Nuovo trattamento con dopamina della retinopatia diabetica

dopamina,retinopatia diabetica

Nuovo trattamento con dopamina della retinopatia diabetica.

I ricercatori hanno scoperto che i farmaci a base di dopamina, già utilizzati per il trattamento del morbo di Parkinson, possono anche essere utile per il trattamento della retinopatia diabetica, una delle principali cause di cecità negli adulti.

I risultati dello studio sono stati pubblicati recentemente sulla rivista Journal of Neuroscience.

La retinopatia diabetica colpisce più di un quarto degli adulti con diabete e minaccia la visione di più di 600.000 persone negli Stati Uniti. In precedenza i medici avevano pensato che la maggior parte della compromissione della visione nella retinopatia diabetica era causata da danni ai vasi sanguigni indotti da elevati livelli di zucchero nel sangue, ma sapevano che la dopamina, un neurotrasmettitore essenziale per il cervello, è importante anche nella retina.

“C’è stata già qualche evidenza che ha dimostrato che i livelli di dopamina sono ridotti nella retinopatia diabetica, ma cosa c’è di nuovo ? Nel nuovo studio siamo stati in grado di ripristinare i livelli di dopamina e migliorare la funzione visiva in un modello animale del diabete”, dice Machelle Pardue, PhD, professore associato di oftalmologia presso la Emory University School of Medicine ericercatore presso l’Atlanta VA Medical Center.

Il primo autore del documento è uno studente MD / PhD,  Moe Aung. Autori senior sono Pardue e P. Michael Iuvone, PhD, professore di oftalmologia e di farmacologia e direttore della ricerca visione presso la Emory Eye Center.

Aung ei suoi colleghi hanno esaminato modelli di  topi diabetici e li hanno trattati con streptozocina, che è tossico per le cellule che producono insulina nel pancreas. Iniettando topi con L-DOPA dopo che hanno ricevuto streptozocina, i ricercatori sono riusciti a ritardare la comparsa di problemi visivi e diminuire la gravità dei difetti. I ricercatori hanno anche scoperto che  L-dopa ha indotto benefici alle retine e migliorato le risposte retiniche, come misurato da elettroretinografia, a livelli simili agli animali di controllo.

L-DOPA, un precursore della dopamina, fa parte del trattamento più comune  per il morbo di Parkinson. I sintomi del Parkinson (tremori e difficoltà di movimento, così come disturbi del sonno, digestione e cognizione) sono causati dalla morte delle cellule che producono dopamina nel cervello. L-DOPA è solitamente combinato con carbidopa per combattere gli effetti collaterali e aumentare l’assorbimento nel cervello.

I ricercatori hanno anche misurato gli effetti di altri trattamenti dopamina legati sulla funzione visiva. Agonisti del recettore della dopamina – farmaci che mimano l’azione della dopamina – sono talvolta prescritti per i malati di Parkinson che non rispondono alla L-dopa. I neuroni e le cellule della retina hanno diverse molecole che consentano loro di rispondere alla dopamina, e singoli farmaci li riguardano a vari livelli. Lavorando con Iuvone, Chad Jackson, ora a Vanderbilt, ha scoperto che trattare i topi diabetici con agonisti dei recettori della dopamina che agivano sul D1R recettore, migliora la capacità dei ratti di vedere le linee sottili (acutezza), mentre i farmaci che agiscono su D4R migliora la sensibilità al contrasto.

“Questo è importante perché dimostra che trattamenti dopamina mirati potrebbero essere di beneficio per i pazienti con diabete “, dice Iuvone.

 

Fonte Journal of Neuroscience, 2014; 34. (3 ): 726 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.3483-13.2014


Altri articoli su dopamina, retinopatia diabetica