Nuovo estratto naturale inibisce lo sviluppo della nefropatia diabetica

nefropatia diabetica

Un team di ricercatori ha pubblicato nel Journal of Cellular Physiology uno studio che un nuovo estratto naturale è in grado di inibire lo sviluppo della nefropatia diabetica, una malattia renale che sta aumentando nell’incidenza in tutto il mondo.

“Il nuovo estratto di origine naturale, ottenuto da arance rosse e limoni, è ricco di cianidina 3-glucoside e altri polifenoli. Questa scoperta apre nuove prospettive per limitare il danno renale indotto dal diabete mellito di tipo II e per bloccare lo sviluppo della nefropatia diabetica“, dice  il

Prof. Roberto Ciarcia, Professore associato di Farmacologia e tossicologia veterinaria del Dipartimento di medicina veterinaria e produzione animale presso l’Università di Napoli Federico II.

Lo studio, “Un estratto di arance rosse e derivati ​​del limone ricco di antocianine inibisce la progressione della nefropatia diabetica“, pubblicato per la prima volta online il 29 maggio 2019, descrive come l’estratto ha ripristinato i livelli di glucosio nel sangue, il peso corporeo e normalizzato l’ossidazione sulla funzione renale in un gruppo di test di ratti grassi diabetici di Zucker.

Gli autori dello studio comprendono collaboratori del Dipartimento di medicina veterinaria e produzione animale dell’Università Federico II di Napoli e dell’Organizzazione per la ricerca sanitaria di Sbarro (SHRO), del Centro di Biotecnologie, della Temple University di Filadelfia.

Vedi anche,Scoperto virus atipico che funge da driver per alcune malattie renali.

“Il mio gruppo di ricerca, attraverso la sofisticata tecnica di micropuntura renale condotta da Sara Damiano, primo autore dello studio, ha valutato a livello tubulare il meccanismo coinvolto durante la nefropatia diabetica e ha scoperto un importante effetto protettivo di questo nuovo estratto“, afferma Prof Salvatore Florio, Professore ordinario di Farmacologia e Tossicologia Veterinaria del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzione Animale presso l’Università di Napoli,Federico II. “È importante sottolineare che questo composto è stato ottenuto in collaborazione con il Consiglio per la ricerca agricola e l’economia, Centro di ricerca per l’oliva, agrumi e frutti di bosco, di Acireale”.

La capacità del nuovo estratto di ridurre il danno renale è notevole, considerando che la nefropatia diabetica potrebbe indurre insufficienza renale. Speriamo che questo nuovo estratto possa essere un composto utile per combattere la progressione della nefropatia diabetica e consentire un miglioramento della qualità della vita dei pazienti con diabete mellito di tipo II “, conclude Damiano.

Fonte,