vaso-occlusivi.

Fonte, Newswise

Altri articoli su anemia falciforme