Nuovo trattamento dell’osteoporosi utilizza una pianta cinese

osteoporosi

Una pianta ampiamente utilizzata nella medicina tradizionale cinese si è dimostrata efficace nel trattamento dell’osteoporosi: impedisce la perdita ossea senza causare effetti collaterali.

Utilizzando un composto derivato dalla salvia rossa, i ricercatori UBC hanno trovato un modo per bloccare selettivamente un enzima chiamato Cathepsin K (CatK) che svolge un ruolo importante nella ripartizione del collagene.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel Journal of Bone and Mineral Research.

“Lo sviluppo di farmaci per l’osteoporosi si è concentrato  su CatK negli ultimi anni”, ha detto Dieter Brömme, Professore presso il Canada Research e Chair in Proteases and Disease. “Tutti i test clinici finora hanno dato scarsi risultati a causa degli effetti collaterali come  ictus, fibrosi cutanea e problemi cardiovascolari, derivanti dalla inattivazione dell’enzima Catk. Abbiamo trovato un modo per bloccare CatK solo nel tessuto osseo e pensiamo che questo impedirà lo sviluppo di altri effetti negativi”.

( Vedi anche:Scoperto un nuovo fattore di crescita ossea che potrebbe invertire l’ osteoporosi).

I ricercatori hanno sperimentato un composto derivato dalla salvia rossa nelle cellule ossee umane e di topo ed in un modello di topo. Hanno trovato che il composto ha impedito la perdita di ossea e aumentato la densità minerale ossea nei topi trattati del 35 per cento, rispetto al gruppo di controllo.

Lo studio si basa su precedenti ricerche di Brömme e del suo team che hanno esaminato l’efficacia del salvia rossa, conosciuta come Danshen in cinese.

I farmaci che bloccano gli enzimi funzionano come le chiavi nelle ​​serrature. La maggior parte dei farmaci in fase di sviluppo sono stati per questo definiti inibitori attivi a livello di sito e bloccano le funzioni dell’enzima relative alle malattie come il degrado del collagene, ma anche le altre funzioni normali.

“CatK è un enzima multifunzionale con ruoli importanti in altre parti del corpo e pensiamo che bloccarlo completamente come fanno questi farmac,i può provocare inaspettati effetti collaterali”, ha detto Preety Panwar, associato di ricerca nel laboratorio Brömme. “Il nostro composto blocca l’attività di Catk solo nelle ossa impedendo la ripartizione del collagene non regolamentata senza altri impatti negativi”.

Il trattamento potrebbe anche essere utilizzato per trattare una varietà di altre malattie ossee e cartilaginee come l‘ artrite e alcuni tumori ossei .

L’osteoporosi è un problema di salute globale che interessa una su tre donne e uno su cinque uomini in tutto il mondo.

Fonte:Journal of Bone and Mineral

Altri articoli su osteoporosi