Nuovo studio esplora i rischi del cibo ultra-elaborato

cibo ultra-elaborato

Un importante studio francese pubblicato lunedì, ha trovato per la prima volta un legame tra il consumo di cibo ultra-elaborato e un rischio maggiore di morte. I ricercatori hanno comunque avvertito che è necessario un ulteriore lavoro per determinare i  meccanismi che entrano in gioco in questa associazione.

Lo studio, che prevedeva il monitoraggio delle diete di decine di migliaia di francesi tra il 2009 e il 2017, ha trovato un modesto legame tra l’aumento del consumo di alimenti ultra-elaborati –come formulazioni pronte per il consumo o per il riscaldamento – e un maggiore rischio di mortalità durante quel periodo.

I risultati dello studio sono stati pubblicati su JAMA Internal Medicine, dall’American Medical Association.

” Non dovremmo essere allarmisti o dire che mangiare un pasto confezionato ti dà una probabilità maggiore di morire del 15%“, ha ammonito Mathilde Touvier, Direttrice del team di ricerca sull’epidemiologia nutrizionale all’Università Paris 13, che gestiva la NutriNet-Sante insieme ai team di Inserm, Inra e CNAM.

La relazione tra dieta e malattia è complessa e i risultati degli studi sono spesso fraintesi.

L’anno scorso, lo stesso team francese ha pubblicato uno studio sul cibo biologico e su come si relazionasse al rischio di cancro.

Un più alto tasso di cancro è stato riscontrato nelle persone che mangiavano meno alimenti biologici, ma lo studio non ha concluso che esisteva un nesso causale, sebbene ciò non impedisse a molti mezzi di comunicazione di escludere gli effetti di lotta contro il cancro del cibo biologico.

Circa 45.000 persone di età superiore ai 45 anni, in maggioranza donne, hanno preso parte all’ultimo studio. Ogni sei mesi, è stato loro chiesto di compilare tre sondaggi online, assegnati in modo casuale ogni due settimane, su tutto ciò che mangiavano o bevevano in un periodo di 24 ore.

Dopo sette anni, circa 600 persone sono morte. I ricercatori hanno quindi ridotto i numeri e scoperto che un aumento del 10% nella proporzione di alimenti ultra-elaborati nella dieta corrispondeva a un aumento del 15% della mortalità.

Ma Touvier ha avvertito che piuttosto che concentrarsi sulla figura, ciò che conta è l’esistenza di una correlazione statisticamente significativa – e lo studio è una parte del crescente corpo di lavoro in materia.

Gli alimenti ultra-trasformati rientrano nel gruppo 4 del sistema di classificazione degli alimenti NOVA riconosciuto dalle agenzie di salute, compresa l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Vedi anche,Cancro del colon: snack trasformati potrebbero aumentare il rischio.

Sono cibi che hanno subito diversi processi di trasformazione incluso il riscaldamento ad alte temperature e la presenza di additivi, emulsionanti e testurizzanti. Molti prodotti pronti, ricchi di sale o zucchero e con poche vitamine e fibre, rientrano in questa categoria.

L’anno scorso, i ricercatori francesi hanno pubblicato i risultati dello stesso studio NutriNet-Sante, osservando più tumori tra i consumatori pesanti di questi alimenti.

Poiché non è possibile per ragioni etiche condurre un esperimento controllato in cui un gruppo mangia cibi ultra-elaborati e l’altro no, gli studi osservazionali sono l’unica opzione possibile.

Ma sono inevitabilmente imperfetti, incentrati su un’accurata segnalazione di sé, mentre ci sono anche una miriade di altri fattori “invisibili” in gioco, anche se i risultati sono adeguati per compensare i criteri socio-demografici e la qualità complessiva della dieta.

Resta la domanda scottante, ‘cosa in questi alimenti causa impatti negativi sulla salute’?

Un’ipotesi diffusa è la presenza di additivi, che sono stati studiati in condizioni di laboratorio su cellule e su ratti, in particolare dall’Istituto nazionale francese per la ricerca agricola (INRA).

Lo studio è “un importante contributo alla letteratura” sull’argomento. Casey Rebholz, Assistente Professore di Epidemiologia presso la Johns Hopkins School of Public Health ha riferito all’AFP, che la metodologia utilizzata per lo studio era solida nonostante i limiti intrinseci di studi di questa natura.

“Un altro messaggio importante è che tali alimenti sono consumati in modo sproporzionato da persone a basso reddito”, ha affermato la Professoressa Nita Forouhi della School of Clinical Medicine dell’Università di Cambridge.

Il consumo di alimenti altamente trasformati riflette le disuguaglianze socialisono consumati in modo sproporzionato di più da individui con redditi più bassi o livelli di istruzione o da coloro che vivono da soli“, ha detto la ricercatrice.

“Questi alimenti sono attraenti perché tendono ad essere più economici, sono altamente appetibili a causa dell’alto contenuto di zucchero, sale e grassi saturi, sono ampiamente disponibili … C’è ancora molto da fare per affrontare queste disuguaglianze”.

Fonte, JAMA

Altri articoli su cibo ultra-elaborato