HomeMedicina AlternativaNuovo trattamento biologico del cancro

Nuovo trattamento biologico del cancro

(Cancro-Immagine Credit Public Domain).

Il virus del mosaico del fagiolo dall’occhio, quando iniettato nei tumori cancerosi, stimola il sistema immunitario ad attaccare e spesso ad eliminare il tumore. In un nuovo studio, i ricercatori di immunologia del Norris Cotton Cancer Center di Dartmouth e Dartmouth-Hitchcock, in collaborazione con i ricercatori della University of California San Diego Jacobs School of Engineering, caratterizzano i percorsi precedentemente non identificati attraverso i quali il virus (CPMV) viene riconosciuto dal sistema immunitario, aprendo la porta alla ricerca su CPMV come nuovo trattamento biologico del cancro.

Il lavoro precedente di un team di ricercatori guidati da Steven N. Fiering, Ph.D., Immunology and Cancer Immunotherapy E ricercatore presso il Norris Cotton Cancer Center di Dartmouth e Dartmouth-Hitchcock e Nicole Steinmetz, Ph.D., DEL Jacobs School of Engineering e Moores Cancer Center, University of California San Diego, ha dimostrato che un virus vegetale che non infetta i mammiferi, il virus della pianta del fagiolo dall’occhio (CPMV), quando iniettato in tumori cancerosi, stimolava fortemente il sistema immunitario ad attaccare e spesso eliminare il tumore. Tuttavia, si è capito molto poco sul riconoscimento immunitario dei virus delle piante e su come e perché il virus è eccezionalmente immunostimolante. In un nuovo studio, il team ha identificato il modo in cui il CPMV viene riconosciuto dal sistema immunitario, aprendo la strada a CPMV come nuovo farmaco biologico per il trattamento del cancro.

- Advertisement -

Il virus CPMV è riconosciuto dal sistema immunitario come un agente patogeno, un qualsiasi agente infettivo che può causare malattie, attraverso una famiglia di recettori sulle cellule immunitarie chiamati recettori toll-like. Questi recettori Toll-like riconoscono le molecole che segnalano l’invasione di un agente patogeno e inviano un segnale di avvertimento alle cellule immunitarie affinché si mobilitino per attaccare il patogeno. Quando i tumori vengono iniettati con CPMV, il sistema immunitario si attiva e attacca i tumori attraverso questo riconoscimento del modello patogeno. “Il riconoscimento del CPMV da parte dei recettori toll-like mostra come questi recettori siano abbastanza flessibili e riconoscano molti più modelli molecolari di quanto gli immunologi conoscessero in precedenza”, afferma Fiering.

Vedi anche:Una proteina dei fagioli Lablab blocca efficacemente le infezioni da virus influenzali e SARS-CoV-2

Durante il processo di stimolazione immunitaria, le cellule immunitarie rilasciano proteine ​​che segnalano e attivano altre cellule immunitarie, note come citochine. Lo studio del team, “Cowpea mosaic virus stimulates antitumor immunity through recognition by multiple MYD88-dependent toll-like receptors, appena pubblicato su Biomaterials, identifica i tre recettori toll-like che riconoscono il CPMV. Il documento sottolinea anche l’importanza di una particolare citochina, “l’interferone alfa”, per un forte impatto antitumorale quando viene utilizzata come vaccino in situ per curare il cancro.

La vaccinazione in situ, in cui i tumori vengono trattati direttamente con reagenti immunostimolanti, ha il potente potenziale per migliorare l’immunoterapia del cancro in modo sicuro ed economico. “La vaccinazione in situ ha già contribuito al trattamento del cancro. CPMV è un eccellente reagente che potrebbe presto essere utilizzato per aiutare i pazienti allo stesso modo”, afferma Fiering. “Il trattamento con la vaccinazione in situ di un tumore da parte di CPMV può stimolare il sistema immunitario ad attaccare anche tumori metastatici a distanza che non sono stati trattati“.

- Advertisement -

Fonte:Biomaterials

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...