Home Salute Nuovo target CAR-T produce risultati promettenti per il mieloma multiplo

Nuovo target CAR-T produce risultati promettenti per il mieloma multiplo

Immagine: micrografia di un plasmacitoma, correlazione istologica del mieloma multiplo. Macchia H&E. Credito: Wikipedia / CC BY-SA 3.0

Troppi pazienti con tumori come il mieloma multiplo recidivano dopo il trattamento. Questa triste realtà ha motivato i ricercatori dell’Huntsman Cancer Institute (HCI) dell’Università dello Utah (U of U) a cercare di migliorare la profondità e la durata della risposta al trattamento nel mieloma multiplo attraverso un nuovo meccanismo di target delle cellule tumorali.

Il mieloma multiplo è il secondo tumore del sangue più comune e si sviluppa nel midollo osseo. Circa 30.000 nuovi casi vengono diagnosticati ogni anno.

Nella ricerca pubblicata oggi sulla rivista Nature Communications, gli scienziati con sede nello Utah descrivono un nuovo modo di trattare i tumori usando la terapia con cellule T del recettore dell’antigene chimerico (CAR). Test di laboratorio con modelli di topo e cellule tumorali di pazienti hanno mostrato risultati promettenti per questa nuova immunoterapia cellulare per mieloma multiplo e altri tipi di tumore del sangue.

Vedi anche, Mieloma multiplo: immunoterapia CAR-T offre nuove speranze

Gli scienziati dell’ Università dello Utah hanno sviluppato cellule T CAR che colpiscono una molecola, CD229, presente sulle cellule tumorali dei pazienti con mieloma nel corso della loro malattia. È importante sottolineare che CD229 è presente anche sulle cellule staminali del mieloma, che sono la fonte di cellule tumorali resistenti al trattamento in pazienti con ricaduta. Le immunoterapie che attivano il sistema immunitario di un paziente per combattere il cancro si sono dimostrate altamente efficaci per molti tipi di tumori del sangue. Nella terapia con cellule T CAR, i medici prelevano le cellule T dal sangue di un paziente e le ingegnerizzano per riconoscere e attaccare le cellule tumorali attraverso un “gancio” aggiunto, chiamato CAR, che riconosce una molecola di superficie sulle cellule tumorali. Le cellule T CAR progettate vengono restituite ai pazienti tramite infusione endovenosa. Le cellule T CAR trovano quindi, attaccano e distruggono le cellule tumorali nel corpo del paziente.

Mentre questi approcci hanno dimostrato notevoli progressi e risultati a lungo termine per alcuni, molti altri pazienti sperimentano solo un breve miglioramento, seguito dalla ricorrenza della loro malattia.

Lo studio è stato condotto da Djordje Atanackovic, MD, medico-scienziato dell’HCI e Professore associato di medicina interna, divisione di ematologia e neoplasie ematologiche presso l’Utha.

Lo studio si basa sul precedente lavoro di Atanackovic e dei suoi colleghi in cui hanno identificato CD229 nel mieloma multiplo e su altre cellule tumorali a cellule B. Una volta identificato l’obiettivo CD229, ci sono voluti diversi anni per completare il complicato lavoro di ingegneria e di laboratorio per testare se CD229 era un nuovo agente praticabile per un approccio CAR T.

“Siamo rimasti sconcertati dal fatto che, sebbene alcuni dei nostri pazienti rispondano abbastanza bene alle immunoterapie attualmente disponibili, hanno recidivato già un anno dopo il trattamento”, afferma Atanackovic. “Abbiamo pensato che se fossimo in grado di colpire tutte le ultime cellule tumorali nel corpo di un paziente, comprese le cellule staminali del cancro, questo potrebbe fare la differenza critica e produrre risposte più durature e più profonde al trattamento”.

Il ricercatori dell’HCI Tim Luetkens esperto di ingegneria cellulare e proteica e Sabarinath Radhakrishnan, MD, assistente Professore di medicina interna presso la U Utha, hanno guidato lo sviluppo della terapia nel laboratorio di Atanackovic. Hanno progettato il primo anticorpo completamente umano contro CD229 e, con questo “gancio” di nuova concezione, hanno prodotto cellule T CAR indirizzate a CD229. Hanno confermato la loro ipotesi che CD229 CAR T uccide le cellule del mieloma multiplo maturo, nonché le cellule staminali del mieloma, utilizzando un modello murino, nonché le cellule staminali derivate da pazienti affetti da mieloma. Hanno anche dimostrato che in questo ambiente di laboratorio, i tumori trattati con CD229 CAR T sembravano dare risposte di lunga durata.

Il team prevede di completare ulteriori analisi per capire se questo approccio può essere tranquillamente utilizzato nell’uomo. I ricercatori sperano di aprire studi clinici per comprendere ulteriormente il potenziale del CD229 come nuova terapia per il mieloma multiplo. “Una serie impressionante di risorse e collaboratori della Università Utah ha davvero permesso a questo studio di progredire”, ha dichiarato Atanackovic. “Avere accesso ai tessuti di pazienti disposti a condividere il loro sangue e midollo osseo per la ricerca, lavorare in collaborazione con altri scienziati che forniscono le loro competenze e ricevere piccole sovvenzioni per sostenere le prime fasi di questa ricerca sono stati tutti elementi cruciali per il nostro studio. Abbiamo fatto notevoli progressi nell’affrontare un problema che vedo nei miei pazienti ogni giorno che sono in clinica “.

Fonte, Nature

 


ULTIMI ARTICOLI

Identificata la proteina che causa le convulsioni

Immagine: Public Domain. Gli scienziati, guidati da un ricercatore biomedico dell'Università della California, Riverside, hanno identificato un nuovo meccanismo responsabile dello sviluppo anormale delle connessioni neuronali...

Nuova luce sui meccanismi responsabili dell’emicrania familiare

Immagine: Public Domain. I neuroscienziati dell'Università di Zurigo hanno gettato una nuova luce sui meccanismi responsabili dell'emicrania familiare: hanno dimostrato che una disfunzione genetica in...

L’ananas potrebbe essere una nuova arma contro COVID-19?

Immagine: Public domain. I risultati di una recente ricerca negli Stati Uniti indicano che il gambo di ananas ricco di bromelina può essere utilizzato come agente...

Gli acidi biliari stimolano la rigenerazione intestinale

Immagine:Cripte intestinali di topo. Credito: K. Schoonjans (EPFL). I ricercatori dell'EPFL hanno fatto una scoperta sorprendente su come gli acidi biliari agiscono come molecole di...

L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Immagine:SARS-CoV-2 (mostrato qui in un'immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), venerdì 18 settembre...