Home Medicina Alternativa Nuovo composto dei mirtilli potrebbe trattare la IBD

Nuovo composto dei mirtilli potrebbe trattare la IBD

Immagine: Public Domain.

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), causata dall’infiammazione cronica dei rivestimenti del tratto digerente, può essere debilitante e pericolosa per la vita.

 Le opzioni terapeutiche includono la soppressione della risposta immunitaria, ma i trattamenti che portano alla cura completa delle IBD non sono ancora disponibili. Recentemente, un team di ricercatori della Tokyo University of Science ha scoperto un composto polifenolico derivato dal mirtillo che mostra notevoli effetti immunosoppressivi e può essere utile nel trattamento della IBD.

È noto che varie piante e i loro prodotti contengono ingredienti “bioattivi” in grado di alleviare le malattie umane. Questi “fitocomposti” spesso contengono proprietà biologiche riparatrici come effetti antitumorali, antiossidanti e antinfiammatori. Quindi, capire come interagiscono con il corpo può portare a potenziali strategie di trattamento contro i principali disturbi immunitari.

Un team di ricercatori della Tokyo University of Science, guidato dal Prof Chiharu Nishiyama, ha lavorato in questa direzione negli ultimi anni, per identificare nuovi componenti attivi negli alimenti funzionali e comprenderne gli effetti sul corpo. I loro sforzi hanno ora portato al successo: nel loro ultimo studio, pubblicato su The FASEB Journal, gli scienziati hanno identificato un composto polifenolico chiamato “pterostilbene” (PSB) con forti proprietà immunosoppressive, rendendolo una potenziale opzione terapeutica per le malattie infiammatorie croniche, inclusa la malattia infiammatoria intestinale (IBD). 

Vedi anche: L’estratto di mirtilli rende i batteri più sensibili agli antibiotici

Questo composto è molto simile a un altro fitocomposto noto per avere importanti effetti medicinali, chiamato “resveratrolo” (RSV). Il Dottor Takuya Yashiro, l’autore corrispondente di questo rapporto, spiega l’idea che ha spinto questa ricerca: “L’RSV, un polifenolo, era noto per avere effetti immunomodulatori e antinfiammatori pronunciati su modelli animali di ulcera e colite. Pertanto, abbiamo studiato la possibilità di altri composti strutturalmente simili all’RSV come nuovo tipo di trattamento per l’IBD”.

Nei pazienti con IBD, il rivestimento del tratto gastrointestinale contiene ulcere di lunga durata causate da infiammazione cronica a causa di un’elevata risposta immunitaria nel corpo. Ciò comporta l’eccessiva produzione di molecole legate al sistema immunitario chiamate “citochine”. Inoltre, sono coinvolti anche due tipi di cellule immunitarie, “cellule dendritiche” (DC) e “cellule T”: all’inizio di una risposta immunitaria, le DC producono citochine infiammatorie e attivano le cellule T per avviare una risposta di difesa. Questi processi insieme formano un percorso complesso che si traduce in una risposta immunitaria “iper”. Pertanto, per trovare un composto efficace in grado di sopprimere il sistema immunitario, era fondamentale testarlo su questa popolazione di cellule immunitarie.

Pertanto, per cominciare, gli scienziati hanno studiato gli effetti di una serie di composti di origine vegetale sulla proliferazione delle cellule T mediata da DC. La  ricerca iniziale li ha portati allo “pterostilbene” (PSB) che ha mostrato un’attività immunosoppressiva più forte rispetto agli altri candidati. Quando hanno scavato più a fondo, i ricercatori hanno scoperto che il trattamento con PSB impedisce alle cellule T di differenziarsi in Th1 e Th17 (sottotipi di cellule T che elevano la risposta immunitaria), aumentando la loro differenziazione in cellule T regolatorie (un altro sottotipo noto per inibire l’infiammazione). Hanno anche rivelato che il trattamento con PSB inibisce la produzione di citochine infiammatorie da DC attenuando l’attività di legame al DNA di un fattore di trascrizione cruciale PU.1. Quando hanno ulteriormente testato la PSB nei topi con IBD, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione orale di PSB ha migliorato i sintomi dell’IBD. Quindi, lo studio ha confermato che PSB è un agente antinfiammatorio estremamente promettente per combattere l’IBD. Non solo questo ― è facilmente assorbito dall’organismo, e questo lo rende un cancdidato farmaco ideale!

Grazie a questi risultati, gli scienziati hanno introdotto nuove possibilità per il trattamento non solo dell’IBD, ma anche di altri disturbi infiammatori. Il Dottor Yashiro conclude:  “Per la prevenzione delle malattie, è importante identificare i componenti benefici negli alimenti e comprendere il meccanismo sottostante attraverso il quale le risposte immunitarie e l’omeostasi vengono modulate nel corpo. I nostri risultati hanno mostrato che il composto “pterostilbene”  possiede una forte proprietà immunosoppressiva, aprendo la strada a un nuovo trattamento naturale per l’IBD “.

Fonte: Tokyo University of Science

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...